Gaza, la rabbia di Unrwa: "L'orrore è diventato normalità"
Top

Gaza, la rabbia di Unrwa: "L'orrore è diventato normalità"

Sam Ros ha parlato dopo che una scuola dell'Unrwa a Nuseirat è stata bombardata dalle forze israeliane provocando almeno 33 morti, tra cui 12 donne e bambini.

Gaza, la rabbia di Unrwa: "L'orrore è diventato normalità"
Il capo profughi di Rafah a Gaza
Preroll

globalist Modifica articolo

7 Giugno 2024 - 15.12


ATF

Le uccisioni di massa causati dall’offensiva militare israeliana nel sud di Gaza sono sempre più viste con noncuranza in Occidente e portano ad un senso di fatalismo all’interno della stessa Gaza, secondo Sam Rose, direttore della pianificazione dell’agenzia di soccorso palestinese Unrwa.

Sam Ros ha parlato dopo che una scuola dell’Unrwa a Nuseirat è stata bombardata dalle forze israeliane provocando almeno 33 morti, tra cui 12 donne e bambini.

“Quando tutti vivono in condizioni anguste e sovraffollate, abbiamo sempre detto che sarebbe stato inevitabile che si verificassero incidenti come quello accaduto durante la notte nella scuola di Nuseirat”.

Rose, che era appena tornata a Londra dopo cinque settimane a Gaza, ha detto: “C’erano circa 6.000 persone rifugiate in quella scuola. Ci sono regole di guerra alle quali invitiamo tutte le parti in conflitto a rispettare: per proteggere l’inviolabilità delle nostre installazioni. Esistono anche principi di distinzione e di proporzionalità.

“Le persone si sarebbero rifugiate nel cortile della scuola nelle condizioni più disperate e non ci sarebbe stato alcun preavviso dello sciopero avvenuto. È successo nel cuore della notte, intorno alle 2 di notte.

Leggi anche:  Bombardamenti israeliani a Gaza City: i corpi di 60 palestinesi ritrovati sotto le macerie

“Lo abbiamo visto più e più volte, al punto che si è quasi normalizzato. Nei conflitti precedenti, singoli incidenti come questo avrebbero causato shock e indignazione e sarebbero stati ricordati per sempre. Mentre sembra che in questo conflitto questo sarà sostituito da un altro tra pochi giorni, a meno che tutto non finisca. Quindi diventa quasi un luogo comune e banale che queste cose accadano. Abbiamo normalizzato l’orroreL”.

Native

Articoli correlati