I sistemi di difesa aerea della Russia faticano a intercettare i droni ucraini
Top

I sistemi di difesa aerea della Russia faticano a intercettare i droni ucraini

Lo affermano i servizi d'intelligence del Regno Unito dopo che «nella notte tra il 29 e il 30 agosto la Russia ha subito fino a cinque attacchi distinti con droni kamikaze (Owa-Uav)

I sistemi di difesa aerea della Russia faticano a intercettare i droni ucraini
Preroll

globalist Modifica articolo

31 Agosto 2023 - 10.00


ATF

Novità dalla guerra: I sistemi di difesa aerea della Russia starebbero incontrando «difficoltà» a intercettare e abbattere i droni ucraini.

Lo affermano i servizi d’intelligence del Regno Unito dopo che «nella notte tra il 29 e il 30 agosto la Russia ha subito fino a cinque attacchi distinti con droni kamikaze (Owa-Uav), l’attacco su più vasta scala contro la Russia dall’inizio del conflitto», nel febbraio dello scorso anno dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

«Si sono registrate esplosioni a Mosca, Bryansk e Ryazan, così come nella base aerea di Pskov, vicino alla frontiera con l’Estonia», evidenzia la valutazione odierna, secondo cui in quest’ultimo caso «probabilmente sono stati danneggiati diversi aerei da trasporto militare russi».

«Nel mese di agosto la Russia ha subito 25 diversi attacchi con droni» e «molti hanno raggiunto gli obiettivi». Quindi, «molto probabilmente, la difesa aerea russa sta avendo difficoltà nell’individuarli e distruggerli». La Russia, secondo la valutazione, «sta probabilmente ripensando la sua difesa aerea nella zona compresa tra l’Ucrania e Mosca».

Leggi anche:  L'intelligence: "Putin punta a far collassare l'Ucraina per installare un regime fantoccio come la Bielorussia"

«I precedenti attacchi contro basi aeree russe hanno portato allo spostamento di aerei russi in varie zone della Russia – si legge ancora – Tuttavia i recenti attacchi contro Soltsy e Pskov hanno dimostrato che i droni hanno un raggio d’azione significativo». E’ «probabile – conclude l’intelligence britannica – che la Russia debba valutare il dispiegamento di ulteriori sistemi di difesa aerea nelle basi aeree considerate a rischio attacchi con droni».

Native

Articoli correlati