Sde Teiman, la Guantanamo della 'democratica' Israele
Top

Sde Teiman, la Guantanamo della 'democratica' Israele

Sde Teiman, la Guantanamo d’Israele. A chiederne la chiusura, dando voce a organizzazioni umanitarie israeliane, è Haaretz.

Sde Teiman, la Guantanamo della 'democratica' Israele
Attivisti contro il carcere di Sde Teiman
Preroll

Umberto De Giovannangeli Modifica articolo

21 Aprile 2024 - 18.53


ATF

Sde Teiman, la Guantanamo d’Israele. A chiederne la chiusura, dando voce a organizzazioni umanitarie israeliane, è Haaretz.

La Guantanamo israeliana

“Molte organizzazioni per i diritti umani stanno lanciando un allarme su quanto sta accadendo nella struttura di detenzione di Sde Teiman, vicino a Be’er Sheva, dove sono detenuti alcuni dei residenti della Striscia di Gaza arrestati nel corso della guerra.

Due settimane fa, l’Associazione per i Diritti Civili in Israele si è rivolta al Maggiore Gen. Yifat Tomer-Yerushalmi, l’avvocato generale militare, chiedendo l’immediata chiusura della struttura, con la motivazione che vi si svolgono torture e che le condizioni del centro violano il diritto all’integrità fisica dei detenuti e mettono in pericolo la loro vita.

Anche Physicians for Human Rights-Israel ha pubblicato la scorsa settimana un documento di opinione etica sul campo, che include testimonianze di detenuti che sono stati rilasciati dalla struttura e di personale medico e sanitario.

Anche loro sono giunti alla conclusione che Sde Teiman dovrebbe essere chiuso immediatamente e i detenuti che necessitano di cure mediche dovrebbero essere ricoverati in ospedali civili, per garantire che ricevano cure adeguate e conformi all’etica e alla professionalità medica.

Inoltre, l’organizzazione punta il dito accusatore contro il Ministero della Salute: Le direttive del Ministero della Salute per l’assistenza medica a Sde Teiman “consentono gravi violazioni dell’etica medica… incluso il coinvolgimento in pratiche che equivalgono a trattamenti disumani o torture”.

Anche il Comitato Pubblico contro la Tortura in Israele ha lanciato un allarme da tempo sugli atti che avvengono allo Sde Teiman. “A sei mesi dall’inizio della guerra, possiamo dirlo chiaramente: Sembra che Israele stia gestendo una sorta di prigione di Guantanamo”, hanno scritto i membri del comitato, le dottoresse Bettina Birmans e Tamar Lavie (Haaretz Hebrew, 15 aprile).

Il numero esatto di detenuti a Sde Teiman è sconosciuto. Alcuni sono terroristi della forza d’élite Nukhba di Hamas che sono stati catturati, altri sono residenti di Gaza che sono stati arrestati e poi rilasciati nella Striscia.

I detenuti sono trattenuti quasi senza controllo giudiziario e senza poter incontrare i rappresentanti della Croce Rossa e gli avvocati. Hagar Shezaf di Haaretz ha riferito il mese scorso che 27 detenuti sono morti nelle strutture militari israeliane e che l’esercito si è rifiutato di fornire dettagli sulle circostanze della loro morte. Inoltre, ha riferito di condizioni di detenzione dure e violente.

All’inizio del mese, Haaretz ha riferito di una lettera inviata da un medico che ha lavorato nell’ospedale da campo allestito a Sde Teiman al Ministro della Difesa Yoav Gallant, al Ministro della Salute Uriel Busso e al Procuratore Generale Gali Baharav-Miara.

In tale lettera, il ministro avverte che Israele rischia di violare il diritto internazionale a causa del trattamento riservato ai detenuti. “Proprio questa settimana, a due prigionieri sono state amputate le gambe a causa di ferite provocate dai legacci, purtroppo un evento di routine”, ha scritto (Hagar Shezaf e Michael Hauser Tov, 4 aprile).

Queste richieste devono essere soddisfatte e la struttura di detenzione di Sde Teiman deve essere chiusa immediatamente. Israele deve fare attenzione a rispettare la legge per quanto riguarda il trattamento dei detenuti. Questo vale sempre, a maggior ragione quando 133 ostaggi israeliani sono detenuti da Hamas”, conclude l’editoriale.

Leggi anche:  Israele-Palestina, la pace delle "donne coraggio"

Quella mediazione irrinunciabile

A proposito degli ostaggi e dei negoziati “stop and go” per liberarli, di grande interesse è l’analisi, sempre sul quotidiano progressista di Tel Aviv, di Svi Bar’el. 

“Il dialogo pubblico del Qatar con il Congresso degli Stati Uniti e il governo israeliano ha raggiunto un punto di ebollizione la scorsa settimana quando il Primo Ministro del Qatar Mohammed bin Abdulrahman al Thani, che è anche il ministro degli Esteri del paese, ha annunciato che il Qatar stava riconsiderando il suo ruolo di mediatore nell’affare degli ostaggi, viste le critiche di cui è stato oggetto. “C’è uno sfruttamento e un abuso del ruolo del Qatar”, ha dichiarato, aggiungendo che il Qatar è stato vittima di un “gioco di prestigio” da parte di “politici che stanno cercando di condurre campagne elettorali offendendo lo Stato del Qatar”.

Se il Qatar dovesse mettere in pratica il suo avvertimento, questo rappresenterebbe un duro colpo per i negoziati e per le possibilità di ottenere il rilascio degli ostaggi, e non solo perché il Qatar ha una notevole influenza su Hamas. Il Qatar è riuscito a creare una dinamica unica nei negoziati, in cui i rappresentanti di Israele (ma non il suo governo) hanno lo status di partner. Secondo una fonte israeliana vicina ai negoziati, “tra le parti si sono create delle conoscenze personali che hanno portato al rispetto reciproco, fondamentale per il successo dei negoziati”.

È ancora troppo presto per dichiarare la fine del ruolo del Qatar nei negoziati, ma non si può ignorare la preoccupazione che questi sforzi, finché non daranno risultati, mettano in pericolo lo status del Qatar e le sue relazioni con gli Stati Uniti.

Queste preoccupazioni sono state espresse pubblicamente nella risposta del Qatar all’appello del deputato americano Steny Hoyer, che chiedeva di esercitare pressioni sul Qatar affinché aumentasse la propria pressione su Hamas. “Le conseguenze dovrebbero includere il taglio dei finanziamenti ad Hamas o il rifiuto di concedere ai leader di Hamas un rifugio a Doha. Se il Qatar non esercita questa pressione, gli Stati Uniti devono rivalutare le loro relazioni con il Qatar”, ha scritto il deputato democratico lunedì scorso.

In risposta, l’ambasciata del Qatar a Washington ha rilasciato una lunga e dettagliata dichiarazione in cui afferma che “il Qatar è solo un mediatore – non controlliamo Israele o Hamas. Israele e Hamas sono interamente responsabili del raggiungimento di un accordo”.

Riguardo al suggerimento di Hoyer di espellere i leader di Hamas dal Qatar, l’ambasciata ha scritto: “È certamente allettante fare come lui suggerisce e allontanarsi da parti apparentemente intransigenti… ma è utile ricordare che il ruolo di mediazione del Qatar esiste solo perché ci è stato chiesto dagli Stati Uniti nel 2012 di svolgere questo ruolo dal momento che, purtroppo, Israele e Hamas rifiutano di parlarsi direttamente”.

Leggi anche:  Israele, la "carica" degli ambasciatori: "Sì ai due Stati"

Dieci giorni prima, l’ambasciata del Qatar ha dovuto rispondere a una proposta di legge presentata dal senatore Ted Budd, che chiedeva di revocare lo status del Qatar come alleato senior degli Stati Uniti che non è membro della Nato. Il Qatar ha ottenuto questo status dal presidente Biden nel 2022, dopo aver mediato con successo tra l’amministrazione e i talebani in un accordo che ha permesso un ritiro relativamente pacifico delle forze americane dall’Afghanistan. Il Qatar ha anche accolto migliaia di civili afghani che avevano lavorato con le forze americane, salvando così molte vite. Tra l’altro, già a ottobre il Qatar aveva detto agli Stati Uniti che sarebbe stato pronto a riconsiderare le sue relazioni con Hamas dopo il completamento dell’accordo sugli ostaggi. Questo è stato pubblicato dal Washington Post senza menzionare se il “ripensamento” includesse l’espulsione dei leader di Hamas dal Qatar.

Non a caso, Al-Thani ha annunciato le intenzioni del Qatar durante una conferenza stampa tenuta insieme al suo omologo turco, Hakan Fidan, che mercoledì ha visitato Doha e ha incontrato il leader di Hamas Ismail Haniyeh. Fidan ha portato un suo messaggio: Hamas sarebbe disposto a riconoscere uno Stato palestinese nei confini del 1967 (il che implica il riconoscimento dello Stato di Israele) e che, dopo la creazione di tale Stato, sarebbe disposto a rinunciare al suo braccio militare e a diventare un partito politico.

Sabato Haniyeh è atterrato a Istanbul e per la prima volta dal luglio 2023 ha incontrato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Questa visita si è svolta all’ombra di un articolo del Wall Street Journal, secondo il quale i leader di Hamas starebbero valutando l’opzione di lasciare il Qatar e di trovare un nuovo stato di asilo, con la possibilità di Oman e di un altro stato arabo di cui non è stato fatto il nome.

La Turchia ha trovato questa nicchia per entrare nel club esclusivo dei paesi mediatori e i leader di Hamas stanno già facendo le valigie? Per la Turchia sarà difficile fare le veci del Qatar e diventare uno Stato rifugio, e non solo per le ripercussioni che una simile mossa potrebbe avere su Washington.

A differenza della Turchia, il Qatar è riuscito a consolidare il suo status di mediatore efficace, prima con il successo, insieme all’Egitto, nella liberazione di quattro donne ostaggio a ottobre e poi con la firma del primo accordo sugli ostaggi a novembre. Anche se non ha relazioni diplomatiche con Israele, sta negoziando con i suoi rappresentanti sul suo territorio. Il Qatar gode di uno status speciale agli occhi di Hamas. I leader di Hamas fuori dalla Striscia di Gaza si sono trasferiti a Doha nel 2012, dopo aver interrotto le relazioni con la Siria, e quindi con l’Iran, a causa del massacro compiuto dal regime di Assad contro i civili siriani.

Questa mossa è avvenuta grazie a un accordo tra il Qatar e gli Stati Uniti, che volevano mantenere un canale aperto con Hamas per favorire sia il Qatar che Israele. Infatti, già nel 2006, dopo la vittoria di Hamas alle elezioni per l’Autorità Palestinese, gli Stati Uniti si rivolsero al Qatar chiedendogli di fungere da collegamento non ufficiale con Hamas.

Leggi anche:  L'estremista di destra Ben-Gvir vuole la Striscia di Gaza: via i palestinesi sì a insediamenti ebraici

Nell’ottobre 2012, il leader del Qatar Hamad bin Khalifa al-Thani (padre dell’attuale leader del Qatar Sheikh Tamim) visitò Gaza, impegnandosi a concedere ad Hamas 400 milioni di dollari per la costruzione di blocchi residenziali, strade e un centro di riabilitazione medica. Hamad al-Thani è stato il primo leader arabo a visitare la Striscia di Gaza dopo la presa di potere di Hamas nel 2007. Da allora, il Qatar ha donato miliardi di dollari in aiuti, alcuni dei quali, come è noto, con il consenso e l’incoraggiamento di Israele.

La Turchia non ha precedenti di questo tipo. Gli aiuti che ha fornito ad Hamas sono di gran lunga inferiori a quelli forniti dal Qatar. Inoltre, la Turchia è stata “marchiata” dopo aver chiesto ai leader di Hamas di lasciare il suo territorio quando i colloqui per la ripresa delle relazioni della Turchia con Israele erano quasi conclusi, una richiesta che è stata ripetuta all’inizio di ottobre, dopo lo scoppio della guerra. Tuttavia, e soprattutto, la Turchia è squalificata come mediatore agli occhi di Israele.

Per Erdogan, che desidera ottenere una posizione onorevole in ogni crisi che si sviluppa in Medio Oriente, queste condizioni di apertura non dovrebbero essere un ostacolo ai suoi sforzi di porsi come alternativa al Qatar nel caso in cui decidesse di ritirarsi dai negoziati. Questo status è importante per Erdogan in vista del suo incontro con il Presidente Biden, previsto per l’8 maggio alla Casa Bianca.

A questo proposito, sabato il ministro degli Esteri turco Fidan ha incontrato ad Ankara il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry. I due hanno esplorato la possibilità che la Turchia collabori con l’Egitto, sia per mediare tra Hamas e Israele, sia per formare un piano per il controllo civile di Gaza una volta terminata la guerra.

I due Paesi, che fino all’anno scorso erano acerrimi rivali, hanno rinnovato le loro relazioni proprio a febbraio e stanno già parlando di espandere gli scambi commerciali tra loro fino a 15 miliardi di dollari all’anno, compreso l’acquisto di droni turchi per l’esercito egiziano. Sembra che le critiche del leader qatariota Al-Thani contro chi sfrutta l’affare degli ostaggi per ottenere vantaggi politici valgano anche per il suo amico e alleato Erdogan”, conclude Bar’el. 

Rompere con il Qatar, è la nostra chiosa, vuol dire indebolire ulteriormente le residue possibilità di riportare a casa in vita i 133 israeliani in cattività a Gaza. Ma la loro sorte sembra essere un problema marginale per Benjamin Netanyahu. Per ottenere una (improbabile) “vittoria totale” su Hamas, il loro sacrificio sarebbe un “effetto collaterale”. Come le 10mila donne e gli oltre 13mila bambini uccisi in sei mesi a Gaza.

Native

Articoli correlati