A Ostuni il divario digitale si chiama Edge
Top

A Ostuni il divario digitale si chiama Edge

In una delle mete turistiche più frequentate d'Italia siamo ancora al medioevo digitale, con la connessione dati Edge. La Tim e l'inganno della banda larga. [Pino Bruno]

A Ostuni il divario digitale si chiama Edge
Preroll

Desk Modifica articolo

26 Giugno 2012 - 08.57


ATF
di Pino Bruno

Metti un giorno di vacanza a Ostuni, la città bianca, una delle località turistiche più belle e frequentate d’Italia. Ti siedi al tavolo del bar, ordini il caffè e provi a scaricare il quotidiano sull’iPad, per leggertelo in santa pace. Sul display, in alto a sinistra, accanto alla sigla dell’operatore telefonico – Tim – non appare 3G bensì una E. Capisci che sei nel terzo mondo digitale.

Pensavi che la connessione dati Edge fosse un brutto ricordo del passato, quando tablet e smartphone non esistevano e sul telefono cellulare scaricavi al massimo qualche messaggio di posta elettronica. Invece Edge vive e lotta insieme a noi. Tim la propina ancora sulle sue reti di telefonia mobile, al tempo dell’Hspa evoluto, alla vigilia dell’Lte o 4G che dir si voglia. Manco Ostuni fosse lo Zimbabwe, dove cittadini e turisti non hanno bisogno di internet!

Ecco, questo è il digital divide più subdolo, perché in un luogo così non te lo aspetti. La tecnologia Edge è vintage telematico, va bene per le dimostrazioni nei musei, accanto al radiotelegrafo di Marconi. Persino l’assenza di copertura sarebbe più dignitosa.

Leggi anche:  Come migliorare i KPI aziendali con un software CRM

Cara Tim, per piacere, rottama subito Edge, così nei convegni potrai parlare più liberamente di banda larga e sarai più credibile.

P.S. Ho abusato di sigle e acronimi per essere conciso. Ecco qui qualche dato:

Edge (Enhanced Data rates for Gsm Evolution): velocità fra i 150 e i 200 kbps;

Hspa + (High Speed Packet Access) : banda fino a 42 MBit/s in download e 22MBit/s in upload;

Lte o 4G (Long Term Evolution) Max Downlink Speed): 326,4 Mbps.

Se vuoi leggere l’articolo con tutti i link [url”clicca qui”]http://pinobruno.globalist.it/2012/06/a-ostuni-il-divario-digitale-si-chiama-edge/[/url].

Native

Articoli correlati