Chi usa il Presepio come propaganda tradisce il messaggio del cristianesimo

Scrive Papa Francesco, nella lettera apostolica Admirabile signum: "Dal Presepe, Gesù proclama l’appello alla condivisione con gli ultimi quale strada verso un mondo dove nessuno sia escluso"

Presepe

Presepe

Paola Gaviraghi 13 dicembre 2019
Chi usa il Presepio per fare campagna elettorale, ponendo un forte richiamo di identità sociale e di difesa della tradizione contrapposto allo straniero, al diverso che bussa alla nostra porta, tradisce il messaggio del cristianesimo che in esso si cela. Utilizza in modo improprio un segno della tradizione cristiana a fini strumentali e ideologici, profittando del sentimento che esso suscita.
Per questo motivo nelle prossime righe ripercorreremo in modo sintetico il significato del Presepio non per fare campagne ma per una pura questione di correttezza e di giustizia.
E riscopriremo insieme che il Presepio chiude in sé un messaggio rivoluzionario.
Iniziamo dalla parola Presepio o Presepe che viene dal latino praesepium e che significa greppia, mangiatoia. Il nome di questa rappresentazione religiosa pone dunque l’accento su dove Gesù è nato: in una mangiatoia, in una stalla. Per il cristiano Dio entra nella storia dell’uomo in umiltà.
Scrive Papa Francesco, nella sua ultima lettera apostolica "Admirabile signum", il Presepio è il "mirabile segno tanto caro al popolo cristiano che suscita sempre stupore e meraviglia". Esso rappresenta la nascita di Gesù e "annuncia il mistero dell’incarnazione del Figlio di Dio con semplicità e gioia".
È un gesto della tradizione cristiana ricco di fede e di significato religioso che ha in sé la forza di muovere i cuori a tenerezza per quel Dio bambino nato povero e deposto in una mangiatoia.
"Il Padre lo inviò in mitezza e bontà": così è scritto nella lettera a Diogneto, prezioso testo della letteratura antica cristiana risalente al secondo secolo. La lettera prosegue: "Lo inviò come Dio, qual era, e come uomo, come conveniva che diventasse per salvare gli uomini, mediante la persuasione e non con la violenza. In Dio, infatti, non c’è violenza!"
E ancora nella rappresentazione del Presepio vivente voluta da San Francesco a Greccio il sacerdote celebra solennemente l’Eucarestia sulla mangiatoia. Il tutto è contemplazione del popolo con il santo dell’umiltà dell’incarnazione: Dio che si fa bambino e ancora Dio presente nelle spoglie del pane e del vino. Tant’è che in alcune rappresentazioni medioevali la greppia è tutt’uno con l’altare.
Questo è il Presepio, una piccola liturgia domestica che si rinnova ogni anno nelle case dei cristiani che dice con fermezza che "Il verbo si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi" e lo fece in umiltà e rispetto, mai imponendosi ma chiedendo a Maria il suo consenso. Perché in Dio lo ribadiamo non c’è violenza.
Da allora nulla è più stato lo stesso.
Sant’Agostino nel "De civitate" criticando la cosmogonia ciclica stoica introduce una diversa scansione del tempo storico inteso alla luce dell’evento dell’incarnazione. "Rompe la circolarità che allude ad autofondazione e ripetizione e introduce una diversa struttura qualificata del tempo dove vi sono alti e bassi, momenti di pienezza e di declino, a partire da quella pienezza massima in cui accadde l’incarnazione del Verbo. L’incarnazione apre una storia nuova, moderna per sempre che esclude ogni ripetizione ciclica. Modernità e novità perenne contro l’eterno ritorno dell’eguale, è conferimento di senso nel cammino verso le cose ultime." Così scrive il filosofo Vittorio Possenti in "Religione e vita civile". Nasce un tempo nuovo, il moderno ed esso ha essenzialmente a che fare con un atto di Dio.
Il Presepio nella sua semplicità serba in sé tutti questi significati. È testimonianza dell’incarnazione di Dio per la salvezza di tutti gli uomini, è l’inizio di un tempo nuovo. "Cristo luce del mondo" recita la liturgia e Giuseppe è rappresentato con una lampada tra le mani. È il Dio che sceglie l’umiltà, che si abbassa verso la sua creatura per innalzarla alla bellezza della sua stessa "regalità" chiamandoci figli per mezzo del suo stesso figlio. E in ogni piccolo Presepio risuona forte il messaggio di conversione del cuore che chiama alla fratellanza l’intera famiglia umana.
È questa la rivoluzione del Presepio come sottolinea Papa Francesco: "Dio stesso inizia l’unica vera rivoluzione che dà speranza e dignità ai diseredati, agli emarginati: la rivoluzione dell’amore. la rivoluzione della tenerezza. Dal Presepe, Gesù proclama con mite potenza, l’appello alla condivisione con gli ultimi quale strada verso un mondo più umano e fraterno, dove nessuno sia escluso ed emarginato."