Israele: così un governo "insano" sta instaurando una "democratura"
Top

Israele: così un governo "insano" sta instaurando una "democratura"

Predrag Matvejevic, il grande scrittore balcanico scomparso nel febbraio 2017, coniò un neologismo che ben si attaglia al passaggio epocale che Israele sta attraversando: “democratura”, vale a dire democrazia apparente, in realtà dittatura.

Israele: così un governo "insano" sta instaurando una "democratura"
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

21 Marzo 2023 - 18.22


ATF

Israele, ecco come un governo “insano” st consolidando una “democratura”.

Democratura cresce

Predrag Matvejevic, il grande scrittore balcanico scomparso nel febbraio 2017, coniò un neologismo che ben si attaglia al passaggio epocale che Israele sta attraversando: “democratura”, vale a dire democrazia apparente, in realtà dittatura.

Così declinata in un editoriale di Haaretz: “La nuova proposta presentata dal presidente della Commissione Costituzione, Legge e Giustizia della Knesset, Simcha Rothman, non è affatto un ammorbidimento del colpo di Stato giudiziario. È solo la fase I del piano per trasformare Israele in una tirannia della maggioranza. Il disegno di legge consentirebbe un’acquisizione politica della Corte Suprema e di tutti i tribunali del Paese.


Secondo la proposta, la coalizione, con una maggioranza automatica nel Comitato per le nomine giudiziarie, occuperà i primi due posti disponibili alla Corte Suprema in una determinata legislatura della Knesset. Se sarà necessario un terzo nuovo giudice, anche questa nomina sarà politica, poiché richiede l’approvazione di un rappresentante dell’opposizione. Solo nel caso di una quarta nomina nel corso della legislatura – evento raro – sarà necessario il voto di uno dei giudici del collegio. Inoltre, dando alla maggioranza politica il controllo della commissione, la coalizione potrà anche scegliere il presidente della Corte Suprema.


Tutto ciò trasforma la Corte Suprema, che ogni anno esamina migliaia di casi non legati al diritto costituzionale, in un organo interamente politico. In Israele, dove non esistono quasi altri controlli e contrappesi, come una costituzione protetta, una legislatura bicamerale o la subordinazione ai tribunali internazionali, l’indipendenza della Corte come organo professionale e apartitico è fondamentale. La possibilità che Israele rimanga una democrazia liberale che sostiene la separazione dei poteri, lo stato di diritto e anche una minima tutela dei diritti umani sarebbe persa per sempre. I giudici così nominati sarebbero un cavallo di Troia che influenzerebbe la maggioranza per bloccare l’annullamento dei nefasti emendamenti che verranno: l’override legislativo, l’eliminazione del principio di ragionevolezza, il declassamento dello status dei consulenti legali del ministero e altro ancora. Anche le nomine nelle corti inferiori saranno politicizzate. In una commissione di 11 membri, sarà necessaria una maggioranza di sette per nominare un giudice, con sei membri della coalizione. Sarà sufficiente un solo voto di un membro dell’opposizione o di uno dei giudici della commissione – compreso il presidente della Corte Suprema, anch’egli nominato dalla coalizione – per aprire la porta alla contrattazione. Tutti i gradi di giudizio saranno quindi occupati da politici, nominati in base all’affiliazione di partito. Ecco perché non c’è spazio per i negoziati. Il Comitato per le nomine giudiziarie è uno dei nodi del contendere. Se la legge viene promulgata, la Corte deve annullarla in quanto incostituzionale, a causa della grave lesione che provoca all’indipendenza giudiziaria. Se a ciò si aggiunge il fatto che una serie di leggi sulla corruzione fatte su misura, come la Dery 2, la legge sui regali e la legge sull’incapacità, sono in programma per l’approvazione nell’attuale sessione della Knesset, la conclusione ovvia è che è tempo di porre fine al compromesso e di continuare e intensificare la protesta”. 

Leggi anche:  L'estremista di destra ebraico che vuole applicare le teorie di Hitler contro gli arabi parlerà in Australia

Un governo “insano”

Lo racconta così, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Yossi Verter. “Ecco un riassunto degli exploit del governo di destra in Israele nelle ultime 24 ore: I leader della coalizione annunciano un ammorbidimento della legislazione sulla revisione del sistema giudiziario (che non è altro che una ritirata tattica per migliorare le loro posizioni in vista di un nuovo attacco); il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich parla a Parigi con uno striscione provocatorio sul podio, che mostra Israele che si estende su entrambe le sponde del fiume Giordano, accendendo una conflagrazione con il nostro regno vicino.  Il presidente degli Stati Uniti chiama Netanyahu non per invitarlo alla Casa Bianca, ma per spiegargli cosa significa democrazia, offrendo persino l’assistenza americana per sistemare il campo di battaglia interno, come se fossimo un Iraq in disfacimento post-Saddam; il ministro della Difesa Yoav Gallant minaccia di dimettersi di fronte alle agitazioni nelle forze di riserva dell’esercito. I governi sani di mente non producono così tanti pericoli per un intero mandato. Conclusione: Quando il potere viene dato a una destra ultra-estremista, guidata da un politico senza freni, corrotto e incapace, controllato dal figlio tossico e pericoloso, senza alcuna forza equilibratrice dal centro dello spettro politico, Israele si trova in una crisi su più fronti, la più grave della sua storia. Tutto questo in meno di tre mesi. Ognuno dei punti sopra citati merita un articolo a parte, ma vale la pena soffermarsi sull’umiliante esercizio a cui il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha sottoposto Netanyahu; quest’ultimo era probabilmente convinto che alla fine della loro conversazione avrebbe finalmente sentito la parola “invito”, dandogli qualcosa con cui tornare a casa dalla sua signora. Nada. Ha già capito che potrà entrare alla Casa Bianca solo dall’ingresso visitatori. Il rimprovero e il freddo comunicato stampa emesso dagli americani sono serviti solo a rigirare il coltello diplomatico nella schiena dell’unico primo ministro degli ultimi decenni che è stato privato di un invito quasi di routine.

Leggi anche:  Gaza, un'inchiesta dell'Onu ha accusato l'esercito israeliano di aver "sterminato" i palestinesi


Netanyahu avrebbe dovuto parlare alla nazione lunedì sera, con o senza il ministro della Giustizia Yariv Levin al suo fianco. Ha deciso di rinunciare al discorso. Si può immaginare cosa avrebbe incluso: siamo scesi a compromessi, abbiamo rinviato il processo, ma l’opposizione e i manifestanti “anarchici” (che il figlio ignorante ha paragonato alle unità SA naziste, una dichiarazione da cui il padre ha trascurato di dissociarsi) continuano. Ma la realtà, da cui Netanyahu sembra totalmente distaccato, è esattamente l’opposto. Il nuovo schema mantiene il controllo della coalizione sulla nomina di due giudici della Corte Suprema e del prossimo presidente della Corte Suprema. Anche secondo questo piano, la legge che elimina la revisione giudiziaria della Knesset, chiamata “clausola di scavalcamento”, che richiede solo una maggioranza di 61 voti, sarà approvata, ma solo tra due mesi. Questo vale anche per altre sezioni del piano ideato da Levin e Rothman per distruggere la democrazia israeliana. Dopo l’assalto iniziale, ora stanno optando per il metodo del salame. È una loro prerogativa. Ma presentare questo trucco come espressione di flessibilità e moderazione è un insulto all’intelligenza anche di chi non ne ha. Non c’è errore che il ministro della Giustizia Levin non abbia commesso da quando, il 4 gennaio scorso, ha fatto irruzione sui nostri schermi televisivi sbattendoci in faccia il suo piano per trasformare il Paese in un’autocrazia. L’uomo, considerato il politico più sofisticato in circolazione, ha dimostrato anche ai suoi fan nel Likud di non essere degno di diventare primo ministro dopo Netanyahu, di essere un chiaro pericolo per l’esistenza dello Stato.

Leggi anche:  Israele si prepara ad attaccare il Libano per scatenare una 'guerra totale' a Hezbollah


Il compiacimento e l’atteggiamento messianico, l’odio e la vendetta che prova nei confronti del sistema giudiziario, hanno portato lui e il suo partito, e soprattutto il Paese, sull’orlo dell’abisso. Mentre conclude il periodo di sette giorni di lutto per il padre, sta apparentemente cercando di sistemare le cose.
Il vero problema che la coalizione ha con la versione rivista della legge non è con la Knesset, ma con l’Alta Corte di Giustizia. Il modo subdolo in cui Rothman ha tirato fuori la nuova versione giustifica un intervento legale e la squalifica. Alcuni dicono che questo è ciò che Netanyahu sta desiderando. Che la Presidente della Corte Suprema Esther Hayut metta fine a tutto questo”.


Ecco quello che in Italia gli “amici d’Israele”, quelli che chiudono tutte e due gli occhi pur di non guardare in faccia la realtà, negano o cercano di oscurare mediaticamente. In Israele è in atto un colpo di stato interno, portato avanti da un governo che sta praticando la dittatura della maggioranza per colpire e affondare le basi del sistema democratico, i fondamenti dello stato di diritto.


Native

Articoli correlati