Sibilia, il complottista che non crede allo sbarco sulla Luna, diventa sottogresetario agli interni

E ancora: accusò Mattarella di farsi corrompere coi rolex, disse che l'attentato a Falcone e Borsellino fu 'rivoluzionario', accusò Napolitano di essere un boss della mafia...

Carlo Sibilia

Carlo Sibilia

globalist 12 giugno 2018

Fintantoché Carlo Sibilia rimaneva un twittarolo della domenica, il massimo che poteva succedere era che farci due risate per la sua ultima sparata. Come quando paragonò il decreto per i vaccini obbligatori al Tso per i bambini e accusava Mattarella di essere stato corrotto con i rolex per avervi posto la firma, oppure come quando, subito dopo Charlie Hebdo, il suo complottismo congenito gli fece scrivere:


"Incredibile che a Charlie Hebdo sia rimasto ucciso l'economista Maris che denunciava irregolarità su emissione moneta”.



Oppure ancora, quando il 7 luglio del 2013, scrisse che il ‘Restitution Day’  è "l'evento politico più rivoluzionario dagli omicidi di Falcone e Borsellino”.


La lista può essere ancora lunga, ma vogliamo lasciarvi con la nostra preferita: nel 2014, Sibilia twitta: 



Oggi si festeggia anniversario sbarco sulla #luna. Dopo 43 anni ancora nessuno se la sente di dire che era una farsa…


Ecco, Carlo Sibilia è il nostro nuovo sottosegretario agli Interni. 


Buona fortuna a tutti, ne avremo davvero bisogno