La guerra si disprezza ma non è accettabile apprezzare la sopraffazione putiniana
Top

La guerra si disprezza ma non è accettabile apprezzare la sopraffazione putiniana

Glo gli attacchi nelle regioni di Kharkiv e Soumy sono falliti. Sicuramente l'esercito russo ha attraversato il confine, ma a costo di tante perdite e il suo avanzamento oggi  è ostacolato.

La guerra si disprezza ma non è accettabile apprezzare la sopraffazione putiniana
Preroll

globalist Modifica articolo

21 Maggio 2024 - 00.44


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

La morte del presidente iraniano complicherà un po’ le cose per i mullah Ra ïssi che fu il successore designato per guidare Khamenei che era succeduto a Khomeini. È stato un personaggio duro, che con estremo scrupolo aveva intrapreso una via minuziosa e microscopica su tutta la politica per arrivare dov’era. Ora che  è deceduto, è tutto da ricominciare. Ci vorrà del tempo. Forse Khamenei? Con i suoi 85 anni e con una salute fragile? ).

Una nuova notizia arriva anche dall’Ucraina dove la flotta russa ha perso due nuove navi e l’aviazione diversi aerei, uno in volo e gli altri all’aeroporto di Crimea dove sono stati bombardati. Anche gli attacchi nelle regioni di Kharkiv e Soumy sono falliti. Sicuramente l’esercito russo ha attraversato il confine, ma a costo di tante perdite e il suo avanzamento oggi  è ostacolato. Gli ucraini hanno saputo resistere senza agguati sugli altri fronti, nonostante il pesante handicap impostogli dal governo americano di non colpire in Russia.

Pertanto, le fortificazioni di frontiera sono permanentemente sotto il fuoco russo e quindi anche costruirle o rafforzarle è estremamente costoso in vite umane. Perché non erano operativi quando i russi attaccarono all’inizio di maggio. Ma la strategia del personale ucraino ha dato i suoi frutti. 

Le truppe russe sono state fermate e gli ucraini sono riusciti persino a rifornire le loro scorte di prigionieri. A differenza dei russi che a quanto pare non lo fanno. Sono state raccolte diverse testimonianze di esecuzioni sommarie, ma in più, un ufficiale russo osa affermare in un’intervista su un blog che gli ucraini non dovrebbero rimpatriare i prigionieri russi, perché comunque saranno giustiziati.

Leggi anche:  Il sindaco di Kharkiv: "Meno missili sulla città da quando possiamo colpire le postazioni in Russia"

Questo è doppiamente, passatemi il termine, patetico, perché allo stesso tempo, lo Stato Maggiore Russo sta gettando decine di migliaia soldati sulle linee ucraine, sostenendo che qualsiasi resistenza è inutile e quindi la resa è l’unica via d’uscita. Lo Stato Maggiore dice una cosa, ma le truppe della base e i loro ufficiali fanno l’esatto contrario. Questo la dice lunga sul malgoverno russo, nonostante tutte le teorie di verticalità delle catene di comando di cui Putin parla.

Un video piuttosto inquietante di Mikhail Khodorkovsky sta circolando sui social network. L’uomo d’affari, fuggito tra Zurigo e Londra, è uno degli ultimi avversari viventi di Putin. L’oligarca più ricco della Russia all’arrivo di Putin, ha trascorso dieci anni in esilio, per essersi rifiutato di “inginocchiarsi” al dittatore. È un vero sostenitore dell’Ucraina fin dall’inizio, ma quello che dice in questo video è che ai suoi occhi l’Ucraina rischia di perdere la guerra, per motivi economici.

In sintesi, il calcolo di Khodorkovsky: prima della guerra il PIL russo era dodici volte più grande del PIL ucraino e del PIL UE cento volte più grande dell’Ucraino. Putin spende 120 miliardi all’anno per la sua guerra, equivalenti a 3/4 del PIL ucraino ( o 6% del PIL russo ). L’UE ha speso 88 miliardi in 2 anni per aiutare l’Ucraina, che è appena lo 0,25% del suo PIL, mentre un guscio da 155 mm ( formato NATO ) costa oltre 5000 dollari. Ciò significa che, in pratica, con l’aiuto degli Stati Uniti, l’Ucraina possiede appena la metà delle risorse dell’esercito russo senza l’aiuto degli Stati Uniti.

Leggi anche:  Gli alleati occidentali dell’Ucraina delineano un’agenda in tre punti per porre fine alla guerra

D’altra parte, tra l’occupazione del 20% del territorio e l’emigrazione massiccia, la popolazione ucraina è ora solo un settimo della popolazione russa, contro un terzo all’inizio della guerra. Quindi Khodorkovsky prevede la perdita di Kharkiv prima della fine dell’anno e Odessa l’anno prossimo.

La grande notizia è che Khodorkovsky forse si sbaglia. 

Già l’economia e la demografia non sono mai abbastanza per garantire la vittoria in una guerra. Altrimenti il Vietnam, per esempio, non avrebbe mai cacciato gli Stati Uniti e preso Saigon. Inoltre, se è vero che un dollaro speso in Russia permette di comprare più munizioni ( o altro ) che in Occidente, la qualità dei materiali gioca un ruolo importante. Un proiettile Western 155 costa il prezzo di 10 proiettili di 152 russi, ma vale anche sul campo di battaglia, per la sua precisione di tiro.

Ciò è rafforzato dal fatto che il petrolio e il gas russo fornito al PIL, nasconde una realtà. L’Ucraina era lo sbocco di ingegneria dell’URSS e alla Russia manca drammaticamente. Dove le condizioni di vita sono catastrofiche per la singola impresa, molto più favorevoli all’innovazione tecnologica. Non dimentichiamo che lo 0,25% di qualcosa che è 10 volte più grande di un altro equivale al 2,5% dell’altro. Quindi aggiungendo gli aiuti americani agli aiuti europei più quello che l’Ucraina fornisce, siamo più o meno alla stessa quantità di spesa della Russia,  a meno che il risultato non sia meno spettacolare in termini di quantità che risulta essere molto più efficiente sul campo.

Leggi anche:  Ucraina, conferenza in Svizzera: "Integrità territoriale" è la base per la pace ma 13 paesi non firmano

La demografia non è a favore dell’Ucraina, ma la Russia non sta mobilitando tutta la sua popolazione, molto lontana, a differenza dell’Ucraina. Questa è, tra l’altro, una delle due ragioni che impediscono alla NATO di impegnarsi direttamente ( l’altra è la paura di un conflitto nucleare ), per non creare in Russia il sentimento di una lotta esistenziale per la sopravvivenza del Paese. Mentre gli ucraini, loro, combattono per la loro esistenza e libertà, e questo in guerra mette le ali.

Dove Khodorkovsky ha ragione nella rappresaglia, e penso che sia questo il senso del suo approccio, voleva avvertire l’Occidente che se non facciamo di più, la Russia vincerà la guerra. Ha concluso dicendo che una volta raggiunta la pace in Ucraina, la Russia avrebbe mobilitato la popolazione e poi, Russia e Ucraina insieme, attaccando la Polonia tra due anni.

La guerra è da disprezzare, ma è oltremodo realistico, pensare di poterla vincere per non continuare con questa sopraffazione putiniana.

Native

Articoli correlati