Macron tifa per una maggioranza 'repubblicana' che escluda Melenchon e Le Pen
Top

Macron tifa per una maggioranza 'repubblicana' che escluda Melenchon e Le Pen

Macron ha invitato tutti i partiti “che si identificano con le istituzioni repubblicane, lo stato di diritto, il parlamentarismo, una posizione europeista e l’indipendenza francese ad avere un dialogo sincero e leale

Macron tifa per una maggioranza 'repubblicana' che escluda Melenchon e Le Pen
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Luglio 2024 - 22.21


ATF

Emmanuel Macron ha invitato i partiti politici a “cogliere l’occasione e lavorare insieme” per costruire una coalizione con una solida maggioranza dopo che gli elettori in elezioni anticipate hanno restituito un parlamento sospeso senza alcuna via ovvia verso un governo.

Il presidente francese, che non parla pubblicamente dal voto del secondo turno di domenica, ha detto in una lettera al paese che nessuno ha vinto le elezioni, in cui un’alleanza verde-sinistra è arrivata in testa ma non ha raggiunto la maggioranza assoluta.

“Nessuna forza politica ha una maggioranza sufficiente e i blocchi che sono emersi sono tutti minoranze”, ha detto mercoledì Macron.

Ha invitato tutti i partiti “che si identificano con le istituzioni repubblicane, lo stato di diritto, il parlamentarismo, una posizione europeista e l’indipendenza francese ad avere un dialogo sincero e leale per costruire una maggioranza solida – necessariamente plurale – per il Paese”.

La sua formulazione sembrava concepita per escludere il Raggruppamento Nazionale (RN) di Marine Le Pen, ma anche implicitamente la sinistra radicale France Unbowed (LFI) di Jean-Luc Mélenchon, che è il più grande partito dell’alleanza del Nuovo Fronte Popolare (NFP) emerso come il vincitore elettorale a sorpresa.

Leggi anche:  Chi è Jean-Luc Melenchon: l'esponente della sinistra radicale vincitore dei ballottaggi che hanno affossato Le Pen

L’NFP, che comprende anche i partiti socialista di centrosinistra, verde e comunista, ha vinto 182 dei 577 seggi dell’assemblea e può contare sul sostegno di altri 10 parlamentari di sinistra, mentre la coalizione centrista di Macron ha ottenuto 168 deputati. Il favorito prima del voto, l’estrema destra RN, era terzo con 143.

Da allora l’NFP ha affermato che, in quanto blocco più numeroso nella nuova assemblea, deve essere consentito di schierare il prossimo primo ministro e attuare “il nostro programma, tutto il nostro programma e nient’altro che il nostro programma”.

Molti nel campo centrista di Macron, tuttavia, come fanno eco i parlamentari del centro-destra Les Républicains (LR), hanno affermato che non sosterrebbero un governo guidato dalla PFN e sosterrebbero una mozione di sfiducia contro un gabinetto composto da membri della LFI.

Macron ha affermato nella sua lettera, pubblicata su Le Parisien, che gli elettori non volevano che la RN governasse. Solo le “forze repubblicane” rappresentavano la maggioranza, ha detto, e una “chiara richiesta di cambiamento e condivisione del potere” richiedeva loro di costruire un’ampia alleanza.

Leggi anche:  Francia, De Cristoforo: "TeleMeloni ha toccato il fondo, su RaiNews il festival sovranista e non sconfitta di Le Pen"

“Idee e programmi prima che posizioni e personalità: questa alleanza deve essere costruita attorno ad alcuni grandi principi per il Paese”, ha affermato, che tengano “conto delle preoccupazioni [degli elettori] espresse al momento delle elezioni”.

Ci vorrà del tempo prima che i partiti negozino i compromessi che ci si aspetta da loro, ha detto Macron, in modo che il governo uscente di Gabriel Attal continui a “esercitare le proprie responsabilità e ad essere responsabile degli affari quotidiani, come è la tradizione repubblicana”. ”.

La dichiarazione di Macron è arrivata mentre i suoi centristi apparivano divisi, con alcuni che volevano collegarsi solo con i conservatori e altri che cercavano un’alleanza più ampia che potesse includere il centrosinistra – che comporterebbe la disgregazione del PFN – e il centrodestra.

Aurore Bergé, ministro per la parità di genere nel governo uscente, rieletta domenica deputata per il partito Rinascimento di Macron, ha detto che il suo gruppo vuole allearsi con il conservatore LR e altri membri del parlamento più vicini al centro.

Native

Articoli correlati