No Tav, la Cassazione rispedisce al mittente il reato di terrorismo
Top

No Tav, la Cassazione rispedisce al mittente il reato di terrorismo

La Cassazione accoglie il ricorso dei difensori dei quatro attivisti No Tav in carcere da sei mesi. Va riformulato il reato. Dubbi e polemiche su dissenso e repressione.

No Tav, la Cassazione rispedisce al mittente il reato di terrorismo
Preroll

redazione Modifica articolo

16 Maggio 2014 - 10.58


ATF

La notizia in sintesi è questa: la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza del tribunale della libertà che ora dovrà riformulare il reato per i quattro attivisti in carcere, in base alle indicazioni della Cassazione. Cade quindi il reato di terrorismo. I ricorsi erano stati presentati dai legali di Claudio Alberto, Niccolò Blasi, Mattia Zanotti e Chiara Zenobi, in carcere da cinque mesi con l’accusa gravissima di terrorismo.

Inutile girarci intorno, è una sconfitta evidente per le scelte giudiziarie decise a Torino. “L’estrema forzatura dei pm con l’elmetto che hanno basato tutta l’accusa sul reato del 270 sexies (connesso al 280 ): attentato con finalità terroristiche, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, oltre che detenzione di armi da guerra e danneggiamenti… va in pezzi se giudicata fuori dalle mura amiche della città di Torino”.

Soddisfatto uno dei legali degli attivisti, Claudio Novaro, che afferma: “Era un’accusa che non stava in piedi in alcun modo. Non stiamo parlando di una manifestazione di piazza e quello che accadde non ha nulla a che vedere con fatti di terrorismo”. Nella vicenda sotto la lente della Suprema Corte per la prima volta è stato applicato il reato del ‘270 sexies’, “attentato con finalità terroristiche, atto di terrorismo con ordigni micidiali ed esplosivi, oltre che detenzione di armi da guerra e danneggiamenti”.

Leggi anche:  Uccise la fidanzata durante la pandemia: per la Cassazione bisogna considerare lo stress covid

In effetti la sproporzione per il danneggiamento di un compressone (e cose simili) e l’accusa di attentare allo Stato è abbastanza evidente. Come è evidente una certa sintonia tra forze politiche, imprese impegnate nel Grande Affare e media, tutti i principali schierati sul fronte Sì Tav. Per esempio stamattina Repubblica è affranta e scrive: “Strategie decise con grande sofferenza da Giancarlo Caselli nel suo ultimo anno come capo della Procura torinese che affermò un principio: Non perseguiamo la protesta ma semplicemente i reati commessi”. Ecco, per l’appunto: i danneggiamenti… Ma è bello leggere della “grande sofferenza” nel prendere decisioni così estreme e forti, che a molti sono sembrate repressive, utili per tacitare un dissenso vero, motivato, popolare come quello che esprime la Val Susa massacrata da una Grande Opera Inutile.

Scrive Notav.info: “Sarebbe ora di prendere atto dell’anomalia in corso nella procura torinese e nel pool di pm con l’emetto che oggi, dopo il dossier sulle strane amicizie del pm Rinaudo, la bufala dell’aggressione all’autista (montata poi da pm e media)e la sentenza odierna, ha perso definitivamente credibilità”.

Native

Articoli correlati