Top

Diodato sulla sentenza Ilva: "I figli di Taranto massacrati nel nome del sacro acciaio"

Il cantautore è da sempre un attivista contro l'avvelenamento: "Donne, uomini, adolescenti e bambini davanti a cui la parola giustizia scompare per sempre"

Antonio Diodato

globalist

1 Giugno 2021


Preroll

Antonio Diodato è un cantautore tarantino che da sempre ha a cuore e prende parte attivamente alla storia della sua terra e della sua città, così bella e così maledetta a causa dell’inquinamento dell’acciaieria che la sovrasta ormai da mezzo secolo.
“Io non posso far altro che pensare alla tua bellezza stuprata che ancora oggi prova a sorriderci, a dirci che un’altra strada è possibile. Non posso non pensare ai tuoi figli massacrati in nome del sacro acciaio, del profitto, della cieca economia di stato. Donne, uomini, adolescenti e bambini davanti a cui la parola giustizia scompare per sempre, che la giustizia è cosa dei vivi”. Così il cantautore tarantino Diodato è intervenuto sui suoi profili social all’indomani della sentenza sull’ex Ilva.
“E sono tanti i vivi che gridano il proprio dolore, ogni giorno di più, ma tutto questo non sembra essere ancora abbastanza”, ha aggiunto.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage