Wojtyla e Roncalli santi entro l'anno
Top

Wojtyla e Roncalli santi entro l'anno

Oggi Papa Francesco ha firmato i decreti per la canonizzazione di entrambi. A giorni il concistoro con l'annuncio delle date.

Wojtyla e Roncalli santi entro l'anno
Preroll

Desk3 Modifica articolo

5 Luglio 2013 - 19.19


ATF

Giovanni XIII e Giovanni Paolo II saranno proclamati santi entro l’anno: Papa Francesco ha firmato oggi i decreti per la canonizzazione di entrambi.

Francesco infatti, ha comunicato il portavoce vaticano, padre Federico Lombardi, “ha approvato il miracolo, attribuito all’intercessione del Beato Giovanni Paolo II (Karol Wojtyla), Sommo Pontefice; nato a Wadowice (Polonia) il 18 maggio 1920 e morto a Roma il 2 aprile 2005; ha approvato, infine, i voti favorevoli della Sessione Ordinaria dei Padri Cardinali e Vescovi circa la canonizzazione del Beato Giovanni XXIII (Angelo Giuseppe Roncalli) e ha deciso di convocare un Concistoro, che riguarderà anche la canonizzazione del Beato Giovanni Paolo II”.

Papa Francesco ha dunque “dispensato” il suo predecessore Roncalli dal processo relativo a un secondo miracolo dopo quello che gli guadagnò la beatificazione nel 2000. Si tratta di una possibilità che compete al Pontefice, e della quale si era avvalso anche Benedetto XVI per Ildegarda di Bingen.

Quanto alla data delle canonizzazioni, Papa Francesco la annuncerà personalmente in un Concistoro che si terrà nei prossimi giorni.

Leggi anche:  Papa Francesco: "In un tempo segnato dalle guerre bisogna essere artigiani di pace"

“Verosimilmente si tratterà di un’unica cerimonia e si terrà entro l’anno”, ha detto da parte sua padre Lombardi. La data che in queste ore circola con insistenza – ma della quale non viene data conferma – è quella dell’8 dicembre”. Il miracolo attribuito a Giovanni Paolo II riguarda la guarigione di una signora del Costa Rica, Floribhet Mora. Come è ormai noto, l’episodio inspiegabile per la scienza avvenne la sera stessa del primo maggio 2011, il giorno nel quale Giovanni Paolo II fu proclamato Beato. Proprio quel giorno, infatti, una donna irrimediabilmente malata lo prego’ e fu guarita. La signora era stata colpita da una grave lesione cerebrale. Grazie all’intercessione del Beato Giovanni Paolo II l’intera famiglia della donna avrebbe ritrovato la fede: quasi un doppio miracolo. Tanto che in Vaticano si parla dell’episodio come di qualcosa che non appena sarà conosciuto nei dettagli stupirà il mondo, un evento davvero prodigioso.

Quanto alla dispensa concessa a Giovanni XXIII, per il quale “non c’è un decreto sul miracolo”, Lombardi ha sottolineato che “c’è una volontà presentata dalla congregazione delle Cause dei santi, e accolta dal Papa, di arrivare alla canonizzazione anche senza un secondo miracolo, una procedura semplificata che pero’ arriva in porto secondo la volontà del Papa”.

Leggi anche:  Don Gherardo Gambelli, il prete delle periferie diventato arcivescovo di Firenze

Il Pontefice, infatti, “ha il potere dal dispensare una causa dal secondo miracolo”. Papa Giovanni stesso, nel 1960, ricorse a questa facoltà canonizzando un santo a lui caro, Gregorio Barbarigo che era stato vescovo della sua Bergamo alla fine del ‘600. Secondo il postulatore della causa, il francescano fra Giovangiuseppe Califano, la decisione “è il segno che il ricordo di Papa Giovanni e’ sempre vivo in tutto il mondo. Anche se non viaggio’ mai Oltreoceano, sappiamo che spesso inviò radiomessaggi ai Paesi dell’America Latina, si interessò dei problemi di quelle genti grazie anche ai missionari e alle nunziature.

E poi sicuramente ci furono contatti con la presidenza degli Stati Uniti, testimoniata anche dal fatto che Giovanni ricevette fra gli altri la moglie di Kennedy, Jacqueline, e il presidente Lyndon Johnson. Torniamo al miracolo atteso dal Beato Papa Giovanni”. Inoltre di miracoli Giovanni XXIII ne ha fatti moltissimi (oltre a quello riconosciuto, che salvò la vita, il 25 maggio 1966 a suor Caterina Capitani guarita inspiegabilmente dalle conseguenze di una grave emorragia, avvenuta dopo che, oltre un anno prima, era stata sottoposta ad una resezione gastrica quasi totale). A Sotto il Monte, ad esempio, c’è una stanza della casa natale di Angelo Giuseppe Roncalli dove i Padri del Pime custodiscono centinaia di fiocchi rosa e azzurri. Sono anche questi ex voto lasciati da genitori che ringraziano il Papa per aver ottenuto la grazia di aver avuto un figlio. E magari si tratta di casi di madri sterili o comunque di fatti che andrebbero analizzati.

Leggi anche:  Migrazioni, Francesco chiede umanità ma soprattutto che si contrastino alla radice fame, guerra e persecuzioni

Anche qui ci può essere stato il miracolo.

[GotoHome_Torna alla Home]
Native

Articoli correlati