Roma, attentato alla metro. I neofascisti: la gente deve avere paura
Top

Roma, attentato alla metro. I neofascisti: la gente deve avere paura

Secondo quanto emerso dall'informativa del Ros, il piano del gruppo sgominato ieri aveva due fasi: prima il terrore, poi farsi avanti "per garantire la sicurezza".

Roma, attentato alla metro. I neofascisti: la gente deve avere paura
Preroll

redazione Modifica articolo

23 Dicembre 2014 - 15.35


ATF
di Claudio Bellumori

Libro e moschetto non fanno più scuola. Il gruppo di neofascisti sgominato ieri, infatti, puntava anche a incutere terrore tra la gente. Tra gli obiettivi la metropolitana di Roma. La Città Eterna, secondo quanto emerge nell’informativa del Ros, era finita nel mirino dei ‘neri’.

A capo di Avanguardia Ordinovista c’è Stefano Manni, ex maresciallo dei carabinieri. Lui ha contatti con Militia, gruppo di estrema destra. Un connubio, questo, che avrebbe portato a colpire l’Urbe.
Il progetto per attaccare la metro capitolina era diviso in due parti: creare il panico e poi farsi avanti per garantire l’ordine pubblico.

E il piano aveva già cominciato a tracciare il solco. Nel corso di una telefonata dello scorso febbraio viene detto: “I metodi operativi di attuazione del piano non sarebbero difficili, basterebbe utilizzare un doppio zaino, uno piccolo in uno grande, uguali, quello piccolo andrebbe lasciato, mentre quello grande portato via. Il colpo sarebbe di rilievo mediatico. Il tempo storico è propizio”.

Leggi anche:  A Roma sul trenino: 14 controllori per un passeggero in confusione che non parlava italiano (ma aveva il biglietto)

Dopo la paura, la sicurezza. “Ci dev’essere chi si propone per la soluzione del problema; questo perché le persone chiedono aiuto solo quando vengono colpite direttamente”.

Native

Articoli correlati