Tra rabbia e disincanto, Gaza si prepara al voto. I giovani non credono nei vecchi notabili: "Hanno fallito"

Un consiglio da Gaza per Biden: non chiudere ad Hamas. Un consiglio tanto più significativo perché l’autore è lontano anni luce dal movimento islamico palestinese: Muhammad Shehada

Gaza

Gaza

Umberto De Giovannangeli 27 gennaio 2021

Un consiglio da Gaza per il nuovo inquilino della Casa Bianca: non chiudere ad Hamas. Un consiglio tanto più significativo perché l’autore è lontano anni luce sotto ogni punto di vista dal movimento islamico palestinese: Muhammad Shehada, giovane e brillante scrittore, attivista della società civile della Striscia di Gaza


Con lui e il nostro preziosissimo collaboratore dalla Palestina, Osama Hamdan, Globalist fa un viaggio tra i palestinesi della Striscia nell’anno elettorale.


Il precedente


“Alla fine del 2005, durante quelle che sarebbero state le ultime elezioni pan-palestinesi per un decennio e mezzo, il leader di Hamas Ahmed Bahar guidava la sua modesta Subaru Leone del 1971, da un raduno della campagna a Gaza all'altro – racconta Shehada - Ad ogni fermata, Bahar indicava il suo veicolo economico, contrapponendolo agli stravaganti cortei dei leader di Fatah. Prometteva che non si sarebbe mai aggiornato: non si sarebbe mai fatto corrompere dal potere.


Allora, la campagna "Riforma e Cambiamento" di Hamas era pragmaticamente incentrata su questioni economiche e di sicurezza chiave; promettevano di eliminare la famigerata corruzione dell'Autorità nazionale palestinese (Anp), di ridurre drasticamente i prezzi dei beni di consumo (per esempio, riducendo il prezzo di un bene di prima necessità come il gas da cucina da 40 a 10 shekel, impedendo la scrematura delle tasse non necessarie che finivano nelle tasche private dei funzionari dell'Anp), di creare posti di lavoro e di ristabilire la legge e l'ordine. Il loro manifesto del 2006 evitava i temi caldi, come la carta del movimento del 1988, che chiedeva la distruzione di Israele. Chiedeva invece uno ‘Stato indipendente la cui capitale è Gerusalemme’ e sottolineava il diritto palestinese al ritorno”.


Chi scrive ha seguito quelle elezioni come inviato de L’Unità, e posso confermare, parola per parola, la narrazione del giovane scrittore palestinese. Hamas si presentava come il movimento dalle “mani pulite” a differenza dei corrotti funzionari e dirigenti dell’Anp e di Fatah che le mani l’avevano “in pasta”.


Mani pulite


“Le promesse di Hamas  - ricorda Shehada - hanno funzionato bene in un momento di disperazione e disillusione palestinese nei confronti del processo di pace. Camp David, Oslo e la Seconda Intifada erano tutti morti. Il ritiro unilaterale di Israele da Gaza non era un prodotto dei negoziati con l'Autorità Palestinese; anzi, Hamas lo ha rivendicato come una vittoria per i propri sforzi militari, un messaggio che il movimento ha spinto su cartelloni che recitavano ‘I negoziati futili non ci hanno portato da nessuna parte, la nostra resistenza ha liberato Gaza’. C'era una situazione economica terribile, in particolare a Gaza, perché il disimpegno di Israele ha tagliato decine di migliaia di lavoratori di Gaza dal mercato del lavoro. Favorito  dal suo concorrente Fatah diviso in due liste, Hamas ha vinto con il 45% del voto complessivo e il 58% dei seggi del Consiglio legislativo palestinese nel 2006. A Gaza, Hamas ha ottenuto il 56,7% dei voti. 


Tutti i discorsi altisonanti di Hamas sull'unità del popolo sono stati presto dimenticati.


Non appena Hamas ha preso il controllo di Gaza dopo gli scontri armati con Fatah nel 2007, ha ereditato e si è rapidamente appropriato delle auto e degli uffici abbandonati di Fatah. Solo pochi anni dopo che Ahmed Bahar si era vantato della sua umiltà, l'attuale vicepresidente del Consiglio legislativo palestinese cambiava auto tra una Mercedes-Benz S350 blindata e una Toyota Land Cruiser. Tutti nella leadership di Hamas hanno avuto la loro giusta quota di auto di lusso, uffici e titoli. Il clientelismo, il nepotismo, la cattiva gestione e la tassazione capricciosa erano all'ordine del giorno. Da quando il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha finalmente emesso il tanto atteso decreto elettorale a metà gennaio, è stato difficile capire come Hamas potrebbe dare il via alla sua campagna, per non parlare di un'altra vittoria. Su cosa farebbe Hamas - o Fatah, se è per questo - la campagna elettorale? Riforma, anti-corruzione, resistenza, fermezza? Tutti questi slogan sono passati da stanchi a privi di significato a ridicoli dopo un decennio di disillusione per i fallimenti e l'ozio delle élite politiche. Hamas ha fatto una campagna sulla promessa di eliminare l'oscenità della corruzione. Invece, lo stesso fetore è diventato così prevalente che c'è ben poco per distinguere il governo di Hamas da quello di Fatah. Forse il movimento islamista era il più adatto ad acquisire l'autorità, ma era il meno adatto a esercitarla. Come opposizione di lunga data per decenni, Hamas sapeva quali tasti premere contro il partito al potere, sfruttando le lamentele e le frustrazioni popolari ben consolidate. Ma non aveva esperienza nella gestione di un governo. Hamas ha ripristinato l'ordine nella Gaza assediata, ma con un pugno di ferro che ha sostanzialmente eroso le libertà civili. La sua performance economica è stata molto più triste, e la frustrazione del pubblico, anche tra le stesse file del movimento, è ora al suo apice. I gazawi assediati sono contemporaneamente adirati con l'Anp  di Abbas, che per anni ha trascurato, emarginato e persino imposto sanzioni ai suoi stessi dipendenti a Gaza per fare pressione su Hamas. A maggio, quel pubblico ha la possibilità di rendere ufficiale ciò che tutti sanno a memoria; che i palestinesi sono respinti dalla sua attuale leadership. 


Con la vita molto peggiore che nel 2006, a Gaza in particolare, sia Hamas che Fatah dubitano di potersi assicurare una vittoria convincente. ‘I volti familiari [di Hamas] sanno che la gente li detesta... è improbabile che si ricandidino’, mi ha detto di recente un leader moderato di Hamas, aggiungendo che i sondaggi interni di Hamas sono stati estremamente negativi per le figure principali del movimento.  Questo lascia aperta la possibilità di un voto di protesta, per punire i partiti al potere nei loro cuori. 


In Cisgiordania, molti palestinesi probabilmente esprimeranno un voto di protesta contro Fatah, per Hamas o per un terzo partito. A Gaza, gli elettori potrebbero votare contro Hamas, per un terzo partito o per Fatah, ma questo accadrebbe solo se l'ottuagenario Abbas non si candidasse. Molti giovani di Gaza detestano Abbas tanto quanto Hamas. Il miglior servizio che il presidente Mahmoud Abbas e l'attuale leadership di Hamas potrebbero offrire al pubblico palestinese e alla sua causa nazionale - una leadership che è già rimasta in carica un decennio oltre il suo mandato - è di astenersi del tutto dal correre alle prossime elezioni. Questo umile riconoscimento, ovviamente, non avverrà.


Quei sondaggi scioccanti


Ma Hamas non vuole nemmeno trovarsi di fronte ad un'umiliante eliminazione alle urne. Quindi ora sta contemplando molteplici alternative alla corsa diretta e all'affrontare l'ora della resa dei conti. Una proposta è quella di formare una lista congiunta con Fatah come forma preventiva di condivisione del potere. Ci sono diverse ragioni per questa innovazione. Hamas rivince  a Gaza, ma si accolla anche la negatività  per la impossibilità di praticare il potere: vince e  mantiene  il suo apparato di sicurezza, ma per farlo accresce il malessere tra una sempre più stremata popolazione civile. Il movimento sa che un governo ‘tout court’  di Hamas sarebbe boicottato a livello internazionale, anche dall'amministrazione Biden, e quindi Gaza sarebbe bloccata nella stessa situazione di stallo post elezioni che si sta deteriorando ora.  Una lista comune - che porti a un governo comune che approvi sia la non violenza che gli accordi bilaterali con Israele da Oslo in poi - sarebbe molto più conveniente anche per l'UE. Anche la Giordania e l'Egitto sono favorevoli a questo accordo e stanno spingendo per ottenerlo. Tuttavia, alcuni leader di Fatah si sono opposti pubblicamente all'idea, sia perché detestano Hamas, sia perché vedono una lista congiunta come una cancellazione della scelta degli elettori e quindi antidemocratica. Queste obiezioni significano che le sue possibilità sono scarse.


Altre due proposte stanno guadagnando consensi in Hamas. Una è quella di formare una lista di tecnocrati indipendenti, simpatizzanti ma non inquadrati nel movimento. Questa è stata la scelta di Hamas nelle elezioni comunali del 2016, finché non sono state annullate a Gaza. L'altra è quella di formare un partito politico formalmente distante dal braccio armato del movimento e dalla sua retorica militante, per prevenire un boicottaggio internazionale come quello del 2006. Nel 1996, Hamas ha formato tale partito, chiamato il partito della ‘Salvezza Nazionale Islamica’, per competere nelle elezioni del Consiglio legislativo palestinese (Clp, il parlamento dei Territori, ndr). Dopo che i suoi candidati, tra cui figure di spicco come Ismael Haniyeh, persero le elezioni, Hamas sconfessò il partito, che si dissolse rapidamente. Mentre Hamas sta ragionando su quali sarebbero i suoi risultati più favorevoli e cosa può fare, pragmaticamente, per arrivarci, lo stesso spirito di pragmatismo è meno visibile in Fatah. Finché Abbas detiene il monopolio del processo decisionale, il menu è provato e vecchio, anche se una vittoria è essenziale per bloccare una rimonta politica dei lealisti dell'esiliato-in-Dubai Mohammed Dahlan.  Fatah sembra appoggiarsi su tangenti e parole di conforto per conquistare i voti di Gaza. Non appena sono state indette le elezioni, l'Anp ha iniziato ad ammorbidire la sua melodia su Gaza; la scorsa settimana, il ministro dell'Anp Ahmed Majdalani ha immediatamente promesso che ‘tutte le questioni problematiche’ riguardanti Gaza sarebbero state presto risolte - il che significa l'imposizione generalizzata di Abbas di sanzioni su Gaza nel 2018 che includeva tagli di bilancio per i dipendenti e i servizi dell'Anp, persino una ridotta fornitura di carburante per la centrale elettrica di Gaza. Tuttavia, più le elezioni si avvicinano, più le divisioni all'interno di Fatah sul potere e le successioni si accentueranno, Potrebbero persino innescare il collasso del movimento. Indipendentemente dai piani di Hamas e Fatah, è altamente improbabile che uno dei due gruppi, correndo separatamente, si assicuri una maggioranza legislativa. Il sistema elettorale è stato recentemente cambiato in rappresentanza proporzionale, simile a quello di Israele. Ciò significa che non ci sarà alternativa ai negoziati intra-palestinesi, alla costruzione di coalizioni e alla condivisione del potere. Le elezioni offrono anche una rara opportunità per due gruppi demografici palestinesi di esprimersi con una certa influenza - o almeno, una maggiore possibilità di essere ascoltati. Il primo gruppo è la gioventù palestinese. Poiché le elezioni aumenterebbero temporaneamente il margine di libertà di parola e di riunione, sarebbe una rara opportunità per la mobilitazione giovanile al di fuori del tradizionale spettro Fatah-Hamas. Il secondo gruppo è costituito dai palestinesi della diaspora, a lungo confinati allo status di risorsa simbolica per gli slogan dell'Anp e di Hamas. L'elezione del Consiglio Nazionale Palestinese dell'Olp, prevista pochi mesi dopo le elezioni generali, il 31 agosto, è un'occasione chiave per la rappresentanza della diaspora. Raramente visti e mai ascoltati, i rifugiati palestinesi in Libano, la cui sofferenza è seconda solo a quella di Gaza, avranno una rappresentanza del Clp, e quindi una voce, aumentando il loro valore per i politici desiderosi di guadagnare i loro voti. L'ostacolo più importante per la democrazia palestinese è se la comunità internazionale riconoscerà i risultati delle elezioni e si impegnerà in modo costruttivo con il governo che produrrà - anche se include rappresentanti considerati sostenitori del terrorismo, da Hamas o dal Fronte Popolare per Liberare la Palestina. 


“Usa ed Europa: stavolta rispettate il voto”.


La politica dell'UE e degli Usa di scegliere i partner, di conferire legittimità a certi attori e di negarla ad altri, ha contribuito in modo sostanziale a creare e mantenere una politica palestinese frammentata. Per vedere come questo potrebbe giocare, prendiamo il recente esempio della decisione dell'ultimo minuto di Trump di mettere gli Houthi dello Yemen nella black list delle organizzazioni terroristiche.


Nonostante abbiano commesso atrocità imperdonabili e crimini di guerra, i principali gruppi umanitari, tra cui l'Onu ed ex funzionari di Obama come Rob Malley, hanno sostenuto che la lista nera degli Houthi è un atto di grande importanza, perché sanzionare qualsiasi area sotto il controllo degli Houthi è una punizione collettiva dei civili yemeniti che stanno già soffrendo la malnutrizione, la fame e le malattie. Essi sostengono che elencare gli Houthi danneggerà anche gli sforzi per porre fine alla guerra.  Opporsi alla sanzione formale degli Houthi come terroristi non fa di qualcuno un simpatizzante o un apologeta pro-Houthi. Piuttosto, mette in primo piano la sofferenza dei civili yemeniti come soggetto chiave per l'azione internazionale. Per quanto scomodo possa sembrare, la neutralità nei confronti di tutte le parti belligeranti yemenite è fondamentale per porre fine alla miseria della popolazione. La stessa deduzione dovrebbe essere applicata alla politica palestinese, dove la lista nera dei gruppi sfavorevoli aumenta la sofferenza della popolazione e approfondisce la divisione nazionale. Le prossime elezioni, se condotte secondo le norme democratiche, produrranno un legittimo governo rappresentativo palestinese, con il quale tutte le parti, dal vicino Israele all'UE e agli Stati Uniti, dovrebbero impegnarsi in modo costruttivo, per alleviare le sofferenze di una popolazione che sta lentamente morendo - indipendentemente dalle fazioni che quel governo comprende”.


Il nostro viaggio a Gaza con Mohammed Shahada e Osama Hamlan sul campo, finisce qui. 


Il convitato di pietra


Ma c’è un decisivo convitato di pietra a cui accennare: Israele, che a marzo tornerà a votare, per la quarta volta in due anni. La destra israeliana ha bisogno di Hamas per coltivare l’insicurezza, per alimentare nell’opinione pubblica la sindrome di accerchiamento, divenuta psicologia nazionale. Quanto ad Hamas,. può al massimo contemplare una “hudna” (tregua) con Israele ma mai un riconoscimento della sua esistenza.


D’altro canto, quella di Gaza è la storia di tre guerre, di bombardamenti, razzi, invocazione al diritto di difesa (Israele) e a quello della resistenza armata contro l’”entità sionista” (Hamas). E’ la storia di punizioni collettive, di quindici anni di assedio. Ma è anche la storia di un movimento islamico che, fallita l’esperienza di governo, cerca nuova legittimazione nell’indirizzare contro l’occupante con la Stella di David, la rabbia e la sofferenza di una popolazione ridotta allo stremo. Il sangue di Gaza chiama in causa i due “Nemici” che, ognuno per i propri tornaconti, hanno lavorato assieme per recidere ogni filo di dialogo e per distruggere ogni possibile compromesso. Perché “compromesso” è una parola che non esiste sia nel vocabolario politico della destra israeliana sia in quello di Hamas. Per questo i “falchi” di Tel Aviv “tifano” Hamas: un nemico da contenere, un nemico che fa comodo. 


(ha collaborato Osama Hamdan)