Arabia Saudita, la vergogna del G20
Top

Arabia Saudita, la vergogna del G20

#LoujainAlHathloul, incarcerata da oltre 2 anni con altre attiviste trasferita a una corte speciale per l'antiterrorismo. Questo è il regno Saud "in via di modernizzazione" che sabato ha ospitato il G20

Pena di morte in Arabia Saudita
Pena di morte in Arabia Saudita
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

26 Novembre 2020 - 17.35


ATF

Senza vergogna. Cos’altro si può dire dei grandi della Terra che hanno tenuto, sabato scorso, la riunione del G20 in Arabia Saudita. A questi signori, tra cui il presidente del Consiglio italiano, Giuseppe Conte, dedichiamo questo hastag: #LoujainAlHathloul, incarcerata da oltre 2 anni assieme ad altre attiviste, è stata trasferita a una corte speciale per l’antiterrorismo. Questo è il regno Saud “in via di modernizzazione” che sabato ha ospitato il G20

Vergogna infinita

Il nove novembre scorso, il Comitato delle Nazioni Unite per i diritti delle donne (Cedaw) aveva lanciato l’allarme per il peggioramento progressivo delle condizioni di salute dell’attivista saudita Loujain al-Hathloul, in sciopero della fame per protesta contro le condizioni carcerarie. La 31enne, in prima fila nella lotta per i diritti delle donne e per il diritto alla guida nel regno wahhabita, ha iniziato a rifiutare il cibo il mese scorso, denunciando le restrizioni e gli abusi cui è oggetto nella cella nella quale è rinchiusa. Rilanciando il suo caso, il Comitato Onu si rivolge in modo diretto a re Salman invocandone il rilascio immediato.
Elettroshock, frustate e abusi sessuali. 

Loujain al-Hathloul si è battuta in prima persona nelle Campagne per l’abolizione delle medievali restrizioni delle libertà delle donne in Arabia Saudita ed è stata arrestata dalle autorità saudite per aver violato le norme inerenti alla sicurezza nazionale, nel contesto di una più ampia operazione per reprimere i movimenti attivisti, soprattutto quelli femminili. Secondo quanto raccontano i parenti di Loujain, lei è stata costretta in regime di isolamento per tre mesi, ed è stata oggetto di elettroshock, frustate e abusi sessuali. I suoi carcerieri le avrebbero addirittura offerto la possibilità di uscire dal carcere se avesse dichiarato di non aver subito torture. 

Leggi anche:  Gaza: risoluzione Usa all'Onu per un cessate il fuoco temporaneo e lo stop dell'attacco a Rafah

Le autorità negano ogni accusa. Intanto, fra i capi d’imputazione emersi c’è quello di aver chiesto la fine della tutela maschile, di aver contattato organizzazioni internazionali e diplomatici Onu e stranieri. E comunque, pur restando in carcere, finora i giudici non hanno emesso una sentenza di condanna. Il 26 ottobre Loujain al-Hathloul ha iniziato lo sciopero della fame per le restrizioni subite, fra cui il divieto di poter comunicare in modo regolare con la famiglia. “Non può sopravvivere in prigione – dice la sorella Lina alla Bbc – senza sapere cosa ne sarà del suo domani. “Non sa – aggiunge – quando potrà ricevere la prossima visita… se domani o fra un anno. Mia sorella è risoluta e dice: preferisco morire, se non ho idea di quanto posso rivedere i miei genitori regolarmente”. 
Il Comitato Onu sull’eliminazione delle discriminazioni contro le donne è composto da 23 esperti indipendenti da tutto il mondo e lancia un severo richiamo sulle condizioni di salute fisiche e mentali di Hathloul. In una nota si legge un invito perentorio alle autorità saudite di “proteggere i suoi diritti alla vita, alla salute, alla libertà e la sicurezza delle persone, in ogni frangente e circostanza, rispettando le sue libertà di coscienza ed espressione, incluso lo sciopero della fame”.

Non una parola è stata detta dai Venti “grandi” sulla vicenda che riguarda Hathloul. 

Amnesty: il prezzo che si paga per essere femministe in Arabia Saudita

Il 19 maggio 2019 – ha ricordato Amnesty International in un suo report – le autorità saudite e la stampa governativa hanno lanciato una campagna diffamatoria a mezzo stampa per screditare come “traditori” e “traditrici” cinque attiviste per la difesa dei diritti delle donne, accusate di aver formato una “cellula” allo scopo di minacciare la sicurezza dello stato mediante “contatti con entità straniere destinati a compromettere la stabilità e il tessuto sociale” della monarchia saudita.

Leggi anche:  Gaza: risoluzione Usa all'Onu per un cessate il fuoco temporaneo e lo stop dell'attacco a Rafah

Queste pacifiche difensore dei diritti umani delle donne possono ora affrontare fino a 20 anni di carcere per la loro campagna contro il divieto di guida in Arabia Saudita.

Gli arresti di due delle attiviste donne più importanti sulla scena saudita – Samar Badawi, sorella del blogger incarcerato Raif Badawi, e Nassima al-Sada – mostrano che la repressione delle donne attiviste è tutt’altro che finita.

Entrambe sono state prese di mira, molestate e poste sotto il divieto di viaggiare per il loro attivismo per i diritti umani.

L’inganno del principe ereditario

L’attività di alcune di queste donne è stata determinante nella revoca del divieto – eppure il principe ereditario Mohammad bin Salman ha poi anche rivendicato l’abolizione del divieto come una delle sue “politiche riformiste visionarie”, sottolinea AI.

Di fatto nonostante i tentativi di passare come “riformatore” la repressione dei difensori dei diritti umani in Arabia Saudita è peggiorata dalla sua nomina, con diversi attivisti detenuti, processati e condannati a lunghe pene detentive.

La storia del movimento per il diritto di guidare

Negli anni Novanta circa 40 donne salirono a bordo delle loro automobili e percorsero alla guida una delle strade principali della capitale Riad. Vennero fermate dalla polizia e sospese dal lavoro.

Nel 2007 venne lanciata una campagna di lettere al defunto re Abdullah. L’anno successivo Wajeha al-Huwaider si filmò alla guida e pubblicò il filmato su YouTube l’8 marzo, Giornata internazionale delle donne.

Altre donne fecero lo stesso nel 2011: alcune vennero arrestate, una fu condannata a 10 anni, altre furono costrette a firmare un documento nel quale promettevano di desistere da ulteriori proteste.

Leggi anche:  Gaza: risoluzione Usa all'Onu per un cessate il fuoco temporaneo e lo stop dell'attacco a Rafah

Nell’ottobre 2013 la campagna riprese slancio. Il sito venne hackerato e alcune attiviste ricevettero minacce. Ciò nonostante, decine di donne pubblicarono in rete filmati e fotografie in cui erano riprese mentre guidavano. Seguirono numerosi arresti, molti dei quali per brevi periodi di tempo.

Dopo l’annuncio, nel settembre 2017, della fine del divieto a partire dal 24 giugno 2018, molte protagoniste della campagna hanno ricevuto telefonate in cui venivano ammonite a non commentare pubblicamente la novità.

Loujain al Hathloul, Nassima al-Sada, Samar Badawi, Maya’a al-Zahrani e Nouf Abdulaziz – annota Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia – sono state protagoniste di importanti campagne per i diritti delle donne, tra cui quelle per il diritto alla guida e per la parziale fine del repressivo sistema del tutore maschile. Sono in prigione dalla primavera del 2018, accusate di ‘aver cercato di minare la sicurezza e la stabilità del regno e l’unità nazionale”. Loujain, dopo mesi di isolamento, dopo la tortura con le scariche elettriche, dopo le molestie e la violenza sessuale, ha intrapreso uno sciopero della fame per protestare contro il divieto di comunicare con i suoi familiari. Se le autorità saudite fossero serie quando parlano di diversità di genere e di emancipazione delle donne, Loujain, Nassima, Samar, Maya’a e Nouf non dovrebbero stare in carcere”.

Il punto è che quelle autorità “serie” sul rispetto dei diritti umani, in particolare delle donne, non lo sono affatto. Ma lo scandalo è che vengono premiate ospitando una riunione del G20. Finiamo come abbiamo iniziato questo pezzo: VERGOGNA.

 

Native

Articoli correlati