Top

La decisione della Cassazione: usare la parola "frocio" è sempre diffamazione

Con una sentenza della Corte d’appello di Milano si è deciso che chi usa questa espressione "lede l'identità personale altrui"

Tribunale di Milano
Tribunale di Milano

globalist

23 Maggio 2021 - 08.18


Preroll

Una sentenza da cui prendere esempio e per ricacciare indietro le mire di molti omofobi.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Rischia sempre una condanna per diffamazione chi apostrofa una persona dandole del ‘frocio’: lo ribadisce la Cassazione con una sentenza depositata lunedì scorso, con la quale ha dichiarato inammissibile il ricorso di un transessuale che aveva, attraverso Facebook, sostenuto la “presunta omosessualità” di un uomo, apostrofandolo come “frocio” e “schifoso”.

Middle placement Mobile

L’imputato, condannato per diffamazione sia in primo che in secondo grado, aveva impugnato la decisione pronunciata dalla Corte d’appello di Milano nel gennaio 2020 contestando nel suo ricorso il “carattere diffamatorio” delle “espressioni” al centro del processo, che, a suo parere, “avrebbero perso per ‘l’evoluzione” della coscienza sociale, il carattere dispregiativo ad esse attribuito” dai giudici del merito. Una tesi, questa, che la quinta sezione penale del ‘Palazzaccio’, invece, definisce “destituita di ogni fondamento”.

Dynamic 1

Per la Suprema Corte, infatti, “le suddette espressioni costituiscono invece, oltre che chiara lesione dell’identità personale, veicolo di avvilimento dell’altrui personalità e tali sono percepite dalla stragrande maggioranza della popolazione italiana, come dimostrato dalle liti furibonde innescate, in ogni dove, dall’attribuzione delle qualità sottese alle espressioni di cui si discute e dal fatto che, nella prassi, molti ricorrono, per recare offesa alla persona, proprio ai termini utilizzati dall’imputato”.

Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile