Confermato il piano: i lavori per il rigassificatore di Ravenna partiranno a inizio 2023
Top

Confermato il piano: i lavori per il rigassificatore di Ravenna partiranno a inizio 2023

Confermato il piano per la realizzazione della piattaforma galleggiante, che nelle previsioni aumenterà l'autonomia energetica dell'Italia.

Confermato il piano: i lavori per il rigassificatore di Ravenna partiranno a inizio 2023
La mappa
Preroll

globalist Modifica articolo

5 Settembre 2022 - 14.39


ATF

Accelera l’iter burocratico per il rigassificatore di Ravenna. A fine ottobre si concluderà la conferenza dei servizi (ovvero il tavolo che riunisce tutti i soggetti in qualche modo coinvolti) e all’inizio del 2023 cominceranno i lavori per il rigassificatore, che sarà ormeggiato a largo del porto di Ravenna.

La Regione Emilia-Romagna, con il presidente Stefano Bonaccini che è stato nominato commissario per la realizzazione del progetto, conferma il cronoprogramma per la realizzazione della piattaforma galleggiante che nelle previsioni servirà per aumentare l’autonomia energetica dell’Italia.La struttura commissariale invierà le richieste di integrazione a Snam, che avrà 20 giorni di tempo (fino al 26 settembre) per rispondere. Dopodiché verrà convocata ai primi di ottobre una nuova seduta della Conferenza dei servizi per esaminare e discutere la documentazione prodotta da Snam.

Seguiranno altri 20 giorni per pareri e autorizzazioni da parte degli enti. La conclusione della Conferenza è fissata per fine ottobre, dunque entro 120 giorni dall’avvio, seguendo tempi molto più stretti rispetto al consueto dettati dall’urgenza della realizzazione dell’infrastruttura stabilita dal Governo. L’avvio dei lavori è previsto per il primo quadrimestre del 2023.

Leggi anche:  Sbarcati a Ravenna i 202 naufraghi soccorsi dalla Life Support di Emergency: tra loro 15 donne e 18 minori
Native

Articoli correlati