Bruce Springsteen a Ferrara, lo show continua ma è coperto di fango (e di silenzi)
Top

Bruce Springsteen a Ferrara, lo show continua ma è coperto di fango (e di silenzi)

Springsteen a Ferrara nonstante la catastrofe climatica che si è abbattua sulla Romagna. Dal rocker nessun commento sulla situazione in corso. Solo tanta musica e tanto silenzio.

Bruce Springsteen a Ferrara, lo show continua ma è coperto di fango (e di silenzi)
Preroll

redazione Modifica articolo

20 Maggio 2023 - 19.48 Culture


ATF

di Pancrazio Cardelli Anfuso

“Ho visto cose che non avrei mai pensato di poter vedere in una città americana. L’inettitudine criminale rende furiosi” (Bruce Springsteen, Jazz & Heritage Festival, New Orleans, maggio 2006)

Bel concerto, quello di Bruce Springsteen a Ferrara, racconta chi ha avuto la fortuna di vederlo. Cinquantamila fans arrivati con ogni mezzo, che hanno percorso traiettorie alternative per arrivare nella magnifica città estense evitando strade interrotte da smottamenti, frane e allagamenti, paesi sommersi, percorsi ostruiti dal fango e occupati dalla disordinata e generosa macchina dei soccorsi.

Springsteen ha fatto il suo lavoro alla grande, la band lo ha sostenuto in pieno e la gente si è goduta il concerto che non si può mancare, una volta nella vita, se davvero si vuole partecipare a un Grande Evento Rock. Ha fatto il suo lavoro talmente bene che ha pensato solo a suonare e a cantare, senza concedersi una pausa, neanche per commentare lo scenario apocalittico che arrivava a ridosso del palco, o quasi. Quanta strada c’è, da percorrere, partendo da Ferrara per arrivare nelle zone alluvionate? Poca.

Leggi anche:  Apologia di fascismo e odio razziale, maxi retata in Emilia Romagna: inneggiarono a Hitler durante una cena

Qualche anno fa (parecchi) un giovane, ingenuo rocker politicizzato, Joe Strummer, si esibì a Roma in un concerto gratuito nell’ambito di un’iniziativa elettorale del Partito Socialista Italiano. Si stupì delle intemperanze del pubblico, che riempì gli spazi tra una canzone e l’altra intonando un coro sempre uguale, che dava del boia all’oggi defunto leader socialista Craxi, motore della socialdemocrazia malata di quegli anni.

Strummer si giustificò dicendo di aver accettato con entusiasmo di sostenere una forza politica che si diceva socialista. Nei Young lo criticò aspramente, sostenendo che un artista importante ha il dovere di informarsi pienamente sul contesto che ne ospita l’esibizione.

Springsteen, che ha una storia di vicinanza con i più deboli e di impegno civile che lo ha visto fieramente contrapposto ai leader repubblicani in diverse campagne presidenziali americane, sembra perdere interesse per certe questioni quando si trova all’estero. L’entusiasmo della giunta di centrodestra per l’evento era giustificato – il rock è di tutti, e Ferrara non finisce sotto i riflettori tutti i giorni, nonostante sia una bellissima città – ma celebrarlo senza dire una parola su quanto accadeva di lì a pochi chilometri – 14 morti, oltre alla devastazione di un territorio sconfinato – stona, è brutto, è senza scuse.

Leggi anche:  Apologia di fascismo e odio razziale, maxi retata in Emilia Romagna: inneggiarono a Hitler durante una cena

Anche perché l’organizzatore del concerto aveva fatto sapere che un’assicurazione copriva i costi di un eventuale rinvio/cancellazione dell’evento. Che si è tenuto, con la rockstar che ha fatto il suo lavoro e incassato i suoi milioni, con la gente che si è divertita, con la città che ha avuto il suo evento da Copertina Internazionale.

Resta l’amarezza per l’assenza di un gesto, anche minimo, di comprensione della situazione, di empatia, di dispiacere. Ciao Ferrara, ha detto. Con i fans che non se lo raccontano: il Boss non può sbagliare, dice qualcuno di loro, sui social. Eppure fu uno dei primi a esibirsi a New Orleans, dopo il disastro dell’uragano Katrina, con la gestione dissennata dell’emergenza che fece scalpore in tutto il mondo. In quell’occasione ebbe le parole di fuoco che sarebbero state un commento perfetto per gli eventi di questi giorni. Ma è stato zitto, limitandosi a suonare le note della sua The River, che a quel punto sapevano di beffa.

Leggi anche:  Apologia di fascismo e odio razziale, maxi retata in Emilia Romagna: inneggiarono a Hitler durante una cena

La piena di tanti fiumi ha coperto di fango l’immagine fulgida dell’eroe rock senza macchia.
Brutta storia.

Native

Articoli correlati