Pregliasco d'accordo con Azzolina: "La febbre agli studenti va misurata a casa"

"Farlo solo a scuola comporta una serie di problemi e tra l'altro non consentirebbe di individuare i bimbi 'infarciti' di paracetamolo dalle mamme" spiega il virologo

Fabrizio Pregliasco

Fabrizio Pregliasco

globalist 11 settembre 2020
La polemica sulla decisione della Ministra Azzolina di far misurare ai bambini la febbre a casa e non a scuola continua e trova personalità a sostegno e a sfavore. Il virologo dell'Università degli Studi di Milano Fabrizio Pregliasco si trova d'accordo con la decisione: "La febbre a bambini e adolescenti va misurata sempre a casa, mentre farlo a scuola è un di più" spiega.
"Farlo solo a scuola comporta una serie di problemi e tra l'altro non consentirebbe di individuare i bimbi 'infarciti' di paracetamolo dalle mamme. Mentre un controllo a casa permette di evitare l'arrivo di alunni febbricitanti negli istituti scolastici", conclude il virologo.