La vita a muso duro di Pierangelo Bertoli
Top

La vita a muso duro di Pierangelo Bertoli

Pierangelo Bertoli un cantante scomparso troppo presto ma che continua a incantarci e a farci riflettere con le sue canzoni

La vita a muso duro di Pierangelo Bertoli
Pierangelo Bertoli
Preroll

Giancarlo Governi Modifica articolo

4 Febbraio 2022 - 23.07


ATF

Tanti anni fa (35 o 40, chissà?) Caterina Caselli che aveva iniziato il suo lavoro di talent scout mi portò un 45 giri con una bella faccia stampata sopra. Il titolo era “Eppure soffia” e la faccia era quella di Pierangelo Bertoli. Lo ascoltai e ne rimasi affascinato. Invitai subito Pierangelo a un concerto che noi della Seconda Rete tenevamo a Bologna il 25 aprile e che si intitolava “canto per la Libertà”. Caterina era titubante perché pensava che in Rai non si volesse mostrare i disabili, le persone in carrozzina, i non vedenti, perché potevano “turbare”. Dissi a Caterina che noi della Seconda rete diretta da Massimo Fichera stavamo facendo cadere tutti i tabù e avremmo fatto cadere anche questo. Pierangelo salì sul palco con la sua carrozzina inquadrato dalla telecamera.

Con questo straordinario cantautore, un vero poeta proletario, con la sua voce vera e con le sue melodie dolcissime, strinsi un rapporto di stima e di amicizia forte che lui volle suggellare chiedendomi di scrivere la presentazione del suo primo lp, “Il centro del fiume”.

Leggi anche:  Un matrimonio riuscito: al MedRadioFest la musica classica incontra il nuovo tango di Piazzolla 

Ho seguito tutta la sua carriera straordinaria, facendolo partecipare ad altri programmi televisivi, e fino al trionfo di Sanremo con i Tazenda, dove ebbe una standing ovation interminabile e fuori da tutte le regole.
Quando Pierangelo ci ha lasciato ho pensato subito di raccontarlo in uno dei miei programmi ma ho trovato sempre un muro. Ma oggi, il nome di Pierangelo sarà oggetto di un mio programma, che ho realizzato per la regia di Silvio Governi e che andrà in onda il 30 dicembre su Raitre alle ore 23.
Il titolo? Pierangelo Bertoli, una vita a muso duro, ovviamente.

Native

Articoli correlati