Cremlino: tutti gli uomini dello Zar Putin tra novità, conferme e qualche testa tagliata
Top

Cremlino: tutti gli uomini dello Zar Putin tra novità, conferme e qualche testa tagliata

Lo Zar Vladimir Putin ha ridisegnato il potere. Il presidente russo Vladimir Putin ha riconfermato Anton Vaino capo del suo staff, e Sergey Kiriyenko e Alexey Gromov come suoi primi vice. Dmitry Peskov è rimasto il portavoce presidenziale.

Cremlino: tutti gli uomini dello Zar Putin tra novità, conferme e qualche testa tagliata
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Maggio 2024 - 13.10


ATF

Qualche testa saltata e qualche nuovo volto. Lo Zar Vladimir Putin ha ridisegnato il potere. Il presidente russo Vladimir Putin ha riconfermato Anton Vaino capo del suo staff, e Sergey Kiriyenko e Alexey Gromov come suoi primi vice. Dmitry Peskov è rimasto il portavoce presidenziale.

I nuovi aiutanti del leader russo sono Alexey Dyumin, che ha lasciato la carica di governatore della regione di Tula, e Nikolay Patrushev, che ha lasciato la carica di segretario del Consiglio di Sicurezza. Maxim Oreshkin, che ricopriva la carica di assistente presidenziale, è stato promosso a vice capo dello staff presidenziale.

La Tass ha riassunto le informazioni di base relative alle nomine

Capo e deputati

  • Anton Vaino, che ha assunto questa carica nell’agosto 2016, è stato riconfermato capo dello staff presidenziale. Kiriyenko, che supervisiona le questioni politiche interne, e Gromov, che supervisiona le relazioni con i media, sono rimasti i primi vice capi dello staff presidenziale.
  • Dmitry Peskov ha mantenuto la carica di vice capo dello staff presidenziale e di portavoce presidenziale. Yury Sviridov è stato riconfermato suo vice.
  • È aumentato il numero dei vice capi di stato maggiore. Dmitry Kozak, Vladimir Ostrovenko e Magomedsalam Magomedov hanno ora un quarto collega: Maxim Oreshkin, che è stato ministro dello sviluppo economico nel 2016-2020 e assistente presidenziale dal 2020.
Leggi anche:  Mosca: studenti contro la targa per un filosofo che ammirava fascismo e nazismo citato da Putin

Aiutanti

  • Il governatore di Tula Dyumin e Nikolay Patrushev, che ha servito come segretario del Consiglio di Sicurezza dal 2008 fino a poco tempo fa, sono diventati i nuovi assistenti presidenziali.
  • Yury Ushakov, Vladimir Medinsky, Dmitry Mironov, Andrey Fursenko e Ruslan Yedelgeriyev sono rimasti aiutanti del capo dello stato.
  • Anche Larisa Brycheva (capo della Direzione legale statale presidenziale), Dmitry Shalkov (capo del dipartimento di controllo) e Dmitry Kalimulin (capo dell’Ufficio di riferimento) hanno mantenuto i loro incarichi di assistenti.

Consiglieri

  • Yelena Yampolskaya, presidente della commissione per la cultura della Duma di Stato, è diventata la nuova consigliera presidenziale. In precedenza, questo incarico era ricoperto da Vladimir Tolstoj.
  • L’elenco dei consiglieri non comprende più Alexandra Levitskaya, che guidava la commissione sui disabili e il consiglio per la politica statale nel campo della protezione della famiglia e dei bambini.
  • Igor Levitin, che ha lavorato come assistente presidenziale, è diventato consigliere del capo dello stato e rappresentante speciale per la cooperazione internazionale nel campo dei trasporti.
  • Il capo del Consiglio per i diritti umani Valery Fadeyev e Anton Kobyakov, che supervisiona l’organizzazione degli eventi internazionali con la partecipazione del leader russo, hanno mantenuto le loro posizioni.
Leggi anche:  Medvedev : "Se gli Usa colpiscono obiettivi russi scoppa la guerra mondiale"

Rappresentanti speciali e plenipotenziari

  • Sergey Ivanov è stato riconfermato Rappresentante presidenziale speciale per la protezione ambientale, l’ecologia e i trasporti.
  • Garry Minkh e Artur Muravyov, rappresentanti del presidente alla Duma di Stato e al Consiglio della Federazione, nonché Alexander Konovalov, rappresentante del presidente presso la Corte costituzionale, hanno mantenuto i loro posti, così come tutti i rappresentanti nei distretti federali.

Protocollo

  • Vladislav Kitayev rimane il capo del Protocollo presidenziale, e Mikhail Kazarinov, il suo vice.
Native

Articoli correlati