Top

La provocazione di Sgarbi: "Se anche su Report dubbi sui vaccini, Ranucci più pericoloso di Puzzer?"

Il critico d'arte e sindaco di Sutri: "Vedo molte affinità fra Sigfrido Ranucci e Stefano Puzzer, che esprimono entrambi in modo pacifico dei dubbi sulla gestione del vaccino"

<picture> Vittorio Sgarbi </picture>
Vittorio Sgarbi

globalist

3 Novembre 2021


Preroll

Non si sono ancora placate le polemiche sull’ultima puntata di Report, molto criticata soprattutto dal Pd (che ha chiesto un’interrogazione in Vigilanza Rai) per le presunte tesi No Vax esposte nel corso della trasmissione, accuse alle quali il conduttore Sigfrido Ranucci ha risposto smentendo categoricamente e confermando che l’intera redazione è vaccinata e che non c’è alcuna fronda anti-vaccini dentro Report. 
Sulla questione è intervenuto, con i soliti modi, Vittorio Sgarbi, che azzarda un paragone quantomeno bizzarro: “Non entro nel merito ma dico che vedo molte affinità fra Sigfrido Ranucci e Stefano Puzzer, che esprimono entrambi in modo pacifico dei dubbi sulla gestione del vaccino, quindi delle due l’una: o consentono a Puzzer di dire delle cose in piazza, o danno il Daspo anche a Ranucci. Altrimenti non si capisce la logica”.
“Puzzer viene cacciato per un anno da Roma perché ‘occupa suolo pubblico’, ma a parte che allora non si capisce perché non vengano cacciati anche i mendicanti che dormono lì con il loro materasso e le loro vettovaglie, io mi chiedo: siccome l’occupazione del suolo televisivo non è meno importante del suolo pubblico, perché non sospendono per un anno anche Ranucci?”, dice Sgarbi.
Il critico e sindaco di Sutri sottolinea: “Bisogna dare solidarietà ad entrambi, occorrono garanzie per tutti e due. Entrambi comunicano qualcosa che crea dei profondi dubbi sulla gestione del covid e del vaccino. Ma mi chiedo perché in un caso una parte del Pd lo difenda, e nell’altro caso no”.
La questione, afferma Sgarbi, “viene tutta dal Pd che ha una contraddizione tra la linea ‘realista’ sanitaria alla Draghi e le valutazioni di una parte del Pd che invece difende una trasmissione storicamente legata alla sinistra, anche se anti renziana”. Da un punto di vista “della ragion di Stato, però, tra i due è più pericoloso Ranucci, perché ha la credibilità di una testata televisiva e di una rete – provoca Sgarbi – E se lo Stato deve difendersi dalla minaccia per la salute pubblica, Ranucci è un pericolo pubblico più di Puzzer, no?”. 

OutStream Desktop
Top right Mobile
Native
Box recommendation

Articoli correlati

Outofpage