Israele sopravviverà per festeggiare i 100 anni? Solo se Netanyahu si dimette
Top

Israele sopravviverà per festeggiare i 100 anni? Solo se Netanyahu si dimette

È il titolo di un editoriale di Haaretz sulla figura dell'estremista di destra al potere

Israele sopravviverà per festeggiare i 100 anni? Solo se Netanyahu si dimette
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

14 Maggio 2024 - 14.22


ATF

Israele sopravviverà per festeggiare i 100 anni? Solo se Netanyahu si dimette

È il titolo di un editoriale di Haaretz. Sviluppato così: “Nell’ottobre 2017, durante una sessione di studio della Torah presso la residenza del primo ministro a Gerusalemme, Benjamin Netanyahu ha sorpreso i partecipanti con un terribile avvertimento sul futuro di Israele. “La nostra esistenza non può essere data per scontata”, ha detto. “Lo stato asmoneo è durato circa 80 anni e noi dobbiamo superarlo”. Ha promesso di fare tutto il possibile per difendere Israele in modo che possa arrivare a 100 anni.

Ma come al solito ha fatto il contrario di ciò che aveva promesso. Invece di proteggere Israele, ha agito per indebolirlo e smantellarlo, al punto che, per la prima volta, il suo futuro è in dubbio.

Da quando è tornato al potere a capo del governo di kahanisti e haredim, la missione principale di Netanyahu è stata quella di smantellare la democrazia e trasformare Israele in un’autocrazia religiosa, cancellando al contempo l’esistenza e i diritti dei palestinesi. Non ha tenuto conto degli avvertimenti sul fatto che la revisione giudiziaria avrebbe indebolito Israele e portato a una guerra su più fronti, ed è caduto a occhi aperti nella trappola che il leader di Hamas a Gaza, Yahya Sinwar, gli ha teso con il massacro del 7 ottobre. Dal momento in cui è scoppiata la guerra, Netanyahu ha fatto della sua sopravvivenza politica l’obiettivo supremo, subordinando ad essa la sicurezza, l’economia e la posizione internazionale dello Stato, che si sta sempre più deteriorando.

Rifiuta di assumersi la responsabilità del fallimento e continua a seminare discordia, a dividere l’opinione pubblica e a far avanzare la revisione del sistema giudiziario; con il suo rifiuto di qualsiasi accordo negoziato per il “giorno dopo” a Gaza e la sua insistenza su un’operazione militare a Rafah, sta portando Israele a un disastroso confronto con gli Stati Uniti.

I risultati sconfortanti della negligenza di Netanyahu sono evidenti su tutti i fronti. I 132 ostaggi stanno affrontando sofferenze indescrivibili nei tunnel di Hamas. Le comunità vicino ai confini di Gaza e del Libano sono state abbandonate e nessuno sa se e quando gli israeliani vi faranno ritorno. La vitale rotta di navigazione verso Eilat è bloccata. Le compagnie aeree straniere hanno smesso di volare da e per Israele. Il rating creditizio di Israele è sceso e l’inflazione e il deficit di bilancio stanno per impennarsi. L’Iran si è sentito sufficientemente sicuro da lanciare centinaia di missili e droni esplosivi contro Israele, che non poteva difendersi da solo. Israele è accusato di genocidio e Netanyahu è candidato a un mandato di arresto internazionale. Il Presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha bloccato alcune spedizioni di armi all’esercito e la sua amministrazione ha dichiarato che è “ragionevole valutare” che Israele abbia violato il diritto internazionale a Gaza. I coloni, con l’incoraggiamento del governo, hanno intrapreso una campagna di distruzione e vendetta contro i palestinesi in Cisgiordania.

Ma prima che Israele continui la sua galoppata verso la realizzazione dell’avvertimento di Netanyahu di non raggiungere la durata di vita dell’antico stato asmoneo, il primo ministro può ancora compiere un passo fondamentale per salvarlo. Deve dimettersi, assumersi la responsabilità della calamità del 7 ottobre e dei fallimenti della guerra e liberare Israele dai pericoli del suo governo dell’orrore. Questa è l’unica possibilità per porre fine alla guerra e riparare lo Stato e le sue relazioni estere, in modo che possa sopravvivere per celebrare il suo centenario”.

Leggi anche:  Netanyahu: la politica dell’inganno al servizio di una insaziabile bramosia di potere

Il leader d’Israele? Si chiama Joe Biden

David Rothkopf è un ex alto funzionario del governo degli Stati Uniti e autore di dieci libri di politica estera e politica. È anche conduttore di podcast e amministratore delegato di The DSR Podcast Networ. Così sul quotidiano progressista di Tel Aviv: “In questo momento, il leader più efficace di Israele è un cattolico irlandese di 81 anni del Delaware.

In un momento in cui il governo eletto a Gerusalemme sembra impegnato a dimostrare la propria incompetenza in modi sempre nuovi, solo Joe Biden è rimasto impegnato per la sicurezza e il futuro dello Stato di Israele.

Lo ha fatto nonostante la significativa opposizione degli Stati Uniti. Ha fatto ciò che riteneva fosse nell’interesse di Israele, sia che i funzionari eletti di Israele lo abbracciassero o lo condannassero. Ha commesso degli errori, a volte molto significativi. Ma la capacità di giudizio dimostrata da lui e dal suo team è sempre stata in netto contrasto con l’avventatezza del primo ministro israeliano e dei suoi principali consiglieri.

Netanyahu ha ignorato ogni avvertimento. Ora Biden dice a Israele: “Quando è troppo è troppo”.

Forse è per questo che il governo Netanyahu, quasi dall’inizio dell’attuale guerra con Gaza, si è messo non solo contro Hamas ma anche contro Biden. Il presidente ha rivelato più volte i loro difetti mostrando la sua comprensione molto più chiara di ciò che dovrebbe essere fatto per promuovere gli interessi a lungo termine di Israele. Lo fa perché questi interessi rimangono così intrecciati con gli interessi del Paese che Biden è stato eletto a guidare, gli Stati Uniti. E lo fa perché, come ha rivelato l’attuale crisi, Biden è, fino al midollo, un vero e convinto amico di Israele.

All’indomani degli orrori del 7 ottobre, Biden ha immediatamente espresso il suo impegno assoluto nei confronti di Israele. Da allora, il suo impegno è stato sincero e incrollabile. Ma fin dall’inizio della guerra, Biden e il suo team hanno anche offerto più volte, attraverso i loro consigli e le loro azioni, un istruttivo contrappunto agli approcci del governo Netanyahu: una tabella di marcia che la cricca estremista che sta prendendo decisioni per conto dello Stato israeliano ha regolarmente ignorato.

Biden e la sua amministrazione hanno raggiunto le vittime del 7 ottobre, in particolare le famiglie degli ostaggi, con una sincera compassione e un senso di urgenza nei confronti delle loro preoccupazioni che è mancato a Netanyahu, tanto che le manifestazioni nelle strade di Israele sottolineano regolarmente il punto.

Fin dall’inizio della guerra, anche prima della visita di Biden in seguito agli attacchi terroristici, i consiglieri di Biden, come il Segretario di Stato Antony Blinken, hanno esortato Israele a condurre la guerra con grande attenzione per evitare vittime civili e per fornire assistenza umanitaria alla popolazione di Gaza. Il governo di Netanyahu ha chiaramente e ripetutamente ignorato il consiglio. Ha condotto una guerra senza un piano, una guerra di vendetta con l’obiettivo irraggiungibile di sradicare Hamas.

Il risultato è che oggi, sette mesi dopo, Israele non è più sicuro di quando è iniziata la guerra e, a causa del sangue sulle sue mani dovuto al massacro di innocenti a Gaza, la posizione di Israele nel mondo è più bassa che mai. E non abbiamo ancora iniziato a vedere come la disumanità dell’approccio del governo Netanyahu produrrà una nuova generazione di nemici di Israele.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

Mesi fa, il Presidente Biden, il Vicepresidente Harris e il resto del team statunitense hanno esortato a concentrarsi sul “giorno dopo” la guerra. Si sono resi conto che senza un’idea chiara su come ricostruire Gaza, mettere in piedi una leadership palestinese efficace e sviluppare una roadmap verso una soluzione a due stati, non ci sarebbe mai stata una fine duratura del conflitto. Netanyahu, Ben-Gvir, Smotrich e i loro collaboratori si sono sentiti presi in giro e ancora oggi rifiutano questa soluzione, nonostante sia l’unica strada ragionevole da percorrere.

Al contrario, Netanyahu, in un’imbarazzante intervista rilasciata al Dr. Phil, personaggio di spicco dei media statunitensi, ha suggerito che gli Stati arabi – con i quali non si era consultato – sarebbero potuti intervenire per ripulire la sua situazione, un’idea che è stata immediatamente respinta da uno di loro perché tanto infondata quanto assurda.

Più di recente, gli Stati Uniti hanno spinto per un cessate il fuoco, durante il quale si potrebbe pensare a una nuova valutazione e a un piano per il giorno dopo, in gran parte perché l’attuale governo israeliano non ha un piano del genere. In modo ancora più controverso, Biden ha chiarito che, dopo essere stati ignorati per mesi, gli Stati Uniti non avrebbero più appoggiato le azioni israeliane che avrebbero potuto produrre un alto numero di vittime civili.

Il rifiuto di una spedizione di armi offensive che avrebbero potuto causare tali vittime e la dichiarazione di Biden che gli Stati Uniti avrebbero potuto e voluto rifiutare altre spedizioni di questo tipo se Netanyahu avesse proceduto con una grande operazione a Rafah, sono stati un chiaro messaggio alla “leadership” israeliana che gli Stati Uniti ora considerano loro e i loro “piani” come una delle grandi minacce imminenti agli interessi statunitensi e israeliani nella regione.

Il ministro della Sicurezza Nazionale di estrema destra Itamar Ben-Gvir ha twittato che Hamas ama Biden. Netanyahu ha ululato. I surrogati hanno affermato che l’azione degli Stati Uniti avrebbe ridotto l’influenza di Hamas.

Ma gli Stati Uniti sono stati al centro dei negoziati per il cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi. Sapevano fino a che punto erano gli israeliani, e non solo Hamas, a opporsi a un accordo. Hanno sentito la promessa di Netanyahu di proseguire le operazioni a Rafah indipendentemente dal fatto che ci fosse o meno un cessate il fuoco. (Il che, ovviamente, era già di per sé un importante disincentivo per Hamas a partecipare a qualsiasi accordo di pace).

La decisione di Biden di usare la leva concreta del blocco delle spedizioni di armi da parte degli Stati Uniti era, se non altro, attesa da tempo. L’accusa idiota di Ben-Gvir, alla luce del grado di sostegno che gli Stati Uniti hanno dato a Israele – e del grado di aiuto attivo di Netanyahu nel dirigere i finanziamenti a Hamas – è indifendibile.

Tra gli errori commessi dall’amministrazione Biden in merito a questo conflitto, c’è quello di essere stata troppo favorevole all’amministrazione Netanyahu, troppo silenziosa nelle sue critiche o nei suoi sforzi per fermare i gravi abusi della leadership israeliana. Di conseguenza, anche le accuse degli alleati di Netanyahu nel Partito Repubblicano sono suonate vuote, soprattutto se si considera che hanno passato gli ultimi sei mesi a bloccare gli aiuti a Israele e che il leader del loro partito, Donald Trump, ha appoggiato lo sforzo di Netanyahu di sostenere Hamas con i finanziamenti del Qatar.

Leggi anche:  Gaza il giorno dopo? Netanyahu vuole un'amministrazione militare israeliana

No, non è stato Biden a voltare le spalle a Israele. È stato Netanyahu. È stato lui a creare le condizioni per il 7 ottobre. È stato lui a ignorare le indicazioni di Biden durante tutto il conflitto. Lui e la sua squadra sono quelli che hanno solo carneficine da mostrare per sette mesi di guerra. Lui e la sua squadra sono quelli che non agiscono nell’interesse di Israele, ma piuttosto di se stessi.

Ora, il gabinetto di guerra di Netanyahu ha risposto alla promessa di Biden di trattenere ulteriori armi se le operazioni a Rafah fossero state ampliate, espandendo gradualmente le operazioni a Rafah. Il vantaggio militare di tale espansione non è chiaro. Ma l’obiettivo politico è evidente. A Rafah, su ordine di Netanyahu, l’Idf sta conducendo l’operazione Trova la linea rossa di Biden. Vogliono vedere fino a che punto possono spingere il presidente degli Stati Uniti prima che il flusso di armi offensive venga interrotto.

Come tutte le altre cose che stanno facendo, si tratta di un’operazione sciocca, non strategica e di nessun beneficio per Israele. Se riusciranno a trovare e superare la linea rossa, chi ne trarrà vantaggio? Di certo non Israele. Il flusso di armi degli Stati Uniti è importante, come dimostrano chiaramente le lamentele del governo israeliano per la loro interruzione.

Ma peggio ancora, spingere la relazione con il miglior amico di Israele al mondo, Joe Biden, fino al punto di rottura rischia di produrre danni duraturi e forse irreparabili alle relazioni tra Stati Uniti e Israele, già profondamente tese.

Un’operazione estesa a Rafah non può che avere esiti negativi: per le relazioni tra Stati Uniti e Israele, per la posizione di Israele nel mondo, per le prospettive di pace regionale e in termini umani per i civili di Gaza e per gli ostaggi israeliani detenuti da Hamas.

Ecco perché il leader più affidabile e saggio di Israele, Joe Biden, ha preso una posizione nettamente contraria. Probabilmente è anche per questo che la folla incompetente che circonda Netanyahu è favorevole.

La forza delle ultime dichiarazioni di Biden dovrebbe farli ricredere. Potrebbero pensare che stia facendo come loro e che stia rispondendo a pressioni politiche o a interessi personali in vista delle prossime elezioni americane. Invece è proprio il contrario. Si è addentrato in un territorio a loro sconosciuto: Una vera leadership in cui l’unica considerazione è l’interesse del Paese che guida e dell’alleato che tanto apprezza.

Che lo sappiano o meno, il governo israeliano ha raggiunto la fase FAFO della relazione Netanyahu-Biden. Non è un bel posto per l’attuale gruppo di funzionari eletti di Israele. Ma, se compreso per i principi che ne stanno alla base, potrebbe essere un punto di svolta che dovrebbe scatenare il sostegno incondizionato del popolo di Israele, il vero alleato dell’America in tutto questo”.

Una conclusione che ci riporta all’editoriale di cui sopra. Sul futuro d’Israele si proietta l’ombra funesta di Benjamin “Bibi” Netanyahu. Ma su questo, carta canta, non leggerete una riga sulla stampa mainstream del fu Belpaese. 

Native

Articoli correlati