Topolino dedica la copertina al Festival di Sanremo
Top

Topolino dedica la copertina al Festival di Sanremo

Nel numero anche una spiritosa caricatura di Carlo Conti.

La parodia di Carlo Conti firmata da Luca Usai
La parodia di Carlo Conti firmata da Luca Usai
Preroll

globalist Modifica articolo

3 Febbraio 2017 - 11.47


ATF

Carlo Conti, dopo la prima apparizione legata a L’Eredità, torna sulle pagine di Topolino, in una storia che omaggia il Festival di Sanremo. Tarlo Konty, questo il nome della simpatica parodia, lo fa cercando di difendere in tutti i modi la buona musica dall’idea di Paperone di utilizzare un robot per rubare il meglio delle canzoni e trasformarle in veri e propri tormentoni.

Numero 3193 del famoso fumetto dedicato alla manifestazione canora. La storia principale dal titolo “Zio Paperone e il tormentone d’amore”, disegnata dall’autore sardo Luca Usai, originario di Guspini, su sceneggiatura di Giorgio Salati e inchiostrata da Simone Paoloni, è una parodia di Sanremo che tra gli ‘attori’ principali vede proprio la versione ‘papero’ di Carlo Conti.

“In questa storia non si parla realmente di Sanremo – spiega Usai – ma di un festival organizzato da Paperone: il Festival dei fiori e dei cuori”. Come in tutte le parodie di casa Disney, la trama è ricca di colpi di scena e invenzioni umoristiche. “Paperone ha invitato tanti cantanti di serie B e creato un robot che capta le emozioni degli ascoltatori per poi tradurle in una nuova canzone, il classico tormentone. Tarlo Konty tenta in tutti i modi di bloccare Paperone, puntando sulla buona musica. Poi entrano in scena Paperino, Qui, Quo Qua e soprattutto Brigitta.

Leggi anche:  Riccardo Muti a Lampedusa per ricordare i morti in mare

Usai, disegnatore dell’associazione di fumettisti sardi Chine Vaganti, da anni lavora a Milano nello “Pseudostudio” insieme a un altro compagno di matita cagliaritano, Fabiano Ambu. Pubblica per Disney, Gaghi Editrice e per l’etichetta indipendente ItComics. Un anno fa, sui testi di Roberto Gagnor, si era già cimentato su una parodia di Carlo Conti, ma in quel caso riferita al programma televisivo L’Eredità. “Ho lavorato per oltre due mesi alla storia su Sanremo finendo per disegnare le trenta pagine prima di Natale. Ho dovuto fare un collage con le foto di Carlo Conti per disegnare la sua parodia, riprendendo tutte le sue espressioni e i movimenti”.

La copertina di

Native

Articoli correlati