Balneari, il Consiglio di Stato boccia il governo Meloni: no alla proroga delle concessioni
Top

Balneari, il Consiglio di Stato boccia il governo Meloni: no alla proroga delle concessioni

Il Consiglio di Stato boccia le forzature del governo Meloni e dice che la proroga automatica delle concessioni balneari non va applicata.

Balneari, il Consiglio di Stato boccia il governo Meloni: no alla proroga delle concessioni
Il Twiga di Forte dei Marmi
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Marzo 2023 - 21.17


ATF

La propaganda del governo Meloni segna ancora il passo, a dimostrazione che gli attestati di capacità sono stati eccessivamente generosi: la proroga automatica delle concessioni balneari non va applicata.

Le norme che la dispongono, infatti, “sono in contrasto” con l’articolo 12 della direttiva europea. Lo ribadisce il Consiglio di Stato nella sentenza in cui accoglie il ricorso contro la decisione del comune di Manduria di prorogare fino al 2033 le concessioni demaniali marittime. Ma il vicepresidente del Senato, Gian Marco Centinaio (Lega), ribadisce: “Rivendichiamo la norma e invitiamo il governo ad accelerare sulla mappatura delle coste”.

Il caso del Comune di Manduria

 La sentenza è la 2.192 della VI sezione del primo marzo, depositata giovedì, ed è relativa a un ricorso dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato contro il Comune di Manduria che aveva prorogato fino al 31 dicembre 2033 una serie di “concessioni demaniali marittime con finalità turistico-ricreative”. Ritenendo le delibere in contrasto con la normativa europea 2006/123, la cosiddetta Bolkestein, l’Autorità ha notificato un parere al Comune con il quale si ribadiva la necessità di assegnare le concessioni con le gare in modo da rispettare i principi di concorrenza sottolineando inoltre che, essendo la normativa italiana di proroga delle concessioni in contrasto con quella europea, doveva scattare “l’obbligo di disapplicazione da parte di tutti gli organi dello Stato, sia giurisdizionali che amministrativi”.

Leggi anche:  Migranti, Giorgia Meloni firma il patto con il dittatore Saied: "Sono molto contenta, ora faremo nuove intese"

L’appello al Consiglio di Stato

 Il Comune di Manduria non ha però mai ottemperato al parere dell’Autorità, che ha presentato ricorso al Tar della Puglia. Quest’ultimo a giugno del 2021, si legge nella sentenza, “lo ha dichiarato, per un verso, inammissibile e, per altro verso, ritenuto di doverlo, comunque, esaminare nel merito, lo ha respinto”. Di qui l’appello al Consiglio di Stato, con l’udienza pubblica che si è tenuta il 16 febbraio e la sentenza depositata giovedì nella quale i giudici ricordano che già con le sentenze del 2021 era stato sottolineato come “le concessioni di beni demaniali per finalità turistico-ricreative rappresentano autorizzazioni di servizi ai sensi dell’articolo 12 della direttiva” europea e “come tali sottoposte all’obbligo di gara”.

Precedenza alla direttiva europea

 Il Consiglio di Stato ricorda inoltre che in caso di contrasto tra la normativa nazionale e quella europea “deve darsi precedenza alla seconda, con conseguente necessità che tutte le autorità dello Stato membro, siano essi organi giurisdizionali o pubbliche amministrazioni, disapplichino la norma interna a favore di quella sovranazionale”. E questo vale sia per le norme passate sia per le ultime, quelle inserita dal governo Meloni nel Milleproroghe che hanno prorogato automaticamente le concessioni fino al 31 dicembre 2024. 

Native

Articoli correlati