Usa: l'economia della Corea del Nord si basa su attività criminali

Secondo esperti americani, Pyongyang produce e distribuisce droghe e prodotti contraffatti, oltre a vendere i missili balistici ai suoi clienti, Iran in testa

Kim Jong Un

Kim Jong Un

globalist 8 dicembre 2017

Quando la Corea del Nord ha testato quello che sostiene essere un nuovo missile balistico intercontinentale la scorsa settimana, il regime ha certamente voluto mostrare la sua potenza militare al resto del mondo, specialmente gli Stati Uniti. Sembra, tuttavia, che i leader del regime avessero un altro obiettivo in mente. "Non è solo una minaccia. Si tratta di fare soldi ", dice Bruce Bechtol, professore di scienze politiche alla Angelo State University in Texas.
Uno dei metodi del regime per generare entrate è la proliferazione delle armi, così come l'assistenza tecnica e la formazione militare per i suoi clienti in Medio Oriente e in Africa.


"Si può presumere, con un'alta probabilità, che questo tipo di missile sarà acquistato dall'Iran ad un prezzo elevato", dice Bechtol, che ha lavorato come analista capo del Pentagono per il Nord-est asiatico. La proliferazione delle armi è solo una parte delle vaste imprese criminali del regime: attività illegali che secondo gli esperti rappresentano una parte significativa dell'economia nordcoreana.
"Il denaro di solito proviene da una miriade di attività illegali che le ambasciate di tutto il mondo sono autorizzate a svolgere", afferma David Asher, ex coordinatore speciale della Task Force della Corea del Nord del Dipartimento di Stato.
Il programma di armi nucleari della Corea del Nord si propone di mostrare il suo potere a livello internazionale ... e di fare soldi, dicono gli esperti.
Queste attività comprendono la produzione di droghe illecite e il traffico di cocaina di alta qualità, eroina e metanfetamina. Asher sostiene che lo Stato è anche fortemente coinvolto nella produzione di farmaci contraffatti e di narcotici sintetici, compreso il fentanil, che possono essere trovati per strada in tutto il Nord America.
Il governo nordcoreano guadagna anche dalla contraffazione di sigarette, afferma Asher, nonché dal commercio di prodotti vietati come l'avorio di rinoceronti e minerali illeciti, come i diamanti provenienti da zone di conflitto.
Questo non è il caso in cui un governo chiude un occhio sull'attività criminale o ha accettato tangenti dal crimine organizzato. Gli esperti dicono che il regime stesso è coinvolto in imprese criminali.

"Il modo migliore per immaginare questo sistema è pensare a uno Stato un po' come i Soprano, uno Stato di mafia", dice Paul Rexton Kan, professore associato di studi sulla sicurezza nazionale presso l'United States Army War College, in Pennsylvania. .

"Hanno praticamente nazionalizzato il crimine e lo hanno industrializzato - continua il professore -. Ed ora lo hanno anche armato. L'intero Stato è impegnato in attività di criminalità organizzata per finanziare il piano e i suoi programmi. "
Questa burocrazia governativa incentrata sul perseguimento di attività illegali a scopo di lucro è iniziata sotto Kim Il-sung, il fondatore della nazione, ha detto Kan. Molte delle informazioni su questi schemi provengono da ex funzionari governativi che hanno disertato.


In particolare il cuore delle atttività illecite di Stato sarebbe la "divisione 39", un'organizzazione governativa segreta in Corea del Nord, afferma Kan. Funzionari militari, burocrati e membri del corpo diplomatico sono utilizzati per organizzare la produzione e la distribuzione di prodotti illeciti. L'esercito nordcoreano, ad esempio, sta collaborando con organizzazioni criminali, come la giapponese Yakuza o il crimine organizzato malese, per distribuire la droga a livello internazionale, dice Kan.
Il governo usa anche il suo corpo diplomatico per raccogliere i profitti da queste attività. I diplomatici li depositano nelle varie banche dei paesi in cui sono coinvolti, spiega il signor Kan. Molti di loro vengono inviati all'estero appositamente per questo motivo, per riciclare il denaro del crimine e inviarlo al regime.