Con "30 anni in un giorno" Ligabue porta Campovolo al cinema
Top

Con "30 anni in un giorno" Ligabue porta Campovolo al cinema

Al cinema 20, 21 e 22 marzo. Il 5 luglio al Meazza di Milano e il 14 luglio allo Stadio Olimpico di Roma. Luciano Ligabue torna live

30 anni in un giorno - Campovolo 2022 - Luciano Ligabue - LigaRCFArena
"30 anni in un giorno" Campovolo 2022 - Luciano Ligabue - LigaRCFArena©jarno_iotti
Preroll

globalist Modifica articolo

16 Marzo 2023 - 14.17


ATF

di Alessia de Antoniis

Con “Ligabue. 30 anni in un giorno” l’incredibile esperienza di Campovolo 2022 arriva al cinema il 20, 21 e 22 marzo.

“Realizzare un concerto da tre ore dopo tre anni che non toccavo palco, ha significato, negli ultimi tre giorni, un accumulo di frustrazione, impazienza e anche ansia da prestazione” Così Luciano Ligabue ieri sera al cinema Barberini di Roma alla presentazione di “Ligabue. 30 anni in un giorno”, che porta sul grande schermo tutte le emozioni del live del 4 giugno 2022 alla presenza di oltre 100.000 fan.

Non un semplice film del concerto, ma il racconto di una vera e propria festa a Campovolo, nella nuova RCF Arena di Reggio Emilia, che ha celebrato i 30 anni di carriera del Liga.

Marco Salom – scherza Ligabue – non è solo il regista del film, ma è anche la mia vittima predestinata. Lui doveva ottenere il massimo nei giorni prima del concerto. Io in quel momento non volevo nessuno attorno. Lui era sempre lì con la telecamera. C’è stata una serie di vaffa difficili da contare. C’è stato un momento in cui si è dovuto nascondere dietro un albero, far finta di andar via con la telecamera in mano, ma non è neanche riuscito a nascondersi bene.

Leggi anche:  Freak Antoni avrebbe compiuto 70 anni: l'omaggio di Bologna con una mostra di scatti inediti

Nessuno di noi poteva immaginare che Campovolo sarebbe stato quello che è diventato nel tempo. Lo abbiamo sempre usato per festeggiare delle tappe della mia carriera. Questa era la più sovraccaricata dall’emozione, dall’attesa, ma anche dal fatto che è stato uno dei primi concerti della riapertura. Oggi tutti vogliamo dimenticarci il più possibile del periodo che abbiamo vissuto con il Covid. Lì c’era finalmente il bisogno di normalità e di celebrazione della vita. Ho un’immagine che non dimenticherò mai ed è quando io salgo sul palco e apro l’evento con la canzone che avevo fatto uscire in occasione del concerto: “Non cambierei questa vita con nessun’altra”. Era la voglia di dire quanto io fossi grato a quello che mi è capitato di vivere e che ho capito in quei due anni in cui io non ho fatto progetti. Durante i quali sono dovuto stare fermo per forza. Al centro di quella canzone c’è un ritornello che dice “abbiamo vinto noi”. Speravo che il mio pubblico cercasse di vivere con quella frase che era la celebrazione della vita che andava avanti dopo pensieri angoscianti e immagini tragiche. Salgo sul palco, c’era ancora la luce del giorno e potevo vederli. E li ho visti bene quando si lasciavano andare alla liberazione di quel “abbiamo vinto noi”. È una sensazione che non dimenticherò mai.

Leggi anche:  Gianni Togni, arriva l'Edizione Straordinaria

Trent’anni in un giorno non ci stanno. Il titolo va bene perché qualche titolo va dato, ma fortunatamente c’è tanto altro di cui ho goduto, in cui mi sono avventurato, pensando che nessuno può sapere se una canzone durerà, quanto durerà, se lascerà un segno. Quello che puoi vedere è che hanno la forza di tenere compagnia, riescono ad alleggerirti, riescono a farti ballare, a emozionarti, e tante volte riescono a non farti sentire solo. Quando con una canzone riesci a fare questo per qualcuno, è sempre una canzone riuscita.

“Ligabue. 30 anni in un giorno” racchiude i momenti di live, la preparazione, i retroscena di quella incredibile giornata, che si alternano alle parole di Ligabue che ripercorre la sua vita professionale, dagli esordi fino ad oggi, e dei tanti amici che lo hanno accompagnato in questo percorso.

Nelle parole del regista Marco Salom è racchiuso lo spirito del docufilm: «Questo progetto è stato realizzato in soli 5 giorni di riprese in un clima estremamente concentrato sulla preparazione dell’evento live. Una produzione tanto complicata quanto entusiasmante. Campovolo non è solo un concerto di enormi dimensioni, è un’esperienza indimenticabile, una sorta di “Festival del Liga” dove in ogni angolo di questo spazio immenso, si vive il desiderio di stare insieme, per divertirsi ed emozionarsi con la musica di Luciano. “Ligabue 30 anni in un giorno” è un docufilm nel quale ho cercato di raccontare questo evento, attraverso interviste esclusive con Luciano Ligabue, i suoi grandi ospiti, Francesco De Gregori, Elisa, Loredana Bertè, Eugenio Finardi, Gazzelle, Mauro Pagani ed alcuni dei suoi collaboratori. Scavando nei loro ricordi ed evidenziando momenti salienti delle ore precedenti lo show, ho creato un racconto che in certi momenti mette in luce anche aspetti inediti di Luciano Ligabue, un grandissimo artista con il quale collaboro da oltre 25 anni.»

Leggi anche:  Che fine ha fatto il Disco di Diamante, nell'epoca dello streaming? Ecco come si calcolano i 'premi' della musica

Prodotto da  Marco Belardi per Bamboo Production in collaborazione con Claudio Maioli per Riservarossa e Ferdinando Salzano per Friends & Partners, realizzato da Eventidigitali con Crossmediafilms e diretto da Marco Salom, Ligabue. 30 anni in un giorno arriverà in sala per tre giornate esclusive il 20, 21, 22 marzo 2023 distribuito da Vision Distribution.

Nel mese di luglio Luciano Ligabue tornerà live con due imperdibili concerti negli stadi: il 5 luglio allo Stadio G. Meazza di Milano e il 14 luglio allo Stadio Olimpico di Roma.

Native

Articoli correlati