Top

Stoltenberg accetta i ricatti di Erdogan: "Le preoccupazioni della Turchia sul terrorismo sono legittime"

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg: "Dobbiamo affrontare le preoccupazioni di sicurezza di tutti gli alleati, comprese le preoccupazioni turche sul gruppo terroristico Pkk"

Stoltenberg accetta i ricatti di Erdogan: "Le preoccupazioni della Turchia sul terrorismo sono legittime"
Stoltenberg e il presidente finlandese Sauli Niinisto

globalist

12 Giugno 2022 - 18.52


Preroll

Se la Nato, come dicono, è una organizzazione difensiva che difende la democrazia non può avere al suo interno Erdogan che è un autocrate e repressione di curdi e oppositori interni.

OutStream Desktop
Top right Mobile

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha affermato che la Turchia ha «legittime preoccupazioni» per il terrorismo e altre questioni, che devono essere prese sul serio. La Turchia ha accusato Finlandia e Svezia di sostenere i militanti curdi e afferma che non sosterrà le due nazioni nordiche nell’adesione alla Nato finché non cambieranno le loro politiche. 

Middle placement Mobile

Parlando in una conferenza stampa congiunta con il presidente finlandese Sauli Niinisto, Stoltenberg ha sottolineato che «nessun altro alleato della Nato ha subito più attacchi terroristici della Turchia» e ha indicato la sua posizione geografica strategica con vicini come Iraq e Siria. «Queste sono preoccupazioni legittime. Si tratta di terrorismo, si tratta di esportazioni di armi», ha detto Stoltenberg, «dobbiamo affrontare le preoccupazioni di sicurezza di tutti gli alleati, comprese le preoccupazioni turche sul gruppo terroristico Pkk».

Dynamic 1

Dopo decenni di disallineamento militare, la guerra della Russia in Ucraina ha spinto Finlandia e Svezia a presentare domanda per entrare a far parte della Nato a maggio. Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, tuttavia, accusa le nazioni nordiche di sostenere i militanti curdi ritenuti terroristi dalla Turchia e ha posto il veto al loro ingresso nell’alleanza di 30 membri.

 «Quando un alleato fondamentale come la Turchia solleva preoccupazioni sul terrorismo, ovviamente dobbiamo sederci e prenderle sul serio. Ed è esattamente quello che facciamo», ha detto Stoltenberg. Le richieste di Ankara a Helsinki e Stoccolma includono anche la revoca delle restrizioni alle esportazioni di armi verso la Turchia e l’estradizione di membri di alcune organizzazioni curde che si oppongono al governo di Erdogan.

Dynamic 2
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage
WebInterstitial Mobile