Da quest'anno l'Europa vivrà senza petrolio russo. Ecco il ruolo delle petroliere
Top

Da quest'anno l'Europa vivrà senza petrolio russo. Ecco il ruolo delle petroliere

"Aspettate e vedrete che molto presto l'Ue accuserà la Russia di usare il petrolio come arma", ha avvertito Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente della Russia

Da quest'anno l'Europa vivrà senza petrolio russo. Ecco il ruolo delle petroliere
Le petroliere russe
Preroll

globalist Modifica articolo

6 Dicembre 2022 - 09.46


ATF

“Mosca ha già chiarito che non fornirà petrolio a quei Paesi che sostengono il tetto ai prezzi, misura contraria al mercato. Aspettate e vedrete che molto presto l’Ue accuserà la Russia di usare il petrolio come arma”, ha avvertito Mikhail Ulyanov, rappresentante permanente della Russia presso le organizzazioni internazionali a Vienna. I trader dicono che l’oro nero sarà diretto verso altri mercati, ovvero India, Cina e Turchia che sono diventati da marzo i suoi maggiori clienti.

Gli acquisti anonimi di navi cisterna sono monitorati attraverso i registri. Le navi hanno generalmente 12-15 anni e dovrebbero essere demolite nei prossimi anni, ha affermato Anoop Singh, capo della ricerca sulle petroliere di Braemar. “Questi sono acquirenti con cui noi, pur essendo broker di lunga data, non abbiamo familiarità”, ha ammesso Singh. “Ma riteniamo che la maggior parte di queste navi sia destinata alla Russia”.

Nel 2022, si sospetta che gli operatori legati alla Russia abbiano acquistato ben 29 superpetroliere – note come VLCC, navi di greggio giganti – ciascuna in grado di trasportare più di 2 milioni di barili, ha dichiarato Braemar all’Agenzia internazionale per l’energia il mese scorso in un convegno. Sembra inoltre che Mosca abbia acquistato 31 Suezmax in grado di trasportare circa 1 milione di barili ciascuna e 49 petroliere Aframax che possono trasportare ciascuna circa 700.000 barili, ha aggiunto l’analista. Andrei Kostin, capo della banca statale russa VTB, lo scorso ottobre sembrava confermare il ‘sospetto’ spiegando che il paese avrebbe dovuto spendere “almeno 16,2 miliardi di dollari” per “l’espansione della flotta di navi cisterna“. Mentre il vice primo ministro russo Alexander Novak a marzo spiegava che il paese avrebbe costruito le proprie “catene di approvvigionamento” nel greggio. 

Leggi anche:  Scenari: Putin punta sull'aiuto di Pechino e il calo di sostegno a Kiev per vincere in Ucraina

“Il numero di navi di cui la Russia avrà bisogno per spostare tutto il suo petrolio fa venire l’acquolina in bocca”, ha affermato Craig Kennedy, un esperto di petrolio russo del Davis Center di Harvard che sta monitorando il fenomeno. “Negli ultimi mesi abbiamo assistito a numerose vendite ad acquirenti anonimi e, poche settimane dopo la vendita, molte di queste navi cisterna si sono presentate in Russia per caricare il loro primo carico di greggio”, ha detto al FT.

Native

Articoli correlati