Morì montando il palco della Pausini: risarcimento di 1.936 euro
Top

Morì montando il palco della Pausini: risarcimento di 1.936 euro

La madre dell'operaio schiacciato dal palco riceverà meno di 2.000 euro. Per l'Inail è "un anticipo, il totale non sarà molto più alto". La cantante non commenta.

Morì montando il palco della Pausini: risarcimento di 1.936 euro
Preroll

Desk Modifica articolo

24 Luglio 2012 - 21.51


ATF

Un risarcimento di millenovecentotrentasei euro e ottanta centesimi. Questo è quanto riceverà Paola Armellini, la mamma di Matteo, il tecnico romano di 32 anni che morì tra il 4 e il 5 marzo a Reggio Calabria, mentre stava montando il palco di Laura Pausini. La donna è ovviamente molto amareggiata: «L’unica certezza fino ad adesso è che la vita di mio figlio non vale neanche duemila euro. Vorrei una spiegazione, non tanto per i 1936,80 euro, ma perché mio figlio è morto sotto un palco e nell’oggetto del pagamento c’è scritto “risarcimento per infortunio e malattia professionale”. È un problema di dignità, Matteo non aveva ancora cominciato a lavorare, gli è caduta in testa tutta la struttura. Non voglio, non ci sto che la morte di mio figlio venga liquidata così».

La donna quindi vuole andare oltre la questione puramente personale, la morte di suo figlio deve rimettere in discussione tutto il sistema che regola l’industria della musica dal vivo: «Bisogna rivedere il modo in cui viene gestito il lavoro dei ragazzi che collaborano all’allestimento dei palchi, non hanno alcuna copertura assicurativa. Ai miei tempi, un sindacato non avrebbe mai permesso una cosa del genere».

Leggi anche:  Scontro tra un'auto e un furgone che portava migranti: un morto e 9 feriti il bilancio dell'incidente

Sulla vicenda è intervenuto Giuseppe Lucibello, direttore generale dell’Inail, che ha spiegato che «quei soldi non sono un risarcimento ma un anticipo dell’assegno funerario». Lucibello è stato però costretto a riconoscere che «la retribuzione molto bassa del ragazzo non consente di immaginare risarcimenti consistenti. Con le attuali leggi, l’Inail risarcisce quello che può ma ha avanzato più volte proposte per meglio tutelare i più giovani».

Intanto Laura Pausini fa sapere tramite il suo staff filtra di essere rimasta turbata dalla notizia, ma non ha intenzione di commentare la vicenda e desidera attenersi a un rigoroso silenzio stampa.

Native

Articoli correlati