Netanyahu: la politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere
Top

Netanyahu: la politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere

La politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere. In due parole: Benjamin Netanyahu.

Netanyahu: la politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

17 Maggio 2024 - 18.26


ATF

La politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere. In due parole: Benjamin Netanyahu.

Quelle domande sviate

Di cosa si tratti lo chiarisce, con la consueta precisione documentale e onestà intellettuale non piegata a logiche di asservimento al potente di turno, Amos Harel, storica firma di Haaretz: “Le domande e i dubbi – annota Harel – si stanno accumulando.  I media, come al solito in tempo di guerra, tendono a incensare la grinta e la devozione dei comandanti e dei soldati, soprattutto quando c’è un gran numero di perdite.   Ma è impossibile ignorare il burnout che le unità impiegate stanno subendo, o il rinnovato carico sui riservisti man mano che più forze entrano a Gaza. I comandanti sul campo stanno segnalando un declino della morale e in alcuni casi fenomeni di evasione, di solito basati su ragioni mediche o psicologiche, da parte dei soldati che sono rientrati a Gaza. Gli sforzi dei genitori preoccupati hanno un impatto considerevole.

Con gli obiettivi della guerra meno chiari e il primo ministro che segnala che intende perseguire la guerra all’infinito (perché pochissimi stanno facendo propria la follia della “vittoria totale”), alcuni genitori dei soldati da combattimento chiedono apertamente la fine della guerra. Altri stanno esortando i loro figli a trovare un modo per lasciare il servizio di combattimento. È difficile sapere quanto sia diffuso, ma in base al numero di segnalazioni a riguardo da parte delle unità, non è trascurabile.

Modalità di attesa

L’Idf ha ammesso giovedì che un drone da attacco di Hezbollah, esploso accanto a Golani Junction molto a sud del confine, ha colpito il grande pallone di osservazione dell’aeronautica nella zona. Centinaia di milioni di dollari sono stati investiti nel progetto di palloncini Sky Dew, in collaborazione con gli Stati Uniti.

Sky Dew è stato inaugurato qualche anno fa ma non è ancora completamente online. Il pallone ha lo scopo di aiutare a identificare le minacce a lungo raggio dai cieli settentrionali e orientali.

Hezbollah ha ottenuto diversi risultati qui, tra cui un preciso attacco in profondità in Israele, un raro attacco a sud dell’autostrada Acre-Safed. Ha anche interrotto lo sforzo difensivo di Israele contro le minacce dell’Iran attraverso le milizie sciite che Teheran finanzia in Iraq e Siria.

Hezbollah spiega il suo attacco a un pallone Sky Dew.

All’inizio della settimana, il leader di Hezbolla Hassan Nasrallah, ha tenuto un discorso in una cerimonia commemorativa di Mustafa Badreddine, una figura di alto livello nell’ala militare dell’organizzazione, che è stato ucciso in circostanze misteriose otto anni fa.

È stata l’annuale dimostrazione di ipocrisia di Nasrallah, dice l’esperto di Hezbollah Shimon Shapira, perché Nasrallah e Teheran hanno ordinato di colpire Badreddine quando si è allontanato dalla linea del partito. Il discorso conteneva le solite minacce contro Israele, che è stato descritto come uno stato fallito sconfitto da Hamas a Gaza in un’intensa guerra di logoramento.

Leggi anche:  Il tragico paradosso israeliano: e se il successore di Netanyahu fosse peggiore dell'attuale guerrafondaio?

Secondo Shapira, oltre alla propaganda, ciò che era importante era il messaggio diretto di Nasrallah agli israeliani in Galilea: se volete tornare nelle vostre case, fate in modo che il vostro governo fermi la guerra a Gaza, o continueremo a sparare.

Shapira crede che questa sia una dimostrazione di arroganza di Nasrallah. Per il leader di Hezbollah, il prezzo che la sua organizzazione sta pagando (circa 300 morti finora) giustifica i risultati, il sostegno iraniano è assicurato e Israele non sta lanciando una guerra su vasta scala per paura dei danni.

L’Idf sta davvero avendo difficoltà a rispondere ai droni, che ora stanno causando la maggior parte delle vittime israeliane negli attacchi di Hezbollah. Ma la difficoltà principale, come rilevato dal Brig. Gen. (res.) Assaf Orion dell’Institute of National Security Studies dell’Università di Tel Aviv, deriva dal fatto che Israele non ha elaborato obiettivi strategici concreti nel nord.

L’Idf è in gran parte in una modalità difensiva che non può raggiungere una conclusione decisiva. Questo sta accadendo perché l’altra opzione, una guerra su larga scala contro Hezbollah, potrebbe rivelarsi troppo costosa, specialmente con la guerra contro Hamas ancora in corso.

“Quando gli obiettivi della guerra sono stati determinati dopo il massacro del 7 ottobre, il nord è stato impostato come fronte secondario”, dice Orion. “Fondamentalmente, al Comando del Nord è stato detto: non interferire e non istigare altre guerre”.

Nonostante un rapporto di perdita di 15:1 a favore di Israele contro Hezbollah e le organizzazioni palestinesi in Libano, l’organizzazione sciita è ancora ragionevolmente efficace. Al momento sembra che gli attacchi a lungo raggio di Israele – mercoledì contro un impianto di produzione di droni nella valle di Bekaa in Libano – non stiano avendo un effetto deterrente.

Israele è in modalità di attesa prima di una soluzione americana che non si sta appalesando. L’amministrazione Biden spera ancora di giungere ad un accordo sugli ostaggi con Hamas, dopo di che verrà dichiarato un cessate il fuoco a Gaza. Ciò sarebbe seguito da un cessate il fuoco con Hezbollah nel nord. Quando ciò accadrà, l’inviato speciale della Casa Bianca Amos Hochstein cercherà di raggiungere un accordo a lungo termine che allontanerà Hezbollah dal confine, in particolare la sua forza d’élite Radwan.

Ma non ci sono grandi aspettative su quest’ultimo aspetto. Gli Stati Uniti e la Francia propongono di spostare Hezbollah da 8 a 10 chilometri (6,2 miglia) dal confine, la portata dei suoi missili anticarro migliorati. Hezbollah sta segnalando che accetterà solo un cessate il fuoco che ripristinerà lo status quo senza restrizioni – e anche solo dopo la fine della guerra a Gaza.

Parole del giorno prima

Ogni promemoria di com’erano le cose prima del 7 ottobre sembra una cartolina di un mondo a lungo dimenticato. È ancora più toccante quando ricordiamo che il 6 ottobre era il 50° anniversario dell’inizio della guerra dello Yom Kippur.

Leggi anche:  Gaza, Netanyahu scioglie il gabinetto di guerra per bloccare gli estremisti e avere pieni poteri

Questo mese, l’associazione senza scopo di lucro l’Intelligence Heritage and Commemoration Center ha finito di montare il suo documentario sulla guerra, che è stato girato la scorsa estate. Il film, che include interviste commoventi con veterani della comunità dell’intelligence, si conclude con brevi reazioni degli attuali capi dell’intelligence. Il vantaggio del senno di poi fornisce una visione interessante.

Il capo del Mossad David Barnea afferma nel documentario che “ogni persona dell’intelligence e tutti coloro che vogliono capire la comunità sono obbligati a studiare come ci siamo comportati in passato e imparare le lezioni. Altrimenti, continueremo a reinventare la ruota”.

Il capo dell’intelligence militare Aharon Haliya, che da allora è dimissionario, osserva che “l’attuale generazione dell’intelligence militare – e mi sembra anche nello Shin Bet e nel Mossad – è una generazione di qualità. Sono persone astute e preparate e mi fido di loro al 100% e più.

“Mi ricordo ogni mattina di ascoltare altre opinioni, di incoraggiare altre opinioni, di leggere altre opinioni, di ascoltare e di capire. Penso che gran parte di questo sia legato alla guerra dello Yom Kippur. Stiamo facendo del nostro meglio per essere degni di coloro che erano lì prima di noi”.

Il capo di Shin Bet Ronen Bar ha un suo postscritto. “Cinquant’anni dopo quella guerra, spero che abbiamo imparato – che abbiamo imparato come nazione sul terribile prezzo della guerra, che abbiamo imparato come società sulla necessità di essere uniti, che abbiamo imparato come agenzie di intelligence sull’importanza di mettere in dubbio e che abbiamo imparato come singole persone ad essere modesti”. In qualche modo, le cose sono andate diversamente.

Il film si conclude con le osservazioni di Shabtai Shavit, un ex capo del Mossad, morto poco dopo. Probabilmente è la sua ultima intervista. “Penso che sia arrivato il momento di chiudere il coperchio su questa scatola”, dice Shavit sullo sfondo di filmati d’archivio dell’altro primo ministro che ha guidato Israele attraverso una debacle, Golda Meir. 

“Il popolo di Israele sta sanguinando quella guerra da 50 anni. Fino a quando? È arrivato il momento per Israele di smettere di grattare le sue ferite. Non verrà fuori nulla di utile”, dice. Come il resto di noi, non aveva la minima idea di come sarebbero suonate quelle parole meno di un anno dopo.

L’annuncio di Benjamin Netanyahu mercoledì che intende far avanzare il disegno di legge sulla coscrizione militare presentato durante il precedente governo dall’allora ministro della Difesa Benny Gantz – ha superato il primo dei tre voti richiesti dalla Knesset – è un altro esempio della politica di inganno del primo ministro. È difficile credere che dopo il 7 ottobre, Netanyahu non sia imbarazzato a continuare le sue solite tattiche: creare tensione politica invece di risolvere effettivamente i problemi. Cosa fai quando la scadenza fissata dalla Corte Suprema sta per scadere ancora una volta, il che renderebbe necessario far rispettare la coscrizione degli ultraortodossi? Si mette in scena una legge truffaldina, di facciata

Leggi anche:  Gaza: Netanyahu definisce 'inaccettabile' la pausa umanitaria nei combattimenti per 11 ore al giorno

Si tratta di un vergognoso inganno.  Dopo tutto, Gantz – ora membro del gabinetto di guerra – era lo sponsor originale del disegno di legge, quindi come può opporsi ora? E il ministro della Difesa Yoav Gallant aveva detto che avrebbe sostenuto una legge sulla coscrizione che godeva di un ampio sostegno. Netanyahu sperava quindi di intrappolare tutti in una ragnatela politica in cui tutti gli altri avrebbero perso, compreso lo stato, ma lui stesso avrebbe vinto ancora una volta. E il problema della coscrizione? Questa è l’ultima cosa che interessa Netanyahu. Basta che compri un po’ più di tempo per soddisfare la sua brama di potere.

Ma questo trucco è stato facilmente svelato. Gantz ha annunciato che si sarebbe opposto al disegno di legge, spiegando ciò che dovrebbe essere chiaro a qualsiasi persona decente: “Israele ha bisogno di soldati, non di trucchi politici che dividono il paese in tempo di guerra”. Gallant ha anche chiarito che il trucco era trasparente quando ha detto giovedì che l’establishment della difesa “non andrà avanti con nessun disegno di legge presentato unilateralmente”. E il procuratore generale Gali Baharav-Miara si è superato informando il ministero della Giustizia giovedì che c’erano ostacoli legali per andare avanti con la legislazione e che non è adatta alla situazione attuale e scollegata dall’establishment della difesa e dalle forze di difesa israeliane. E ha pienamente ragione”.

Così Harel.

Quell’insopportabile discrepanza

Così la declina un editoriale di Haaretz: “Da più di sette mesi, Israele è in guerra e ha subito pesanti perdite. È impossibile continuare ad accettare la mancanza di uguaglianza nel sopportare il peso della difesa e il timore del lutto. Inoltre, a causa della guerra, è diventato necessario rafforzare l’esercito, in termini quantitativi E questo non deve essere fatto aumentando ulteriormente l’onere per coloro che già servono mentre continuano la bozza di esenzione per gli uomini ultraortodossi.

Ma niente di questo interessa il Comitato ministeriale per la il disegno di legge in questione che, come se nulla fosse accaduto, ha deciso che il disegno di legge proseguisse da dove si era interrotto nel suo iter parlamentare. Questa è stata un’ulteriore prova che il governo e l’uomo che lo dirige   agiscono in contrasto con gli interessi del paese e dei suoi cittadini e sono quindi inadatti a guidare Israele”.

Solo che, nostra postilla finale, continuano a guidarlo, Israele. In una guerra che non ha fine né finalità realistiche. Lo abbiamo scritto innumerevoli volte: i piromani del Medio Oriente stanno nel governo dello Stato ebraico. Un pericolo permanente. 

(seconda parte, fine)

Native

Articoli correlati