Stoltenberg: "Il posto dell'Ucraina è nella Nato ma..."
Top

Stoltenberg: "Il posto dell'Ucraina è nella Nato ma..."

Il sgretario generale Jens Stoltenberg nel corso della sua visita a sorpresa a Kiev. ha detto che il posto dell'Ucraina è nella Nato ma nel tempo. Ossia non ora

Stoltenberg: "Il posto dell'Ucraina è nella Nato ma..."
Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Aprile 2023 - 15.25


ATF

Dal punto di vista dell’Ucraina, che non vuole fare lo stato cuscinetto è comprensibile. Dal punto di vista più generale i rischi ci sono.

«Il posto dell’Ucraina è nella famiglia euro-atlantica. Il posto dell’Ucraina è nella Nato. E nel tempo, il nostro sostegno contribuirà a renderlo possibile».

Lo ha affermato il segretario generale Jens Stoltenberg nel corso della sua visita a sorpresa a Kiev. Stoltenberg ha sottolineato che l’iniziativa di sostegno pluriennale aiuterà l’Ucraina a passare dagli equipaggiamenti e dalle dottrine dell’era sovietica agli standard della Nato e a garantire la piena interoperabilità con l’Alleanza, definendola «una testimonianza dell’impegno a lungo termine della Nato nei confronti dell’Ucraina».

«Mi aspetto che gli alleati della Nato, al vertice di Vilnius con la presenza del presidente Zelensky, decidano di rafforzare ulteriormente il pacchetto della Nato per l’Ucraina con un sostegno ancora maggiore. Naturalmente riconosco che il presidente Zelensky solleverà la questione dell’adesione e delle garanzie di sicurezza, che saranno tra le priorità dell’incontro e anche in vista dei preparativi per il vertice», ha detto il segretario generale nel corso della conferenza stampa.

Leggi anche:  La Nato lavora per schierare più armi nucleari sul campo togliendole dai depositi

«Il futuro dell’Ucraina è nella famiglia euro-atlantica. Il futuro dell’Ucraina è nella Nato: tutti gli alleati sono d’accordo su questo. Allo stesso tempo, l’obiettivo principale dell’Alleanza è quello di garantire che l’Ucraina prevalga, è garantire che l’Ucraina continui ad essere una nazione democratica sovrana e indipendente in Europa. Perché questo è l’unico modo per avere una discussione significativa sulla futura adesione dell’Ucraina», ha precisato.

«Pertanto l’obiettivo principale, la necessità urgente, è il sostegno militare all’Ucraina, su cui lavoriamo ogni giorno. Ne discuteremo oggi, ne discuteremo a Ramstein, dove domani ci riuniremo nel gruppo guidato dagli Stati Uniti per l’Ucraina. E ogni giorno, in vista del vertice di Vilnius e anche al vertice di Vilnius, il sostegno militare all’Ucraina sarà uno dei temi principali. La Nato ha quindi dimostrato che la nostra porta è aperta. E poi, quello che facciamo, il sostegno che forniamo all’Ucraina rende possibile la futura adesione dell’Ucraina», ha concluso. 

Native

Articoli correlati