Benzina e telefono: i super rimborsi della 'grillettopoli' moderna

La Taverna ha speso 17 mila euro di telefono (quando le tariffe sono nettamente inferiori) e oltre 20 mila euro di benzina. Barbara Lezzi addirittura 27 mila euro di benzina. Come fare Roma-Mosca andata e ritorno 30 volte

Scatenata Taverna

Scatenata Taverna

globalist 3 marzo 2019
L’anticasta che è diventata Kasta e i soldi pubblici tanto schifati che però diventano così ghiotti quando uno ce li ha sottomano.
Così guardando le spese fatte dagli ex francescani grillini emergono una serie di curiosità e - va detto - anche alcuni sospetti sulla congruità di spese che se non sono gonfiate cono quantomeno allegre. Dati ufficiali ricavati dalla lettura delle varie voci pubblicate sul sito "maquantospendi.it".
A cominciare dalla sciamannata Taverna, la vice-presidente del Senato che non ha mai negato una parolaccia o un insulto a chiunque o quasi a tutti.
Si scopre così che la parolacciara del Quarticciolo ha speso 17.751 euro per telefono e internet in cinque anni. Uno sproposito visto che ci sono tariffe a minuti e giga illimitati molto ma molto più convenienti. Ma come è riuscita? Spendendo 15.073 euro in ricariche e abbonamenti, 673 per internet e chiavetta wi fi e il resto in accessori. Prima assoluta tra i grillini. Con una domanda: ma quanto tempo avrà passato al telefono e come mai non ha sottoscritto un abbonamento che con 20/30 euro al mese le avrebbe consentito di tutto? Misteri grillologici, a a meno di non voler pensar male…
La Taverna, pur essendo di Roma, ha pagato 4500 euro per l’alloggio. E 48 mila euro per eventi sul territorio. Inoltre 20.501,85 euro di benzina che significa che ha passato gli anni viaggiando e telefonando. O anche telefonando mentre viaggiava. Ma per Roma, visto che non risultano pedaggi autostradali significativi. 
E come mai ha fatto? Con quei soldi ci si acquistano circa 12800 litri di benzina (con l’iperself anche di più) e con una Panda ci si fanno 230 mila chilometri. Magari con una cilindrata superiore 180/200 mila. Come fare Roma-Mosca andata e ritorno 30 volte.
Però la Taverna è solo seconda in questa classifica: Barbara Lezzi ha speso perfino 7 mila euro in più, per un totale di 27.258 euro in benzina. E considerando che passava molto del suo tempo a Roma pur essendo pugliese significa che quando tornava a casa praticamente dormiva in macchina, oppure che ha fatto il giro del mondo spostando il verbo grillino.
C’è da dire che Barbara Lezzi ha speso anche 119 mila euro di alloggio, con una media di 2.200 euro al mese, che non è esattamente quello che può permettersi un semplice esponente del ‘popolo’ con moglie e figli a 1500 euro al mese. Poi 48 mila euro per eventi sul territorio, quinta nella classifica che vede con oltre 200 mila euro Di Maio in testa.
Ma se per le spese d’alloggio la Lezzi è seconda, in testa c’è Marta Grande, 31 anni, ha speso 131.289,20 di alloggio dall'inizio della legislatura svettando in cima alla classifica. Poi 14 mila euro di spese telefoniche. Ma almeno niente carburante. Però 10 mila euro di taxi, 14 mila euro di cene o pranzi di lavoro e e 1928 euro di bar