Gli israeliani picchiano e arrestano il corrispondente di al-Jazeera da Gaza: proteste
Top

Gli israeliani picchiano e arrestano il corrispondente di al-Jazeera da Gaza: proteste

La tv con base nel Qatar al-Jazeera ha denunciato che uno dei suoi giornalisti a Gaza è stato picchiato e detenuto dalle forze israeliane all'ospedale Al Shifa

Gli israeliani picchiano e arrestano il corrispondente di al-Jazeera da Gaza: proteste
Ismail al-Ghoul corrispondente di al Jazeera da Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

18 Marzo 2024 - 14.52


ATF

La tv con base nel Qatar al-Jazeera ha denunciato che uno dei suoi giornalisti a Gaza è stato picchiato e detenuto dalle forze israeliane all’ospedale Al Shifa. «Stiamo ricevendo notizie secondo cui le forze israeliane hanno arrestato il corrispondente di Al Jazeera Arabic, Ismail al Ghoul, dall’interno dell’ospedale al Shifa di Gaza City», ha scritto Al Jazeera.

«Secondo lo scrittore e giornalista palestinese Imad Zaqqout e altri testimoni, al Ghoul è stato picchiato dai soldati israeliani prima di essere arrestato con dozzine di uomini e donne all’interno dell’ospedale», ha aggiunto

Il comunicato di al-Jazeera

Oggi, lunedì 18 marzo 2024, le forze di occupazione israeliane hanno attaccato il corrispondente arabo di Al Jazeera Ismail Alghoul a Gaza mentre svolgeva le sue funzioni giornalistiche. In seguito all’attacco, è stato arrestato e il veicolo trasmesso, insieme alle telecamere e all’attrezzatura, è stato distrutto.

Al Jazeera Media Network chiede il rilascio immediato del suo corrispondente e degli altri giornalisti che sono stati detenuti insieme a lui, e ritiene le forze di occupazione pienamente responsabili della loro sicurezza.

Leggi anche:  Attacco a Rafah, Boldrini (Pd): "Usa e Ue fermino Netanyahu, questo immobilismo è insopportabile"

Ismail al-Ghoul è stato arrestato questa mattina all’interno dell’ospedale Al-Shifa insieme a diversi giornalisti mentre seguivano l’attacco delle forze di occupazione israeliane all’ospedale. Secondo testimoni oculari, Ismail è stato duramente picchiato e portato in un luogo sconosciuto.

La Rete sottolinea che questo attacco serve come tattica intimidatoria contro i giornalisti per dissuaderli dal denunciare gli orribili crimini commessi dalle forze di occupazione contro civili innocenti a Gaza.

L’attacco a Ismail al-Ghoul fa parte di una serie di attacchi sistematici contro Al Jazeera da parte delle autorità di occupazione, che comprendono l’assassinio di Shireen Abu Akleh, Samer Abudaqa e Hamza al-Dahdouh, l’attentato ai suoi uffici a Gaza, l’attentato il targeting deliberato di un certo numero di giornalisti e dei loro familiari, nonché l’arresto e l’intimidazione delle sue troupe.

Al Jazeera condanna i crimini tuttora commessi dalle forze di occupazione israeliane contro giornalisti e professionisti dei media a Gaza e rinnova il suo appello per la cessazione immediata di questi orribili attacchi.

Native

Articoli correlati