I veri scudi umani di Sinwar? Sono i ministri fascisti d'Israele
Top

I veri scudi umani di Sinwar? Sono i ministri fascisti d'Israele

I falchi si riconoscono tra loro. Si sorreggono reciprocamente, perché comune è l’interesse che, sulle rispettive sponde, coltivano: quello di restare al potere. C

I veri scudi umani di Sinwar? Sono i ministri fascisti d'Israele
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

2 Maggio 2024 - 14.48


ATF

I falchi si riconoscono tra loro. Si sorreggono reciprocamente, perché comune è l’interesse che, sulle rispettive sponde, coltivano: quello di restare al potere. Con ogni mezzo. A ogni costo. Anche sacrificando la vita di decine di migliaia di persone, donne, bambini, ostaggi. 

Parole di verità

Le dice e scrive, su Haaretz, Uri Misgav: “È arrivato il momento di parlare al Primo ministro Benjamin Netanyahu con le sue parole. Dopo tutto, ha sempre saputo parlare. In effetti, è l’unica cosa che ha saputo fare nella sua vita adulta. Quindi, per favore, signore.

“La prima domanda da porsi è: cosa hai fatto lì? Non hai definito nessuna strategia, nessuna struttura diplomatica, non hai emanato nessuna linea guida, quindi cosa hai fatto lì? Nell’Idf questo si chiama “marciare sul posto”. Andare in cerchio. Per dirla con le parole dei soldati: perdersi. Ora è chiaro: come può esserci una decisione se tu, che sei responsabile della campagna, non hai idea di cosa stai facendo?”.

Queste parole sono tratte da un discorso che Netanyahu tenne alla Knesset dopo la Seconda Guerra del Libano. L’oggetto del ridicolo e della critica era l’allora primo ministro Ehud Olmert.

Olmert era un leader cento volte migliore, più abile e più coraggioso di Netanyahu. La Seconda Guerra del Libano durò un mese e vi furono uccisi 165 soldati e civili (due dei quali furono rapiti). La guerra di Netanyahu nel sud e nel nord del paese è durata già sette mesi e sono stati uccisi 1.500 israeliani e 240 sono stati rapiti.

E vuole continuare! Rafah, Iran, L’Aia: aspetta un altro momento e otterrà una vittoria totale. Torniamo al suo discorso inaugurale: “Ci viene cinicamente detto: la persona che ha fallito è la persona che risolverà il problema. Non dobbiamo sostituire il gabinetto.

“È come dire, dopo il disastro del Titanic, che se il capitano fosse sopravvissuto, gli sarebbe stata affidata un’altra nave. La vita della nazione non è il percorso di sopravvivenza personale del primo ministro”, ha detto Netanyahu.

Andare a Rafah ora è come andare a Masada. Masada, come la ribellione di Bar Kochba, sono simboli di una follia suicida e messianica che ha colpito parti particolari del popolo di Israele. In un terribile errore, il giovane sionismo li ha avvolti in una falsa aura di santità ed eroismo.

Leggi anche:  Sondaggi politici: quanto è popolare Hamas a Gaza e fuori dopo nove mesi di guerra?

Non è così che si gestisce una campagna militare. Gli ostaggi ancora vivi saranno sacrificati, i soldati moriranno invano, centinaia e migliaia di palestinesi saranno uccisi, gli americani, gli Stati arabi moderati e il mondo intero saranno finalmente stufi di noi.

Ma questo è ciò che chiedono il ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir, il ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, Yinon Magal e il rappresentante della base sul fronte di Miami. E Netanyahu, come un mostruoso burattino al laccio, promette di realizzarlo.

Ancora una volta, è importante chiederglielo con le sue parole di allora: “Quanti altri errori dovrà subire il popolo di Israele da questo governo? Ma questo è ciò che accade quando il primo ministro non ha giudizio e visione strategica, quando tutto è superficiale, non c’è profondità o praticità e cambia ogni giorno in base alle esigenze politiche.

Quale spiegazione offri al pubblico quando sei legato ai tuoi ministeri? Dici di vedere il bene del Paese, quando in realtà intendi la stabilità del tuo governo. Dici di mantenere la sicurezza quando in realtà intendi mantenere le tue poltrone.

“Israele non può permettersi di continuare con una leadership così irresponsabile e fallimentare. Una leadership negligente che permette mesi e anni di lancio di missili contro le nostre città, la nostra gente e i nostri bambini”.

“Molte persone da tutte le parti della nazione vogliono una leadership diversa. Una leadership che non cambi il proprio percorso in base alle esigenze di sopravvivenza. Questo obiettivo oggi accomuna molte persone di opinioni diverse, da destra a sinistra. Perché sono stufi dei trucchi.

“In un mondo in cui la politica è la facciata di ogni cosa, perché il dialogo pubblico in Israele è stato recentemente assorbito da una cultura dell’inganno che non dobbiamo accettare. La menzogna è verità. Il male è bene. Il fallimento è un successo. È questa la leadership che presenteremo ai nostri figli? Questo è l’esempio? Questo cinismo. Irresponsabilità?”

Fratelli e sorelle israeliani, siamo alle soglie di un altro disastro. Faccio appello alla maggioranza silenziosa, ai guardiani e agli alti funzionari dell’establishment della difesa affinché dicano “Basta” e fermino Netanyahu. Con qualsiasi mezzo”.

Leggi anche:  Hamas accusa Israele di temporeggiare per ostacolare i nuovi negoziati

I veri scudi di Sinwar

A svelarli, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, è uno dei più accreditati analisti politici israeliani: Zvi Bar’el.

Scrive Bar’el: “Il cuore di Yahya Sinwar ha sicuramente saltato qualche battito quando ha sentito la notizia che il Ministro della Sicurezza Nazionale Itamar Ben-Gvir era rimasto ferito in un incidente stradale. Se avesse potuto, avrebbe sicuramente mandato dei fiori e offerto alla moglie di Ben-Gvir, Ayelet, un passaggio in ospedale con un pick-up Toyota bianco, in modo che non dovesse disturbare un agente di polizia per raggiungerlo.

Questo perché né gli ostaggi, né il Qatar, né l’Egitto sono lo scudo difensivo di Hamas. Piuttosto, Bezalel Smotrich, l’uomo che si definisce ministro delle finanze, e Ben-Gvir, il criminale condannato, assicurano l’organizzazione e il suo leader nella Striscia di Gaza. Sinwar dovrebbe quindi pregare per il loro benessere cinque volte al giorno.

Grazie a questi due delinquenti razzisti, Sinwar è riuscito a fare al governo israeliano quello che il Primo Ministro Benjamin Netanyahu ha fatto all’Autorità Palestinese e ad Hamas: seminare divisione e scissione, dividere e conquistare. Nel caso palestinese, questo ha impedito qualsiasi possibilità di raggiungere un accordo politico interno. E nel caso israeliano, potrebbe far saltare il nascente accordo sugli ostaggi.

Sinwar non ha nemmeno bisogno di finanziare Smotrich e Ben-Gvir, come Netanyahu ha finanziato Hamas, per convincerli a opporsi al primo ministro. Lo fanno volontariamente e con piacere.

“Se Netanyahu accetta l’accordo egiziano”, ha detto Smotrich, riferendosi all’ultima proposta di accordo sugli ostaggi, “sarà una resa umiliante, una condanna a morte per gli ostaggi che non sono inclusi nell’accordo e un pericolo per Israele”. Questa misera scusa per essere umano, che a febbraio aveva detto che “riportare a casa gli ostaggi non è la cosa più importante”, improvvisamente si preoccupa che gli ostaggi non inclusi nell’accordo non torneranno mai a casa. Ma quelli che potrebbero essere liberati non gli interessano affatto.

Con minacce come queste, Sinwar può stare tranquillo. Può accettare qualsiasi accordo proposto con la certezza che Smotrich lo sosterrà e lo silurerà. Grazie a Smotrich, Hamas può avere le mani pulite; il sangue degli ostaggi sarà su Netanyahu, Smotrich e Ben-Gvir, i guardiani della porta che si preoccupano solo dell'”umiliante resa” che Israele subirà in caso di accordo.

Leggi anche:  Hamas accusa Israele di temporeggiare per ostacolare i nuovi negoziati

Sinwar ha così intrappolato Netanyahu in una tenaglia strangolante. Da una parte ci sono Smotrich e Ben-Gvir, dall’altra il membro del gabinetto di guerra Benny Gantz e la sua minaccia: “Se si raggiungesse un accordo responsabile per la restituzione degli ostaggi, con l’appoggio dell’establishment della difesa e senza porre fine alla guerra, e i ministri che hanno guidato il gabinetto il 7 ottobre lo impedissero – il governo non avrebbe il diritto di esistere”.

In apparenza, Netanyahu si trova di fronte a un’alleanza fatta all’inferno. Due forze opposte minacciano di far cadere il suo governo e, a prima vista, l’unica grazia che gli concedono è la scelta di chi di loro lo farà cadere.

Ma in realtà si tratta di un inganno, derivante dalla serie di condizioni che Gantz ha messo insieme. Che cos’è un “accordo responsabile”? Cosa intende quando dice che “l’intero establishment della difesa” deve sostenerlo – include anche il Ministero della Sicurezza Nazionale di Ben-Gvir?

Cosa significa “non porre fine alla guerra” – significa forse invadere la città di Rafah? E soprattutto, che senso ha continuare la guerra, quando solo terminandola si potrebbe raggiungere l’unico obiettivo più importante di tutti gli altri: liberare gli ostaggi?

Gantz è un poeta delle condizioni. La sua minaccia è vuota. Al contrario, la minaccia di Smotrich e Ben-Gvir è sufficientemente violenta e concreta da indirizzare Netanyahu verso il giusto abbraccio. A differenza di Gantz, questi due ministri buoni a nulla hanno già dimostrato la loro forza.

Sono la principale fonte di alimentazione delle enormi tensioni tra Washington e Gerusalemme. Le prime sanzioni che l’America abbia mai imposto a Israele sono merito loro. Sono i freni che impediscono all’Autorità Palestinese di fare il suo lavoro. E, naturalmente, non dobbiamo dimenticare il loro sostanziale contributo alla denuncia presentata dal Sudafrica alla Corte Internazionale di Giustizia, di cui il tribunale si sta occupando.

Tutto questo dovrebbe già essere sufficiente perché Gantz faccia le valigie e torni a casa. Ma Gantz non è così. Di conseguenza, in un momento in cui Hamas ha un unico leader, in Israele sono i vigilanti politici che operano come una milizia a dettare l’agenda. Sinwar non ha bisogno di altro”, conclude Bar’el.

La pura e dura verità. 

Native

Articoli correlati