Francia, i partiti sondano possibili alleanze per fermare l'onda nera di Le Pen alle elezioni anticipate
Top

Francia, i partiti sondano possibili alleanze per fermare l'onda nera di Le Pen alle elezioni anticipate

Lunedì i partiti politici in Francia hanno tenuto colloqui di emergenza per sondare potenziali alleanze mentre il paese si prepara alle elezioni legislative più importanti degli ultimi decenni, indette da Emmanuel Macron

Francia, i partiti sondano possibili alleanze per fermare l'onda nera di Le Pen alle elezioni anticipate
Marine Le Pen e Jordan Bardella
Preroll

globalist Modifica articolo

11 Giugno 2024 - 11.36


ATF

Lunedì i partiti politici in Francia hanno tenuto colloqui di emergenza per sondare potenziali alleanze mentre il paese si prepara alle elezioni legislative più importanti degli ultimi decenni, indette da Emmanuel Macron dopo essere stato nettamente sconfitto dall’estrema destra alle elezioni parlamentari europee.

Domenica l’estrema destra di Le Pen (RN) ha ottenuto circa il 32% dei voti, più del doppio del 15% ottenuto dagli alleati del presidente, secondo gli exit poll. I socialisti con il 14% sono arrivati ​​a un soffio dal gruppo Macron.

Il partito di Macron ha 169 deputati nell’Assemblea nazionale e 88 nella RN.

La decisione inaspettata e rischiosa di indire elezioni così presto potrebbe consegnare un grande potere politico all’estrema destra dopo anni in disparte e alla presidenza neutrale di Macron tre anni prima della sua fine. Se il partito di estrema destra ottenesse la maggioranza assoluta, il presidente perderebbe di fatto il controllo su gran parte della politica interna francese.

Leggi anche:  Europee: in Francia Marine Le Pen prima, Macron 16 punti dietro bene i socialisti

“Questa sarà l’elezione parlamentare più importante per la Francia e per i francesi nella storia della Quinta Repubblica”, ha detto alla radio RTL il ministro delle finanze Bruno Le Maire. “Dobbiamo lottare per la Francia e per i francesi. Abbiamo tre settimane per fare campagna elettorale e convincere i francesi”.

Emmanuel Pellerin, deputato del partitdi Macron, ha detto che lui e i suoi colleghi sono “ancora sotto shock”, aggiungendo: “Tutto indica che la RN abbia ottenuto la maggioranza relativa o assoluta. Ma questo costringe i francesi a riflettere sulla posta in gioco”.

Il voto legislativo si svolgerà il 30 giugno, meno di un mese prima dell’inizio delle Olimpiadi di Parigi, con un secondo turno il 7 luglio. I risultati dipenderanno probabilmente da quanto gli elettori di sinistra e di centrodestra saranno impegnati a tenere l’estrema destra lontana dal potere.

La mossa del presidente ha colto di sorpresa alcuni leader di estrema destra. “Non pensavamo che sarebbe successo subito dopo le elezioni europee, anche se lo avessimo voluto”, ha detto a RTL Radio il vicepresidente della RN, Sébastien Chenu. “Le elezioni raramente sono un dono e in questo contesto non lo sono”.

Leggi anche:  In Francia i partiti di sinistra si riuniscono in un 'Fronte popolare" per contrastare Le Pen e vincere le elezioni

Ha invitato i legislatori di destra esterni alla RN ad ingrossare i suoi ranghi nella battaglia per battere Macron, e ha detto che il telegenico presidente del partito, il 28enne Jordan Bardella, sarebbe il suo candidato a primo ministro.

Native

Articoli correlati