Israele e la guerra in Ucraina: quella neutralità non ha più scuse
Top

Israele e la guerra in Ucraina: quella neutralità non ha più scuse

Israele e la guerra in Ucraina. Quella neutralità non ha più scuse. A rimarcarlo con grande nettezza, su Haaretz, sono due analisti di grande autorevolezza. Anshell Pfeffer e Amir Tibon.

Israele e la guerra in Ucraina: quella neutralità non ha più scuse
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

21 Ottobre 2022 - 18.35


ATF

Israele e la guerra in Ucraina. Quella neutralità non ha più scuse.

A rimarcarlo con grande nettezza, su Haaretz, sono due analisti di grande autorevolezza. Anshell Pfeffer e Amir Tibon.

Pfeffer ha seguito dal campo di battaglia la guerra in Ucraina.

Questa la sua riflessione: “Per un momento è sembrato che Israele stesse finalmente cambiando la sua politica di lunga data sulla guerra tra Russia e Ucraina. Il Ministro della Difesa Benny Gantz aveva annunciato, in un incontro con gli ambasciatori dei Paesi dell’Unione Europea questa settimana, che Israele avrebbe fornito sistemi di allarme agli ucraini. Questo sembrava almeno un allontanamento dal rifiuto di Israele di inviare forniture militari agli ucraini assediati. I sistemi di allarme non sparano, ma sono certamente militari e sono per lo meno componenti di sistemi d’arma.


Ma un’analisi più attenta di ciò che Gantz ha effettivamente detto agli ambasciatori si è rivelata alquanto insoddisfacente.


“Per considerazioni operative e regionali”, ha detto, “non mi sembra che invieremo attrezzature militari offensive”. Fin qui nulla di nuovo. “Forse possiamo sostenerli con un sistema di allerta precoce [sic] che permetta loro di allertare la popolazione giusta in modo più accurato, il che consentirà loro di avere una sorta di vita, una prospettiva a lungo termine, direi una routine di emergenza”.


Una volta decifrato l’inglese piuttosto confuso di Gantz, emerge che egli sta offrendo all’Ucraina ben poco. Anzi, “forse” sta offrendo loro qualcosa che hanno già. Gantz si riferiva al sistema di comando interno israeliano che traccia la traiettoria di un razzo in arrivo da Gaza o dal Libano e invia un avviso ai cellulari di coloro che si trovano nell’area in cui il razzo sta per colpire, dando loro il tempo di cercare riparo. Nel corso degli anni, questo sistema ha assunto la forma di varie applicazioni per smartphone, alcune sviluppate dalle Forze di Difesa israeliane e altre da aziende commerciali ad alta tecnologia. Più di un anno fa – molto prima che la Russia invadesse l’Ucraina il 24 febbraio – il governo di Kiev, prevedendo una guerra, aveva chiesto aiuto a Israele per sviluppare un sistema di allarme di questo tipo. Israele, timoroso della Russia, all’epoca rifiutò. Ma l’Ucraina ha un suo vivace settore high-tech e, settimane dopo l’inizio della guerra, esisteva già una serie di applicazioni sviluppate localmente che offrivano agli ucraini un servizio simile e li avvisavano dei missili russi in arrivo.

Leggi anche:  Blinken in Israele: dopo Netanyahu summit con Gantz e Lapid, capi dell'opposizione


La dichiarazione di Gantz di mercoledì ha aggiunto la beffa al danno. Non solo Israele si è rifiutato di contribuire allo sviluppo di un tale sistema in anticipo, negando agli ucraini una risorsa critica che avrebbe potuto contribuire a salvare vite umane nella prima fase della guerra. Ma ora, con un atteggiamento paternalistico, Israele ha offerto loro – con l’avvertenza “forse” – qualcosa che hanno dimostrato di essere perfettamente in grado di sviluppare da soli, anche se con un certo ritardo. È vero che il sistema di allarme civile israeliano è più preciso. Inoltre, a differenza dell’Ucraina, dove gli avvisi riguardano intere regioni, dove milioni di cittadini si precipitano a rifugiarsi anche se i missili cadono lontano, in Israele gli avvisi riguardano aree molto più piccole. Questo è un grande vantaggio perché molti più civili, che vivono più lontano, possono continuare a vivere normalmente. Ma non perché le app online israeliane siano migliori.


In definitiva, questi sistemi civili si basano sulle informazioni raccolte dalle reti militari di difesa aerea. Israele dispone di un’enorme rete di radar e altri sensori elettronici concentrati sulla Striscia di Gaza, che forniscono dati precisi sul lancio e la traiettoria di missili e droni. La difesa aerea dell’Ucraina deve coprire un territorio molto più ampio e si basa ancora in gran parte sui radar dell’era sovietica, che solo ora cominciano a essere rafforzati dai moderni sistemi occidentali.

Leggi anche:  Gli alleati occidentali dell’Ucraina delineano un’agenda in tre punti per porre fine alla guerra


Inoltre, esiste un’altra app che consente a civili e soldati di aggiornare online qualsiasi avvistamento di missili e droni in arrivo. Con queste risorse, individuare i siti di impatto è quasi impossibile.


Israele potrebbe certamente aiutare, ma non fornendo un sistema di allarme che gli ucraini hanno già sviluppato da soli.


Mentre finora l’attenzione si è concentrata sulle ripetute richieste di Kyiv di missili intercettori israeliani come Iron Dome, Barak e Arrow – il tipo di armi “offensive” che Gantz si è affrettato a escludere ancora una volta – ci sono componenti dei sistemi di difesa missilistica israeliani, radar, cabine di comando e controllo e software avanzati, che forniscono sia i dati di puntamento per questi intercettori sia gli avvisi precisi per i civili. Tuttavia, Gantz non sta offrendo nulla di tutto ciò agli ucraini”.

Così Pfeffer.

La scusa di Israele per la neutralità sull’Ucraina si sta esaurendo

E’ il titolo dell’articolo di Amir Tibon.

“Gli attacchi missilistici russi sulle principali città dell’Ucraina di questa settimana  – annota Tibon – sono stati un doloroso promemoria della crudeltà e della brutalità di Vladimir Putin. Hanno anche ricordato agli israeliani la controversa politica del loro governo riguardo alla guerra, che ha messo Israele in contrasto con la maggior parte dei suoi alleati, primi fra tutti gli Stati Uniti. Quando Putin invase l’Ucraina a febbraio, Israele scelse una posizione di neutralità, basata sul timore di turbare la Russia, che all’epoca aveva una formidabile presenza militare in Siria. Se ci uniamo al resto del mondo democratico nel sostenere l’Ucraina, spiegano i funzionari israeliani, Putin ci impedirà di colpire gli obiettivi iraniani in Siria. Non era un rischio che Israele era disposto a correre. Questa logica era condivisa dall’allora primo ministro Naftali Bennett e anche dal suo predecessore, il leader dell’opposizione Benjamin Netanyahu, che aveva condotto una politica simile quando era al potere durante l’attacco di Putin del 2014 alle province orientali dell’Ucraina.

Leggi anche:  Ucraina, i blackout di emergenza si intensificheranno nelle prossime settimane per gli attacchi russi


Un politico che sembrava, almeno retoricamente, sfidare questa politica è stato Yair Lapid, ministro degli Esteri israeliano allo scoppio della guerra e primo ministro oggi. Lapid si è spinto molto più in là di Bennett nel denunciare l’aggressione russa e il suo ministero ha avviato alcune delle misure pratiche adottate da Israele per aiutare la popolazione civile ucraina. Tuttavia, come ministro degli Esteri, non ha avuto il potere di far uscire Israele dal recinto e di fornire all’Ucraina le capacità difensive che ha richiesto per aiutarla a fermare i missili russi e i droni iraniani che terrorizzano le sue città. Oggi, come primo ministro, Lapid si trova in una posizione diversa. Lunedì ha pubblicato una dichiarazione tagliente in cui denunciava l’attacco della Russia a civili innocenti, ma a parte le parole, la politica di Israele sull’Ucraina non è cambiata in modo sostanziale da quando è salito al potere a giugno. Una cosa, tuttavia, è cambiata, ed è la situazione in Siria: desideroso di ribaltare le sue imbarazzanti perdite sul terreno in Ucraina, Putin ha ridimensionato la presenza russa in quel Paese. Israele, tuttavia, non ha aggiornato il suo approccio e continua a fare tutto il possibile per non inimicarsi Putin. Con la Russia che bombarda i civili in tutta l’Ucraina, Biden che aumenta la pressione economica degli Stati Uniti sulla Russia e il mondo intero che guarda a una drammatica guerra tra democrazia e 
e tirannia, la scelta di Israele  – conclude Tibon – di rimanere ai margini dovrebbe essere seriamente riesaminata”.

Native

Articoli correlati