Israele,"Da madre di tre soldati vi scrivo...": una lezione di vita indimenticabile
Top

Israele,"Da madre di tre soldati vi scrivo...": una lezione di vita indimenticabile

Una testimonianza che emoziona. Emoziona e fa discutere. Perché dà conto di un sentimento diffuso in Israele. A darne conto, su Haaretz, è Noorit Felsenthal Berge, psicologa e madre di un soldato israeliano in servizio a Gaza.

Israele,"Da madre di tre soldati vi scrivo...": una lezione di vita indimenticabile
Soldato israeliano
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

27 Maggio 2024 - 23.26


ATF

Una testimonianza che emoziona. Emoziona e fa discutere. Perché dà conto di un sentimento diffuso in Israele. A darne conto, su Haaretz, è Noorit Felsenthal Berge, psicologa e madre di un soldato israeliano in servizio a Gaza. Norit fa parte dell’organizzazione Parents of Combat Soldiers Shouting out, ‘Enough!’ (“Genitori di soldati combattenti che gridano “Basta!”).

“Noi genitori, madri e padri, chiediamo a gran voce “Basta! Ora!”. Stiamo dicendo ai nostri leader che devono accettare un accordo per il rilascio degli ostaggi finché sono vivi (non saremo in grado di guarire a livello personale o nazionale finché non saranno liberati) e la fine di questa guerra.

Come nazione dobbiamo creare un orizzonte di speranza per i nostri figli, per noi stessi. Continuare sulla strada attuale non è un’opzione. Dobbiamo fermare questo percorso di disastro prima che sia troppo tardi.

È una domenica mattina presto. Sto accompagnando mio figlio più giovane alla sua base militare nel sud di Israele. È tornato a casa da soli due giorni, una delle uniche pause che ha avuto dopo essere stato in combattimento attivo a Gaza per quelli che a questo punto erano circa sei mesi – ora sono quasi otto. Mentre guidiamo so che probabilmente tornerà a Gaza il giorno seguente.

Non riesco a credere che lo sto facendo. Mi sforzo di non piangere, gli porgo un altro panino che ho preparato per il viaggio. Mi sento come Abramo dopo che Dio gli ha detto di sacrificare suo figlio Isacco.

Tutto ciò che voglio è girare l’auto e scappare, fuggire. Invece parliamo della lotta contro le “forze oscure”, il tema centrale dei libri di Harry Potter che entrambi amavamo leggere quando lui era piccolo. Una volta arrivati alla base, scatto una foto al mio ragazzo, come portafortuna, mi dico. Ci abbracciamo forte e guardo mentre si allontana da me. Mi avvio verso casa, ma devo fermarmi sul ciglio della strada perché non riesco più a vedere attraverso le mie lacrime o a scacciare i miei pensieri strazianti. È insopportabile. Mi chiedo se è così che ci si sente quando si diventa pazzi. Condivido queste parole come madre e membro di un movimento di genitori di soldati israeliani che combattono a Gaza da quasi otto mesi. Il nostro messaggio ai nostri leader, a chi prende le decisioni, è semplice: “Basta! Basta!”. Infatti, questo è il nome che ci siamo dati: “Genitori di soldati combattenti che gridano: “Basta!””. Chiediamo che venga elaborata una soluzione politica legittima dopo questi lunghi mesi di guerra e spargimento di sangue. Riteniamo che una risposta militare fosse inevitabile all’indomani dell’orribile attacco di Hamas a Israele. Ma ora, senza una soluzione politica negoziata all’orizzonte, vediamo che non ci stiamo avvicinando alla liberazione degli ostaggi e che ogni giorno ci sono sempre più soldati uccisi e feriti. E anche se in Israele non fa notizia, sappiamo che anche molti civili palestinesi soffrono e muoiono ogni giorno.

Così assistiamo agonizzanti all’aumento del numero di morti, ma senza un obiettivo chiaramente raggiungibile da mostrare. Ora comprendiamo la guerra come una guerra che continua a causa delle dinamiche politiche interne israeliane di questo governo. Una guerra continua serve a garantire il governo del Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu e del suo governo estremista di destra. Lo hanno detto anche il nostro ministro della Difesa e altri esperti militari.

Leggi anche:  Storia di Hanan Akel, 10 anni, con il volto e il corpo bruciato e sfigurato dalle bombe israeliane

Abbiamo scritto una lettera al Gabinetto della Difesa firmata da 900 genitori di soldati in servizio attivo a Gaza e da più di 2.000 sostenitori. La lettera chiedeva al governo di assumersi la responsabilità per le vite dei nostri figli e dei figli che combattono a Gaza, e di non sacrificarli in una trappola mortale senza una legittima soluzione politica. Non abbiamo ancora ricevuto una risposta.

Sono madre di tre figli. Il più grande studia negli Stati Uniti e combatte l’antisemitismo nel campus. I due figli più giovani hanno combattuto a Gaza, uno nelle riserve e l’altro nell’ambito del servizio obbligatorio.

Il mio figlio più giovane, 21 anni, combatte dal 7 ottobre, a partire dalla battaglia per il kibbutz Nahal Oz, dove ha combattuto contro gli aggressori di Hamas e dopo aver assistito alle conseguenze delle atrocità commesse in quel luogo. Come ha detto un membro del kibbutz, i membri sopravvissuti devono la loro vita all’unità di mio figlio.

Da lì lui e la sua unità sono stati mandati a combattere nel nord di Gaza, poi a Khan Yunis e ora stanno combattendo a Rafah. Mio figlio ha perso amici e comandanti uccisi in azione. Siamo una famiglia patriottica, i nostri figli sono stati educati ai valori della responsabilità sociale e del contributo personale. Non ho parole per esprimere la sensazione di terrore che si prova ad avere un figlio in combattimento per così tanti mesi.

Viviamo in un continuo stato di terrore e di ansia, senza dormire e senza, a malapena, respirare, sembra. Abbiamo paura di ogni bussata alla porta. In questi mesi mio figlio è stato a casa solo per quattro brevi intervalli e una vacanza più lunga durante la Pasqua ebraica, prima di entrare a Rafah. Viviamo un incubo costante.

Unirmi a questo movimento e incontrare altre madri che stanno vivendo la stessa esperienza mi ha dato un senso di sostegno e un modo per essere proattivi, mentre lavoriamo per fare la differenza, per avere una certa influenza.

Scrivo queste parole innanzitutto come madre e cittadina profondamente preoccupata, ma anche come psicologa. Ho avuto in cura bambini evacuati dalle loro case a causa della guerra e bambini che hanno perso un genitore in guerra. Sono stata immersa nel trauma e nel dolore che stanno vivendo. Il trauma è un’esperienza diffusa in molte famiglie israeliane di oggi.

Il trauma ci fa sentire senza parole, senza voce, vivendo in un’infinita esistenza quotidiana in modalità di sopravvivenza, senza un senso del futuro.

Il mio dottorato si è concentrato sulle esperienze quotidiane delle madri di bambini piccoli e sui loro modi di esprimere voce e identità. La guerra ha messo in discussione il significato fondamentale della maternità, ovvero l’obbligo della madre di proteggere i propri figli.

Quando abbiamo visto la guerra come inevitabile all’inizio, abbiamo fatto del nostro meglio come madri per sostenere i nostri figli e figlie che vi combattevano. Ma oggi sentiamo come madri l’inutile sacrificio di una guerra senza fine. Non possiamo rimanere in silenzio, dobbiamo dare voce alle nostre convinzioni. I soldati a Gaza stanno facendo il loro dovere, il nostro obbligo di madri è quello di dare voce alle loro preoccupazioni.

Leggi anche:  "Riconoscere la Palestina peggiora la situazione": non lo dice Netanyahu, ma Antonio Tajani

Troviamo i nostri figli distrutti dalla stanchezza, che si interrogano sull’esito del loro impegno e del loro sacrificio mentre entrano sempre negli stessi luoghi e vedono altri commilitoni perdere la vita. Siamo seriamente preoccupati per la loro salute mentale. In questo Paese non c’è mai stata una guerra così lunga e intensa come questa, e il fardello è posto sulle spalle dello stesso gruppo di soldati combattenti”.

Chiarezza sulle due corti

La fa, molto bene, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Chen Maanit.

Scrive Maanit: “A differenza della Corte internazionale di giustizia, che ha esaminato il caso del Sudafrica contro Israele e si occupa di controversie tra Paesi, la Corte penale internazionale esamina casi contro singoli individui. Israele riconosce l’autorità della Corte internazionale di giustizia (e ha quindi partecipato alle sue udienze) ma non riconosce la Corte penale internazionale. Anche Stati Uniti, India, Cina, Russia, Iran e la maggior parte dei Paesi arabi non la riconoscono. La CIG conta 123 Paesi membri, tra cui i Paesi europei, la maggior parte dell’Africa e dell’America Latina, nonché Australia, Nuova Zelanda, Giordania e Tunisia.

Sulla base dell’indagine che sta conducendo sulla controversia israelo-palestinese, lunedì Karim Khan, procuratore della Corte penale internazionale, ha richiesto a un collegio di tre giudici i mandati di arresto preventivo per due funzionari israeliani e tre leader di Hamas in relazione all’attacco di Hamas del 7 ottobre e alla guerra a Gaza che ne è seguita. Li accusa di “crimini di guerra e crimini contro l’umanità”. I mandati di cattura riguardano il Primo Ministro Benjamin Netanyahu e il Ministro della Difesa Yoav Gallant, nonché due leader di Hamas a Gaza – Yahya Sinwar e Mohammed Deif – e il capo politico dell’organizzazione, Ismail Haniyeh. I mandati di cattura non sono ancora stati emessi.

Khan accusa Netanyahu e Gallant dei crimini di guerra di sterminio, fame dei civili come metodo di guerra e di aver intenzionalmente diretto attacchi contro una popolazione civile. Sinwar, Deif e Haniyeh sono accusati di sterminio e omicidio, presa di ostaggi, stupro e violenza sessuale, tortura, abuso di prigionieri e lesione della loro dignità personale. In risposta, Hamas ha dichiarato che il procuratore “sta facendo un’equivalenza tra la vittima e il suo oppressore e sta incoraggiando l’occupazione a continuare la sua guerra di sterminio”.

La richiesta del procuratore sarà discussa dai tre giudici della Corte penale internazionale. La rumena Iulia Motoc, che presiede la commissione, è docente di diritto internazionale e ha ricoperto il ruolo di Relatore speciale delle Nazioni Unite per la Repubblica Democratica del Congo, occupandosi di crimini contro l’umanità e crimini di guerra. Gli altri sono Reine Alapini-Gansou del Benin e Socorro Flores Liera del Messico. I giudici esamineranno le prove che giustificano i mandati, raccolte dal procuratore e dal suo staff. Se giungeranno alla conclusione che esiste una probabilità di condanna, emetteranno i mandati, che sono in realtà destinati a portare Netanyahu, Gallant e i leader di Hamas davanti alla Corte penale internazionale. A questo punto, si tratta di una procedura chiusa, in cui né Israele né Hamas possono esporre le proprie ragioni ai giudici. Le decisioni su questo tipo di richieste vengono solitamente prese nel giro di poche settimane o mesi. Nella maggior parte dei casi, in passato, le richieste sono state accolte. 

Leggi anche:  Libano, il futuro Vietnam israeliano

Se i mandati vengono emessi, significa che i 124 Stati membri della CPI saranno tenuti ad arrestare Netanyahu o Gallant se entrano nel loro territorio sovrano e a estradarli all’Aia. Allo stesso modo, se i mandati saranno emessi contro i leader di Hamas, anche la loro libertà di movimento sarà limitata. Più in generale, i mandati potrebbero portare a sanzioni come un embargo sulle armi o sanzioni economiche contro Israele. Se emessi, collocheranno Israele all’interno di un gruppo di paesi che includono Russia e Iran, che sono percepiti come una violazione del diritto internazionale.

Israele si troverà in una situazione difficile se il suo primo ministro e il ministro della Difesa non potranno mettere piede in nessun Paese occidentale o avere contatti con esso. I mandati sono personali, quindi a questo punto non avrebbero effetto su altri alti funzionari israeliani, ma non si può escludere che il procuratore richieda in seguito mandati contro altri alti funzionari, comandanti o il capo di stato maggiore.

Israele cercherà di incoraggiare la pressione internazionale sulla corte per impedire l’emissione dei mandati contro Netanyahu e Gallant. Cercherà di convincere il governo e il Congresso degli Stati Uniti a imporre sanzioni alla CPI in risposta alla richiesta del procuratore. Come già detto, gli Stati Uniti non riconoscono l’autorità della Corte, ma finora l’amministrazione Biden si è opposta a un’azione decisiva contro di essa. Inoltre, Israele può tentare di rivendicare la “complementarità”, ovvero che indaga da solo sulle violazioni delle leggi di guerra e quindi la CPI non ha bisogno di esercitare la propria giurisdizione. Tuttavia, poiché l’ufficio del procuratore generale e il procuratore militare sono responsabili di tali indagini, le possibilità che intraprendano un’indagine contro Netanyahu e Gallant sono scarse.

Non esistono precedenti di mandati di arresto internazionali contro alti funzionari di Paesi democratici. Finora la CPI lo ha fatto solo nei confronti di alti funzionari di Paesi non democratici responsabili di crimini di guerra in A Africa e altri Paesi non occidentali. Nel marzo 2023, la Corte penale internazionale ha emesso un mandato d’arresto per il presidente russo Vladimir Putin e altre persone nell’ambito delle indagini sui crimini di guerra in Ucraina e per il suo presunto coinvolgimento nel rapimento di bambini ucraini e nel loro trasferimento in territorio russo. Molti Paesi non sono ansiosi di arrestare un leader nazionale in visita e i mandati non sono stati finora applicati. Tuttavia, il mandato limita gli spostamenti di Putin, così come le numerose altre sanzioni imposte alla Russia”.

Native

Articoli correlati