Operazione Rafah, viaggio nella "mente" di Netanyahu
Top

Operazione Rafah, viaggio nella "mente" di Netanyahu

Una cosa è certa: decidendo di avviare l’”operazione Rafah” Benjamin Netanyahu e il suo governo di estrema destra hanno derubricato la questione ostaggi come un “danno collaterale”

Operazione Rafah, viaggio nella "mente" di Netanyahu
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

8 Maggio 2024 - 14.19


ATF

Una cosa è certa: decidendo di avviare l’”operazione Rafah” Benjamin Netanyahu e il suo governo di estrema destra hanno derubricato la questione ostaggi come un “danno collaterale” rispetto all’obiettivo strategico: annientare Hamas. Globalist dedica due puntate ad una inchiesta sulle “mire di Bibi”, avvalendosi del prezioso contributo di due tra i più autorevoli analisti politici e militari israeliani: Anshel Pfeffer e Amos Harel

Danno collaterale

A declinarlo è un editoriale di Haaretz: “Le Forze di Difesa Israeliane hanno conquistato il lato palestinese del valico di frontiera di Rafah e controllano un tratto di circa tre chilometri e mezzo della porzione meridionale della via Philadelphi al confine con l’Egitto: ecco come Israele ha risposto all’annuncio di Hamas di aver accettato la proposta dei mediatori di un cessate il fuoco nel contesto dei contatti per il rilascio degli ostaggi.

L’accordo che Hamas ha accettato non è l’accordo originale sul tavolo. Alcune delle sue clausole sono problematiche e la richiesta israeliana di migliorarlo è logica. Ma invece di “prendere il consenso di Hamas e trasformarlo in un accordo per il ritorno di tutti”, come chiedono le famiglie degli ostaggi, il Primo Ministro Benjamin Netanyahu minaccia di conquistare Rafah.

Certo, nessuno si è sorpreso quando l’Ufficio del Primo Ministro ha annunciato che il gabinetto di guerra ha deciso di continuare l’operazione a Rafah per “esercitare pressione militare su Hamas allo scopo di far avanzare il rilascio dei nostri ostaggi e gli altri obiettivi della guerra”. Purtroppo, il ministro Benny Gantz ha ripetuto questa menzogna affermando che “l’operazione militare a Rafah è una parte inseparabile dei nostri continui sforzi e impegni per restituire i nostri ostaggi e cambiare la realtà della sicurezza nel sud”.

In realtà, nonostante gli incessanti combattimenti, a pagare il prezzo di una simile politica sono proprio gli ostaggi. La prosecuzione dei combattimenti è già costata la vita a molti di loro e mette in pericolo la vita degli ostaggi ancora vivi. L’operazione di combattimento a Rafah non favorirà la liberazione degli ostaggi. Al contrario, danneggia questa prospettiva e rischia di peggiorare ulteriormente la portata del disastro umanitario nella Striscia di Gaza e di aumentare ulteriormente il numero dei gazawi uccisi.

Un’operazione di questo tipo va contro i consigli dell’amministrazione statunitense e mette a rischio il suo continuo sostegno a Israele. Infatti, il Wall Street Journal ha riportato che l’amministrazione del presidente Joe Biden ha ritardato la vendita di migliaia di armi di precisione a Israele – una mossa del tutto eccezionale in tempo di guerra. I combattimenti a Rafah mettono a rischio anche le relazioni con l’Egitto e la Giordania e rischiano di compromettere la normalizzazione con l’Arabia Saudita.

Leggi anche:  Netanyahu invita Gantz a restare nel governo di coalizione israeliano varato dopo il 7 ottobre

Martedì scorso, la delegazione israeliana ai negoziati è atterrata al Cairo ed è stato riferito che anche la delegazione di Hamas si trova lì. Questo è il momento di mettere da parte il populismo di Ben-Gvir e Smotrich e degli altri membri di estrema destra del gabinetto – e di mostrare leadership e decidere correttamente. L’unico modo per restituire gli ostaggi è agire con coraggio e firmare un accordo, anche se comporta un prezzo doloroso”.

Nella testa di Bibi

Anshel Pfeffer le guerre, non solo quelle mediorientali, le ha vissute sul campo. Vissute, raccontate, analizzate. Le sue considerazioni sono il portato di una esperienza diretta, accresciuta nel corso del tempo. 

Così su Haaretz: “Le due decisioni del gabinetto di guerra israeliano di lunedì sera, ovvero il lancio di un’operazione militare nel settore meridionale della Striscia di Gaza e l’invio di una squadra di negoziatori al Cairo per verificare se sia ancora possibile raggiungere una tregua e un accordo per il rilascio degli ostaggi con Hamas, sembrano contraddirsi a vicenda. Se c’è la possibilità di un accordo, perché lanciare una nuova campagna di terra?

Ma nulla dell’attacco a Rafah e dei negoziati al Cairo è come sembra. Benjamin Netanyahu e il suo gabinetto di guerra stanno affrontando una serie di complesse circostanze politiche, diplomatiche e militari e l’operazione iniziata lunedì sera si svolge all’interno di questi vincoli. Ecco i punti importanti per comprendere l’ultima manovra di Israele.

Rafah: Il valico, non la città

Il primo punto che vale la pena sottolineare è che i titoli dei giornali e la narrazione dei media secondo cui Israele sta entrando “a Rafah” sono sbagliati. Almeno finora, l’operazione israeliana sul campo si è concentrata sul valico di frontiera di Rafah, al di fuori della città di Rafah. Ma la narrativa, almeno all’interno di Israele, serve a Netanyahu, che è stato messo sotto tiro dai suoi partner di coalizione di estrema destra e persino da alcuni dei suoi proxy mediatici solitamente obbedienti, per lanciare l’operazione a Rafah. Non è l’operazione che si chiedeva contro la brigata di Hamas a Rafah, ma almeno per ora è qualcosa.

Allora qual è lo scopo dell’operazione?

Netanyahu e i suoi sostenitori hanno parlato dell’operazione di Rafah come del necessario passo finale per “distruggere Hamas” e raggiungere la “vittoria totale”. Se non si tratta di questo, qual è lo scopo dell’operazione? Dal punto di vista del Primo Ministro, sta guadagnando tempo con la sua coalizione sempre più arrabbiata. Dal punto di vista dell’Idf, la cattura del valico di Rafah è un esercizio utile in quanto taglia il principale canale di Hamas verso il mondo esterno. E a differenza delle precedenti manovre a Gaza City e Khan Yunis, questa è stata relativamente rapida e semplice, senza troppe vittime, a parte i quattro soldati uccisi in un attacco di mortaio domenica a Kerem Shalom, dove le forze si stavano radunando. Ma se il valico è una risorsa strategica, può anche diventare rapidamente una passività.

Leggi anche:  Israele, Gantz abbandona Netanyahu: ora il "re" è nudo

Qual è la prossima mossa di Israele?

Una volta messo in sicurezza il valico, l’Idf controllerà circa un terzo del Corridoio di Filadelfia, il percorso lungo il confine tra Gaza e l’Egitto. Ma sotto i restanti due terzi del corridoio, fino al Mediterraneo, si trovano altri tunnel di contrabbando. E a est c’è la brigata di Hamas a Rafah, che si nasconde in città e lancia razzi e mortai. L’Idf si spinge oltre o si rintana? Rimanere statici mette le forze in una posizione vulnerabile. E che dire del valico, uno dei due principali ingressi per gli aiuti umanitari (insieme a Kerem Shalom, anch’esso chiuso dopo l’attacco di domenica). Chi lo gestirà? Un’opzione riportata da Haaretz prevede che sia una società di sicurezza privata americana a gestire il valico. Ma avranno comunque bisogno della protezione dell’IDF. In ultima analisi, la decisione su come procedere spetterà ai politici.

Cosa vuole l’Egitto?

Qualsiasi operazione a Rafah e dintorni deve essere coordinata con gli egiziani al di là del confine. Questi ultimi, pur avendo condannato pubblicamente l’operazione israeliana, ne sono stati informati in anticipo e, secondo fonti israeliane, sono in realtà contenti di vedere Israele prendere il controllo del confine. La principale preoccupazione degli egiziani era che migliaia di profughi palestinesi potessero attraversare il confine con la forza e ora l’Idf lo sta impedendo, almeno nella parte che controlla. Ma più di ogni altra cosa, gli egiziani vogliono un cessate il fuoco che ponga fine a questa guerra, eliminando non solo la minaccia dell’ingresso dei rifugiati palestinesi nel Sinai, ma anche ponendo fine agli attacchi degli Houthi dallo Yemen contro le navi del Mar Rosso, che hanno privato l’Egitto di miliardi di dollari di entrate dal Canale di Suez. Ecco perché l’Egitto, insieme agli Stati Uniti e al Qatar, è così impegnato nel tentativo di mediare il cessate il fuoco e l’accordo per il rilascio degli ostaggi e sta ospitando i colloqui indiretti tra Israele e Hamas.

Leggi anche:  Netanyahu invita Gantz a restare nel governo di coalizione israeliano varato dopo il 7 ottobre

Cosa può ottenere la delegazione israeliana al Cairo?

Il gabinetto di guerra ha inviato al Cairo una delegazione di basso livello e non il team negoziale di alto livello composto dai capi del servizio di sicurezza Shin Bet e del Mossad. La posizione di Netanyahu rimane quella di ritenere che la risposta di Hamas alla proposta egiziana includa richieste che Israele non può accettare. Dietro le quinte ha informato i media israeliani che gli americani lo hanno “ingannato” promettendo ad Hamas che avrebbero fatto in modo che la guerra finisse dopo il cessate il fuoco. In queste circostanze, il compito della delegazione israeliana è quello di trovare quante più falle possibili nella risposta di Hamas e fornire a Netanyahu una scusa per non accettare l’accordo. Gli americani e gli egiziani sono determinati a negare a Netanyahu questa scusa.

Non tutte le obiezioni di Netanyahu sono irragionevoli. La risposta di Hamas è diversa in alcune aree chiave rispetto a quanto accettato da Israele nella proposta egiziana originale. Il raggiungimento di un accordo dipende dalla capacità dei mediatori di smorzare le richieste di Hamas in modo tale da costringere Netanyahu a inviare il team senior per discutere l’implementazione completa e poi presentare l’accordo al gabinetto. Si tratta di ostacoli importanti e anche se verranno superati, Netanyahu dovrà cercare di vendere l’accordo ai suoi partner di estrema destra e alla sua base. Un compito quasi impossibile.

Cosa succede se Israele si ritira dall’accordo?

Se Netanyahu pone fine ai colloqui, sia perché lui e il gabinetto di guerra giungono alla conclusione che le richieste di Hamas non possono essere soddisfatte, sia perché teme di perdere la sua coalizione, o entrambe le cose, il passo successivo dovrà essere l’espansione della campagna a Rafah alla città stessa. È qui che Israele potrebbe finalmente superare la linea rossa dell’amministrazione Biden. È qui che le fughe di notizie ai media americani sul ritardo delle forniture di armi, finora negate dal Pentagono, diventano una vera e propria politica. Questo è il dilemma che Netanyahu ha cercato di rimandare, quando dovrà scegliere tra Biden e Ben-Gvir. Farà quasi di tutto per evitare di dover prendere questa decisione. Ecco perché possiamo aspettarci che i colloqui del Cairo continuino il più a lungo possibile, mentre Netanyahu cerca di ritardare l’inevitabile”.

(prima parte, fine)

Native

Articoli correlati