Il "Safer Internet Day 2022": gli Italiani e internet nel secondo decennio degli anni 2000
Top

Il "Safer Internet Day 2022": gli Italiani e internet nel secondo decennio degli anni 2000

il nostro Paese cambia la sua posizione passando dal 12° al 10° posto, e si può affermare che la situazione globale è migliorata rispetto al 2021.

Il "Safer Internet Day 2022": gli Italiani e internet nel secondo decennio degli anni 2000
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Febbraio 2022 - 14.54


ATF

Si è celebrato il 7 febbraio scorso il “Safer Internet Day 2022” e in questa occasione nella sezione news del sito microsoft.com, la compagnia fondata da Bill Gates ha divulgato i dati del “Digital Civility Index”, ricerca che espone “vizi e virtù” degli utenti web di 22 Paesi del mondo. Questo studio ha permesso al colosso tecnologico di elaborare una classifica degli Stati più sicuri e dove e più difficile riscontrare atteggiamenti poco rispettosi da parte dei fruitori di internet. Come citato in un articolo del “Sole 24 Ore” il nostro Paese cambia la sua posizione passando dal 12° al 10° posto, e si può affermare che la situazione globale è migliorata rispetto al 2021.

Al primo posto per sicurezza si trovano i Paesi Bassi, al secondo la Germania e al terzo il Regno Unito. Un altro dato interessante che emerge da questo studio è la diversa esposizione ai rischi online da parte degli uomini e delle donne. Il 57% delle donne rispetto al 43% degli uomini riceve commenti di odio e atteggiamenti aggressivi online. In Italia la situazione è leggermente migliore, con 53% donne contro il 47% degli uomini, ma probabilmente questo dato è anche legato al fatto che il 38% delle italiane non si fida quando si tratta di interazioni con altri utenti online, e quindi esercita maggiore prudenza.

Leggi anche:  Come migliorare i KPI aziendali con un software CRM

Quali sono le attività online preferite dagli italiani?

Secondo uno studio di Comscore sono quattro le attività a cui gli italiani si dedicano maggiormente quando navigano in internet: guardare contenuti video, fare shopping, guardare sport e film in streaming e giocare online. Particolarmente quest’ultimo settore in Italia raggiunge dati importanti considerando che tra il 2020 e il 2021, secondo il rapporto pubblicato su censis.it intitolato per l’appunto “Lottomatica e Censis” presentato nel novembre 2021, circa 19 milioni di persone hanno giocato legalmente sia online che nei luoghi predisposti. Sempre la stessa ricerca riporta che nel decennio che va dal 2010 al 2020, il gioco d’azzardo online è aumentato significativamente, passando dal 7,2% nel 2010 e arrivando al 55,7% nel 2020. Il grande successo del gioco virtuale è anche dovuto a una proposta sempre più individualizzata in grado di soddisfare ogni appassionato. Inoltre, siti come bonusfinder.it, aiutano gli utenti a trovare i più recenti casinò online, classificandoli in base al tipo di bonus che offrono, alla grafica e ai tipi di giochi presenti. Queste “schede” sono realizzate da editori competenti e preparati specificamente su questo argomento.

Leggi anche:  Come migliorare i KPI aziendali con un software CRM

Foto Unsplash

La fruizione di video online

Un’altra delle attività preferite dagli italiani è, come detto poc’anzi, la fruizione di video online. Complice di questo risultato sono tiktok.com, il nuovo social media made in China, e il fatto che i dispositivi mobili la fanno da padrone quando si tratta di stare connessi. Oggi, infatti, l’accesso a Internet avviene sempre più tramite smartphone, rispetto al tradizionale laptop. Secondo l’”Osservatorio Digital Content della School of Management del Politecnico di Milano”, nel 2021 il valore del mercato dell’intrattenimento video nel nostro Paese ha raggiunto 1,3 miliardi di euro. Questo dato è indicativo anche di una tendenza sempre più diffusa che riguarda l’utilizzo di piattaforme “legali” di streaming: gli utenti sono disposti a pagare abbonamenti a servizi digitali in modo da poter godere dei propri contenuti preferiti. 

Native

Articoli correlati