Gershkovich: Mosca prolunga la detenzione del giornalista Usa accusato di spionaggio
Top

Gershkovich: Mosca prolunga la detenzione del giornalista Usa accusato di spionaggio

Un tribunale di Mosca ha prolungato la detenzione del giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich, arrestato in Russia con l'accusa di spionaggio alla fine di marzo. In cella fino al 30 agosto.

Gershkovich: Mosca prolunga la detenzione del giornalista Usa accusato di spionaggio
Evan Gershkovich arrestato con l'accusa di spionaggio dalla Russia
Preroll

globalist Modifica articolo

23 Maggio 2023 - 19.35


ATF

Un tribunale di Mosca ha prolungato la detenzione del giornalista del Wall Street Journal Evan Gershkovich, arrestato in Russia con l’accusa di spionaggio alla fine di marzo.

Durante una breve udienza il tribunale ha ordinato che Gershkovich rimanga in carcere fino al 30 agosto, come riferiscono le agenzie di stampa russe. La sua detenzione preventiva era inizialmente prevista per la prossima settimana. È detenuto nella famigerata prigione di Lefortovo, a Mosca, e potrebbe rischiare fino a 20 anni di carcere se riconosciuto colpevole.

Gershkovich, 31 anni, è il primo giornalista americano a essere detenuto in Russia con l’accusa di spionaggio dalla fine della guerra fredda. È stato arrestato nella città degli Urali di Ekaterinburg mentre era in viaggio per un reportage alla fine di marzo.

Il servizio di sicurezza russo FSB ha affermato che stava raccogliendo segreti di Stato sul complesso militare industriale russo. Gershkovich e il Wall Street Journal hanno negato le accuse.

Una lettera aperta al ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, firmata da oltre 300 corrispondenti stranieri che hanno lavorato in Russia, recita: “Non abbiamo dubbi che l’unico scopo e intenzione del suo lavoro fosse quello di informare i suoi lettori sulla realtà attuale della Russia.”

Leggi anche:  La Russia annuncia l'inizio delle esercitazioni con armi nucleari tattiche: vicino all'Ucraina

È stato ampiamente ipotizzato che la Russia abbia arrestato Gershkovich con la speranza di scambiarlo con agenti dei servizi segreti russi o con altre persone di interesse per Mosca arrestate nei Paesi occidentali, ma finora sembrano esserci stati pochi progressi nelle discussioni su un possibile scambio.

Il mese scorso, Joe Biden ha elogiato il “coraggio assoluto” di Gershkovich e ha dichiarato di “lavorare come un matto” per assicurarne il rilascio.

Native

Articoli correlati