Restyling cucina, gusti e tendenze in 5 progetti

Homelook.it chiede a 5 interior designer come fare per rinnovare l’ambiente

Cucina

Cucina

globalist 3 maggio 2019

La cucina è l’ambiente domestico più amato dagli italiani. Ce lo dice anche Homelook.it, secondo cui nell’ultimo trimestre è proprio alla cucina che è stata rivolta la gran parte dell’attenzione dei propri utenti.


 Per celebrare quest’area della casa così importante la piattaforma specializzata in arredamento e design ha interpellato 5 interior designer, chiedendo loro di intervenire su cucine diverse. Il risultato è un viaggio tra gli stili di cucina più apprezzati.


 I progetti di rinnovo cucina sono accompagnati da grafiche interattive che accompagnano in ciascuno degli ambienti, allo scoperta dei gusti e delle tendenze più attuali.


 Inseguendo l’industrial style


 Ridefinire l’aspetto della cucina uniformando lo stile. Punta a questo Cinzia CorbettaLa gatta sul tetto, che propone l’introduzione di elementi in stile industriale in una cucina dall’animo country chic.






Sì, perché sono molti gli aspetti in comune tra questi due stili. Come l’ampio spazio riservato alla cappa aspirante, che diventa qui in acciaio inox. E poi, l’utilizzo di elementi retrò, come le nuove sedie in metallo anticato.


L’area riservata al piano cottura cambia aspetto, rinunciando al rivestimento mosaicato a favore di uno schienale in acciaio. Un materiale che si ritrova anche nelle mensole che segnano il nero del muro di fondo. Più pulizia anche grazie alle lampade a sospensione in pieno industrial style.


Incursioni in stile scandinavo


 



Insegue la sobrietà dello stile nordico Mariana Bettinelli, Interior Notes, che si confronta qui con una tipica cucina degli anni ’80.


Ed ecco che il bianco primeggia grazie alla smaltatura di profili e maniglie, mentre per il top la scelta va su un legno in essenza chiara. Bianco è anche il nuovo tavolo, che smorza gli angoli diventando ovale. L’area accoglie anche quattro comode sedie con seduta in corda intrecciata.


Anche la lampada a sospensione si ridefinisce nelle linee, assumendo l’aspetto di una sfera da cui farsi illuminare. Il nordic design caratterizza anche la preziosa credenza in quercia naturale ispirata al mobilio scandinavo degli anni '50.


 


L’eleganza è di casa


 



 


Con Giorgia Congiu, GiCiArch, si impara invece a rinnovare una cucina in stile scandinavo, liberando il suo spirito più vitale.


La designer ci riesce dando prima di tutto un tocco di colore alle pareti, ricoperte di una speciale carta da parati in fibra di vetro dalle tonalità del grigio e dell’azzurro. Colori che ben si combinano con altri elementi, come le sedie dallo schienale in velluto turchese.


Una scelta che esprime modernità e classe, la stessa che si respira grazie alle lampade in vetro soffiato. Arrotondate nelle forme, seguono il disegno della carta da parati. Nuova luce entra nell’ambiente, anche per effetto della sostituzione delle veneziane con più leggere tende a pacchetto.


 


Quel dettaglio che fa la differenza


 



 


Ed è un tripudio di colore la cucina rinnovata da Fabio Cipriano ed Emanuela Carratoni, CAFElab architetti. Troppo, secondo i designer, che puntano a dare un aspetto meno confusionario all’ambiente.


Prima di tutto, va via il bicolore di basi e pensili, rispettivamente in blu e bianco, mentre la scelta cade su due diverse tonalità del dark teal, in grado di dare nuovo calore all’ambiente. Lo stesso effetto che fanno anche gli elementi in metallo dalle finiture satinate.


Alla ricerca della pulizia, la lavastoviglie si nasconde dietro un pannello, mentre la stanza si prepara ad accogliere gli ospiti attorno a un ampio tavolo circondato da sedie. E che dire della nuova lampada a sospensione dagli accenti boho-chic?


 


Vuoti e pieni in equilibrio


 



Sembra quasi uno spazio chirurgico la cucina su cui interviene Martina Cima, Spunti e Virgole. Grazie alla designer tuttavia, tutto appare più caldo e armonioso.


Il segreto è l’equilibrio tra vuoti e pieni, qui ripristinato lasciando parlare la personalità di chi abita l’area. Come la piantina di erbe aromatiche, testimone di una grande passione per la cucina mediterranea. Accompagnata da un coprivaso in legno in stile nordico, si associa perfettamente ai taglieri che fanno bella mostra di sé sul piano di lavoro.


E poi, ancora, il thermos e la tazza bianca, rigorosamente di design. Si recupera spazio vitale anche  grazie alle nuove mensole che segnano lo spazio che sovrasta il piano.