Da Kharkiv all'Africa: spigolature di politica internazionale
Top

Da Kharkiv all'Africa: spigolature di politica internazionale

Nella regione di Kharkiv, 10.000 civili sono stati evacuati mentre l'esercito russo avanza da 5 a 10 km nel territorio ucraino. Ma...

Da Kharkiv all'Africa: spigolature di politica internazionale
Preroll

globalist Modifica articolo

20 Maggio 2024 - 00.53


ATF

di Beatrice Sarzi Amade

Nella regione di Kharkiv, 10.000 civili sono stati evacuati mentre l’esercito russo avanza da 5 a 10 km nel territorio ucraino. 

“Loro sono avanzati e non noi, (Zelenski rimpiange), ma almeno li abbiamo bloccati.” 

Un anticipo che gli è costato caro in manodopera e materiale, e l’Ucraina ha bisogno di più attacchi anti-aerei per incrementare ulteriormente i costi alla Russia. 

Anche lei aspetta l’F16 e rivendica il diritto di colpire basi strategiche in Russia.

Queste basi sono quelle da cui partono gli attacchi sul suolo ucraino. La Francia sembra aver concesso questo diritto con i suoi missili Scalp, senza dirlo apertamente, ma Mosca ha capito comunque e il Cremlino denuncia Parigi. ( ce ne faremo una ragione ) 

Anche gli americani negano questo diritto a Kiev.

Gli americani, tra l’altro, continuano a lamentarsi perché temono che i russi inizino a colpire le basi dei paesi Nato. Cosa che scatenerebbe una guerra mondiale. Ma il problema è che le basi posteriori inviolabili che proteggono la Russia, in Russia sono a pochi chilometri o anche decine di chilometri dal fronte, mentre per l’Ucraina, le basi posteriori inviolabili della Nato sono distanti diverse centinaia di chilometri. Questo rappresenta dal punto di vista strategico una difficoltà significativa.

“Vogliamo una pace giusta che garantisca il nostro futuro”,  ha detto Zelenski meno di un mese prima della conferenza di Lucerna, mentre in Occidente molti vogliono solo che i combattimenti finiscano al più presto. Ma nessuno in Ucraina si fermerà finché non avrà ottenuto garanzie tangibili. A questo proposito, il famoso piano di pace mai firmato all’inizio della guerra e che regolarmente risorge sotto il discreto impulso di Mosca, non risolve assolutamente nulla ed è per questo che l’Ucraina lo ha respinto.

Leggi anche:  Ucraina: Kadyrov ha detto che unità cecene hanno conquistato un villaggio vicino Sumy

Così, mentre l’Ucraina avrebbe dovuto fare considerevoli concessioni, l’unica cosiddetta garanzia che le è stata concessa era il diritto delle potenze occidentali di intervenire in caso di una nuova aggressione russa. Ma questa figura giusta nero su bianco nel Protocollo di Budapest firmato dalla Russia di Eltsin nel 1994, è stato trattato come una volgare “carta igienica” da Putin nel 2014, poi nel 2022, perché sapeva che le potenze occidentali non sarebbero intervenute, nonostante le precedenti promesse.

Promesse scritte su cartapesta, sembra essere il caso anche del Vietnam, che ha promesso all’UE di concedere la libertà di unione sulla scia di un accordo di libero scambio. Allo stesso tempo, una direttiva segreta del PD – unico partito al potere – l’ha vietata, ritenendola un pericolo per la sicurezza nazionale. Il capo dei negoziati dell’ Unione Europea, sulle questioni sindacali, è stato licenziato insieme a decine di alti dirigenti negli ultimi anni, sotto la guida del segretario generale del partito Nguyen Phu Trong e del capo della pubblica sicurezza To Lam. Quest’ultimo ha appena sostituito il presidente della Repubblica del Vietnam in nome della lotta alla corruzione. Una scusa conveniente e apprezzata dal popolo, che ha permesso a Nguyen Phu Trong e soprattutto a Lam di eliminare tutti i suoi potenziali rivali nella leadership del Paese in pochi anni.

Leggi anche:  Il sindaco di Kharkiv: "Meno missili sulla città da quando possiamo colpire le postazioni in Russia"

Il futuro è anche la demografia dell’Africa. I previsori si aspettano che l’Africa rappresenti il 40% della popolazione mondiale entro il 2100, l’unico continente la cui popolazione continuerà a crescere mentre ovunque è in calo. A meno che non ci sia una massiccia immigrazione africana. Il più grande conglomerato del mondo in un quarto di secolo andrà da Abidjan a Lagos, unendosi alle città di Accra (Ghana), Lomé (Togo) e Cotonou (Benin), percorrendo oltre mille chilometri di costa. 

La Banca Africana di Sviluppo finanzia già la costruzione dell’autostrada che li collegherà.

Il Polo Sud ha vietato l’estrazione mineraria, la Russia ha rilevato riserve petrolifere equivalenti al doppio di quelle dell’Arabia Saudita. Cosa potrebbe frenare la lotta contro il riscaldamento globale, contro cui il Cremlino è ovviamente forte, visto che il cuore del suo modello di business è lo sfruttamento del petrolio e del gas. Inoltre, il petrolio si trova in un’area normalmente protetta dalla Gran Bretagna.

Leggi anche:  Ucraina, i blackout di emergenza si intensificheranno nelle prossime settimane per gli attacchi russi

Al Polo Nord, o più precisamente alle Svalbard, piccolo arcipelago che dipende dalla Norvegia, ma con uno statuto speciale risalente al 1920 che garantisce a molti altri paesi – tra cui Cina e Russia – il diritto di intervenire economicamente, per la pesca o l’estrazione. La Russia e la Cina vorrebbero comprare un’ isola di 60 km2 per 300 milioni di dollari, per costruire strutture fisse lì.

Con l’abitudine della Cina di includere le serrande militari nei suoi centri economici, la Norvegia non è d’accordo. Già con la Russia, la situazione non è certo pacifica, l’isola in questione fa parte di un’area costruita in una riserva naturale di Oslo. 

In Mali, invece, la domanda non viene posta. La Cina gestirà la miniera di litio di Goulamina da sola. Inizialmente, la ricerca è stata condotta da una società congiunta con cinesi e australiani, ma da quando la giunta ha preso il potere, gli australiani sono rimasti esclusi.

Da qui interessante capire la storia che risale a 40 anni fa in Noumea, nella Nuova Caledonia e le varie ripercussioni e il motivo per cui la fiamma olimpica non passerà in questo continente Australe

Native

Articoli correlati