Le azioni del Mossad per indebolire e influenzare la Cpi sono reati sui quali l'Aia deve indagare
Top

Le azioni del Mossad per indebolire e influenzare la Cpi sono reati sui quali l'Aia deve indagare

Gli sforzi dell'intelligence israeliana per indebolire e influenzare la Corte penale internazionale potrebbero equivalere a “reati contro l’amministrazione della giustizia” e dovrebbero essere indagati dal suo procuratore capo, hanno detto esperti legali

Le azioni del Mossad per indebolire e influenzare la Cpi sono reati sui quali l'Aia deve indagare
Preroll

globalist Modifica articolo

29 Maggio 2024 - 20.44


ATF

Gli sforzi delle agenzie di intelligence israeliane per indebolire e influenzare la Corte penale internazionale (CPI) potrebbero equivalere a “reati contro l’amministrazione della giustizia” e dovrebbero essere indagati dal suo procuratore capo, hanno detto esperti legali.

Rispondendo alle rivelazioni sulla sorveglianza israeliana e sulle operazioni di spionaggio contro la Corte penale internazionale, diversi esperti di diritto internazionale hanno affermato che la condotta dei servizi di intelligence israeliani potrebbe costituire reati penali.

Le rivelazioni sulla campagna di nove anni di Israele contro la corte sono state pubblicate martedì come parte di un’indagine congiunta del Guardian, della pubblicazione israelo-palestinese +972 Magazine e della testata in lingua ebraica Local Call. Descrive in dettaglio come le agenzie di intelligence del paese sono state impiegate per sorvegliare, hackerare, esercitare pressioni, diffamare e presumibilmente minacciare il personale senior dell’ICC.

Il procuratore della Corte penale internazionale, Karim Khan, la scorsa settimana ha annunciato che ha chiesto mandati di arresto per crimini di guerra e crimini contro l’umanità nei confronti di Hamas e dei leader israeliani. La decisione di richiedere mandati contro il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, e il ministro della difesa, Yoav Gallant, è stata la prima volta che un procuratore della CPI ha agito contro i leader di uno stretto alleato occidentale.

Leggi anche:  L'Aia condanna gli insediamenti e l'occupazione di Israele in Cisgiordania

Prima delle rivelazioni di martedì, Khan aveva affermato che tentativi non specificati di “ostacolare, intimidire o influenzare in modo improprio i funzionari di questa corte” erano già stati fatti da soggetti anonimi. Tale condotta potrebbe costituire un reato ai sensi dell’articolo 70 dello statuto istitutivo della Corte relativo all’amministrazione della giustizia.

Toby Cadman, un avvocato britannico specializzato in diritto penale internazionale e umanitario, ha affermato che le conclusioni del Guardian sono “profondamente inquietanti” e includono accuse che “costituiscono un tentativo di pervertire il corso della giustizia attraverso l’uso di minacce” all’ex procuratore della CPI Fatou Bensouda. .

Native

Articoli correlati