Top

Gli psichiatri avvertono: "Nel dopo pandemia i pazienti aumenteranno, non siamo preparati"

Il monito della Sip: "Trecentomila pazienti in più, tra coloro che soffrono di ansia post-traumatica per i lutti, le perdite, il danno economico e l'incertezza per il futuro"

Disturbi mentali
Disturbi mentali

globalist Modifica articolo

7 Maggio 2020 - 15.18


Preroll

La Società Italiana di Psichiatria (Sip) ha mandato un avvertimento: non può esserci ripresa senza salute mentale. La Sip ha infatti denunciato il quadro critico della rete di assistenza impreparata a fronteggiare l’ondata dei disturbi mentali in arrivo dopo la quarantena. Nella fase del dopo-lockdown ci saranno sempre più pazienti con disturbi mentali e sempre meno psichiatri e operatori sanitari in grado di curarli.
“Trecentomila pazienti in più, tra coloro che soffrono di ansia post-traumatica per i lutti, le perdite, il danno economico e l’incertezza per il futuro, svilupperanno disturbi psichici e faranno richiesta di aiuto ai servizi di salute mentale. I primi segnali di questa ondata stanno già investendo la rete di assistenza con un preoccupante impatto. È un aumento di un terzo rispetto ai 900mila già a carico dei servizi di tutta Italia che, se non affrontato subito e con interventi concreti, rischia non solo di peggiorare le condizioni di assistenza, ma anche di condurre il tessuto sociale a una grave sofferenza psichica, con un rischio concreto di aumento della povertà. A questo pesante bagaglio si dovranno poi aggiungere le anomalie comportamentali di abuso di alcol e sostanze, di cui non c`è ancora un quadro completo”.
È questa la poco confortante previsione dalla Società Italiana di Psichiatria, denunciata da Massimo di Giannantonio ed Enrico Zanalda, presidenti SIP. “Senza salute mentale non può esserci ripresa e la ripartenza deve correre in parallelo con la centralità del benessere psichico, tenendo conto dell’incremento esponenziale dei disturbi dell’adattamento, con ansia e depressione, conseguenti alla pandemia – proseguono di Giannantonio e Zanalda -. Nella fase di crisi del Covid-19 è stata, ovviamente, più rilevante la salute fisica, ma ora l’emergenza principale è la salute mentale. La ricostruzione delle macerie sanitarie ed economiche non può dunque prescindere dalla cura delle ferite psichiche, senza la quale il tessuto sociale sarà molto provato, con un rischio di aumento della povertà – avvertono gli esperti – Per questo la Sip chiede di inserire, prioritariamente, nell’agenda del Governo e delle Regioni, proprio la cura dei disturbi mentali, con lo stanziamento immediato di almeno 40 milioni di euro per l`assunzione di 800 psichiatri e la diffusione della telepsichiatria”.
“Le risorse aggiuntive che il Governo sembra voler destinare in queste ore alla sanità devono coprire anche quest’esigenza – precisano di Giannatonio e Zanalda – Sarà inoltre necessario un percorso di telepsichiatria diffusa che consenta di raggiungere un maggior numero di persone mantenendo in sicurezza operatori e pazienti, che così devono spostarsi meno e ridurre il numero delle potenziali occasioni di contagio. Una delle cose positive della gestione del lockdown è stata l’apertura ai supporti digitali audio e video che vanno ulteriormente implementati, insieme alla ricetta elettronica”.
“Occorre che le aziende sanitarie investano in queste tecnologie e che gli operatori vengano addestrati adeguatamente – concludono gli esperti – Per la formazione la Sip sta predisponendo corsi appositi per tutte le professionalità”.

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile