La Cgil in piazza per il lavoro: "No alla flat tax ma una vera riforma fiscale"
Top

La Cgil in piazza per il lavoro: "No alla flat tax ma una vera riforma fiscale"

Maurizio Landini ha spiegato che la manifestazione della Cgil in piazza del Popolo a Roma ha voluto invece essere un richiamo "perché venga ascoltato il lavoro"

La Cgil in piazza per il lavoro: "No alla flat tax ma una vera riforma fiscale"
La manifestazione della Cgil
Preroll

globalist Modifica articolo

8 Ottobre 2022 - 18.30


ATF

Cgil che batte un colpo: la Cgil non è scesa in piazza “contro qualcuno”: lo ha chiarito il leader del sindacato, Maurizio Landini, spiegando che la manifestazione in piazza del Popolo a Roma ha voluto invece essere un richiamo “perché venga ascoltato il lavoro”.

L’obiettivo, ha spiegato, deve essere quello di “riformare il Paese per rimettere al centro il lavoro, i diritti e la giustizia sociale”. Landini ha quindi sottolineato che la manifestazione è stata decisa prima dell’esito elettorale.

“Lavorare insieme, non da soli al comando”

“Non abbiamo bisogno di uomini soli al comando. Abbiamo già pagato pesantemente in questi anni, sia per quelli che dicevano di essere di destra che di sinistra e poi facevano le stesse politiche. Bisogna trovare tutti insieme le soluzioni”, ha aggiunto Landini dal palco della manifestazione “Italia, Europa ascoltate il lavoro”. “In questi anni i governi e le opposizioni non hanno ascoltato le lavoratrici e i lavoratori, con scelte che sono andate nella direzione opposta. La condizione è peggiorata”, ha sottolineato.

Leggi anche:  Il referendum contro il Jobs Act tocca quota 52mila firme, la Cgil: "Segnale importante e di grande attenzione"

“Confronto o evitino di chiamarci a palazzo Chigi”

“Non vogliamo essere chiamati quando avete già deciso le cose. Lo dico a chi sta pensando di formare il governo perché ha vinto le elezioni. Non abbiamo alcuna pregiudiziale, giudichiamo tutti per quello che fanno”, ha rimarcato Landini riferendosi al prossimo governo, ma “do un consiglio: non utilizzi il metodo precedente, di chiamarci a palazzo Chigi per informarci di quello già deciso”, in tal caso “eviti di chiamarci perché non abbiamo intenzione di fare i servi sciocchi di qualcuno”.

“Flat tax non è la via, serve riforma fiscale vera”

“Non è la flat tax quello di cui abbiamo bisogno. Serve una riforma fiscale vera, bisogna ridurre il carico fiscale sui lavoratori dipendenti e pensionati a partire dai redditi più bassi e rafforzare la lotta all’evasione. Allo stesso tempo “bisogna creare lavoro a partire da una lotta senza quartiere alla precarietà, che ha raggiunto livelli senza precedenti”, ha spiegato Landini rimarcando la necessità di cambiare “le leggi sbagliate” di questi anni, ha detto, a partire dal Jobs act.

Leggi anche:  Il referendum contro il Jobs Act tocca quota 52mila firme, la Cgil: "Segnale importante e di grande attenzione"

In piazza anche Conte, selfie e qualche contestatore –

Presente anche il leader M5s Giuseppe Conte che sta cercando in tutti i modi di accreditarsi come persona progressista (lui la parola sinistra non la pronuncia non a caso). L’ex premier ha posato per i tanti fan che hanno chiesto un selfie, ma c’è stato anche qualche contestatore. “Avete regalato il governo alla Meloni”, ha detto uno di loro. “Si vede che non segue la politica”, ha replicato Conte. Il leader M5s, che ha ascoltato attentamente il segretario Landini a pochi metri dal palco, ha applaudito alle parole del segretario della Cgil che ha chiesto lo scioglimento delle organizzazioni neofasciste.

A margine della manifestazione non è passato inosservato uno striscione decisamente filo-putiniano con una dichiarazione d’amore – se così si può dire – verso la Gazprom e accuse agli Stati Uniti.

Cgil
Native

Articoli correlati