Abusi e torture contro palestinesi rinchiusi in un campo nel deserto: la denuncia di tre testimoni israeliani
Top

Abusi e torture contro palestinesi rinchiusi in un campo nel deserto: la denuncia di tre testimoni israeliani

Tre testimoni israeliani che lavorano nel campo nel deserto di Sde Teiman, un luogo di detenzione per palestinesi arrestati durante l'invasione israeliana di Gaza, hanno affermato di aver assistito a una serie di abusi

Abusi e torture contro palestinesi rinchiusi in un campo nel deserto: la denuncia di tre testimoni israeliani
Prigionieri palestinesi seviziati dagli israeliani
Preroll

globalist Modifica articolo

10 Maggio 2024 - 16.27


ATF

Tre testimoni israeliani che lavorano nel campo nel deserto di Sde Teiman, un luogo di detenzione per palestinesi arrestati durante l’invasione israeliana di Gaza, hanno affermato di aver assistito a una serie di abusi da parte dei militari, tra cui prigionieri immobilizzati, bendati e costretti a indossare pannolini.

I testimoni israeliani hanno detto dei prigionieri:

 Ci è stato detto che non potevano spostarsi. Dovevano stare seduti in posizione verticale. Non erano autorizzati a parlare. Non era permesso sbirciare sotto la benda.

Le guardie avevano l’ordine di imporre il silenzio gridando “uskot” (in arabo “stai zitto”) e di identificare e punire gli individui prigionieri problematici.

I testimoni hanno detto alla CNN che la struttura, a circa 18 miglia dalla frontiera di Gaza, è divisa in due parti: recinti dove circa 70 detenuti palestinesi provenienti da Gaza sono posti sotto estrema contenzione fisica, e un ospedale da campo “dove i detenuti feriti vengono immobilizzati, fasciati e nutriti con cannucce”.

Secondo i testomoni, i pestaggi erano di natura di ritorsione e non erano destinati alla raccolta di informazioni. “Sono stati uccisi per vendetta. È stata una punizione per ciò che [Hamas] ha fatto il 7 ottobre e una punizione per il comportamento tenuto nel campo”.

Leggi anche:  Guerra di Gaza: un aumento delle vendite di armi serbe a Israele

Un testimone ha descritto “una perquisizione di routine in cui le guardie scatenavano cani di grossa taglia sui detenuti addormentati, lanciando una granata sonora contro il recinto mentre le truppe facevano irruzione”.

In seguito all’attacco contro Israele da parte di Hamas il 7 ottobre, l’esercito israeliano ha convertito tre siti militari in campi di detenzione per prigionieri palestinesi provenienti da Gaza. Questa mossa è in linea con la legge israeliana sui combattenti illegali, che è stata ampliata dalla Knesset a dicembre per garantire ai militari maggiori poteri di detenzione.

Rispondendo alla richiesta della CNN di commentare tutte le accuse, l’esercito israeliano ha dichiarato in una nota:

“L’IDF garantisce una condotta corretta nei confronti dei detenuti in custodia. Qualsiasi accusa di cattiva condotta da parte dei soldati dell’IDF viene esaminata e trattata di conseguenza. Nei casi appropriati, le indagini dell’MPCID (Divisione investigativa criminale della polizia militare) vengono avviate quando vi è il sospetto di cattiva condotta che giustifichi tale azione”.

Leggi anche:  L'esercito israeliano libera 4 ostaggi che erano imprigionati a Nuseirat

E ancora: “I detenuti vengono ammanettati in base al loro livello di rischio e al loro stato di salute. Le autorità non sono a conoscenza di episodi di ammanettamenti illegali”

Native

Articoli correlati