Hamas pronto alla guerra di lunga durata contro Israele e a usare gli ostaggi come arma
Top

Hamas pronto alla guerra di lunga durata contro Israele e a usare gli ostaggi come arma

Ali Barakeh, membro della leadership del gruppo in esilio a Beirut, ha affermato che Hamas ha un arsenale di razzi che durerà a lungo.

Hamas pronto alla guerra di lunga durata contro Israele e a usare gli ostaggi come arma
Hamas sfonda le barriere protettive con Israele
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Ottobre 2023 - 10.35


ATF

Hamas è pronto a combattere una lunga guerra con Israele e utilizzerà le dozzine di ostaggi tenuti a Gaza per garantire il rilascio dei palestinesi detenuti in Israele e all’estero: lo ha detto un membro anziano del gruppo militante.

Intervenendo all’agenzia di stampa Associated Press, Ali Barakeh, membro della leadership del gruppo in esilio a Beirut, ha affermato che Hamas ha un arsenale di razzi che durerà a lungo.

“Ci siamo preparati bene per questa guerra e per affrontare tutti gli scenari, anche lo scenario di una lunga guerra”, ha detto, aggiungendo che Hamas utilizzerà gli ostaggi per garantire il rilascio delle persone detenute nelle carceri israeliane e persino di alcuni palestinesi imprigionati nelle prigioni israeliane. Stati Uniti.

Barakeh ha detto che solo un piccolo numero di alti comandanti all’interno di Gaza era a conoscenza dell’incursione di sabato in Israele e che anche i più stretti alleati del gruppo non erano stati informati in anticipo sui tempi. Ha negato le notizie secondo cui funzionari della sicurezza iraniani avrebbero contribuito a pianificare l’attacco.

Leggi anche:  L'autorità palestinese contro Netanyahu: "Non vuole la creazione del nostro stato"

Tuttavia, ha aggiunto che alleati come l’Iran e gli Hezbollah libanesi “si uniranno alla battaglia se Gaza sarà sottoposta ad una guerra di annientamento”.

Ha detto che anche Hamas è rimasto scioccato dalla portata dell’operazione, affermando che si aspettava che Israele prevenisse o limitasse l’attacco. “Siamo rimasti sorpresi da questo grande crollo”, ha detto Barakeh. “Stavamo progettando di ottenere dei guadagni e di prendere prigionieri per scambiarli. Questo esercito era una tigre di carta”.

Native

Articoli correlati