Lilli Greco e Rca, un binomio storico
Top

Lilli Greco e Rca, un binomio storico

Amico di molti musicisti e autori, ricordato e amato da tutti nel mondo delle spettacolo. Ecco un suo ricordo

Lilli Greco e Rca, un binomio storico
Preroll

Desk2 Modifica articolo

22 Dicembre 2015 - 17.10


ATF
di Piero Montanari Giovedì 17 e venerdì 18 dicembre è andato in onda su Rai Tre “Il mondo a 45 giri”, un programma che ha raccontato (per alcuni che non l’hanno gradito, solo malamente provato a raccontare) il fantastico mondo della Rca Italiana, la casa discografica che per quasi 50 anni è stato il polo di riferimento della musica pop nel nostro Paese e che ha creato e lanciato artisti importanti. In tanti hanno contribuito a questo successo: musicisti, arrangiatori, autori di canzoni, grafici, addetti stampa, produttori artistici. Vorrei ricordare uno di loro, uno che nelle rievocazioni del programma non ha avuto molto spazio ma che, per importanza e talento, meriterebbe un programma a sé: Lilli Greco.

Italo “Lilli” Greco, per molti un nome sconosciuto ma per tanti di noi, musicisti e autori, un amico e un grande e unico produttore musicale, papà di tanti artisti con i quali aveva lavorato, soprattutto nella Rca italiana di via Tiburtina, la casa discografica che oggi non c’è più, ma che tanto ha rappresentato per la musica pop del nostro paese.

Leggi anche:  Morgan sotto accusa per stalking: la Warner Music Italy rescinde il contratto con il musicista

Lilli è stato un musicista produttore unico nel suo modo di considerare la musica leggera e di proporla attraverso gli artisti da lui prodotti, che puntualmente diventavano un’estensione dei suoi pensieri musicali e soprattutto filosofici.

Ricordiamone alcuni degli inizi, tra i quali molti scoperti dal talento di Lilli Greco: Jimmy Fontana, Gianni Morandi, Rita Pavone, Edoardo Vianello, Patty Pravo, Gabriella Ferri; ma anche Riccardo Cocciante, da lui lanciato insieme a Paolo Dossena con il quale aveva fondato una casa discografica, la Delta.

In seguito, nel periodo più intenso dei cantautori, il suo lavoro con Francesco De Gregori, Antonello Venditti e Paolo Conte, risultò assolutamente fondamentale per il successo di questi artisti. Addirittura – ed ero personalmente uno dei musicisti di quei dischi – Conte fu convinto a forza da Lilli a scrivere per sè e non solo per altri e anche a cantare, fatto determinante per lo straordinario successo del cantautore di Asti.

Ci sono persone che sono in grado di cambiarti il modo di vedere e di approcciare la vita in tutte le sue sfaccettature, e Lilli era uno di questi. Sempre pronto a contrastare i luoghi comuni, le banalità e a sorriderci su, i nostri lavori in sala di registrazione si trasformavano in kermesse dove si passava dalle barzellette alla filosofia, dalle jam session (era uno straordinario pianista) ai giochi mentali più assurdi. Poi si suonava e si registrava e le atmosfere che Lilli evocava venivano fuori prepotentemente, ad affermare la sua genialità.

Leggi anche:  Un box racconta la storia degli Opus Avantra, gruppo Prog tra avanguardia e tradizione

Con lui ho lavorato molto ed ho partecipato a molti dischi: da Paolo Conte a Francesco De Gregori, da Gabriella Ferri, a Jimmy Fontana, e quando mi telefonava per invitarmi ad una registrazione alla Rca o in altri studi ero sempre felice, perché sapevo che c’era da divertirsi. E da imparare.

Per capire la filosofia di Lilli, un piccolo aneddoto: una volta, registrando con Paolo Conte, la base della canzone non veniva bene secondo Lilli, non c’era atmosfera, non gli piaceva, era – secondo lui – banale. Si rivolse a me dritto negli occhi e mi disse: “Piero, a che stai a pensà mentre suoni, alla mensa della Rca o alla signora Bruna che ti porta la pasta? Qui siamo nel 1940, in un altro mondo, qui c’è Humphrey Bogart con i capelli pieni di brillantina tutti tirati indietro! Hai capito come devi sonà er basso? Co’ la brillantina in testa!”

Abitava a Grottaferrata, vicino a me, dove si era ritirato da qualche tempo dopo aver lasciato con dispiacere – mi raccontava – la sua casa al mare, e per questa vicinanza avevamo ripreso i contatti e qualche volta ero andato a trovarlo. La sua morte, avvenuta il 14 ottobre del 2012, è stata una grave e dolorosa perdita.
Grazie di tutto, Lilli, ti abbiamo voluto bene.

Native

Articoli correlati