Democratici Usa: così cresce la fronda anti-Netanyahu
Top

Democratici Usa: così cresce la fronda anti-Netanyahu

Il dato di novità è che la deriva a destra, una destra razzista, messianica, ultranazionalista, d’ Israele ha determinato una radicalizzazione opposta in campo Dem americano. 

Democratici Usa: così cresce la fronda anti-Netanyahu
Preroll

globalist Modifica articolo

14 Aprile 2024 - 00.57


ATF

Il divorzio è in atto. Una rottura che non può essere ridotta e spiegata soltanto con la personalizzazione dei due “divorziandi”. Certo, che tra Joe Biden e Benjamin Netanyahu non corresse buon sangue, un eufemismo, è cosa risaputa e non nasce oggi. Già ai tempi della presidenza Obama, quando Biden era suo vice, Joe non aveva nascosto la sua insofferenza per la politica colonizzatrice di Bibi. Le cose sono peggiorate nel corso degli anni, e che hanno toccato l’apice con il sostegno esplicito, enfatizzato, di Netanyahu all’avversario di Biden alle presidenziali, Donald Trump. 

Divorzio in atto

Il dato di novità è che la deriva a destra, una destra razzista, messianica, ultranazionalista, d’ Israele ha determinato una radicalizzazione opposta in campo Dem americano. 

Ne dà conto Ben Samuels, corrispondente di Haaretz a Washington, con importanti entrature nell’establishment democratico. Scrive Samuels: “Una conversazione sempreverde negli ultimi decenni è stata la cosiddetta “divisione democratica” sulle relazioni tra Stati Uniti e Israele. Molte delle previsioni sul suo destino sono state esagerate e gonfiate, grazie alle innumerevoli conversazioni con i legislatori democratici, il personale del Congresso, i funzionari statunitensi e israeliani e i leader ebrei nel corso degli anni.

L’aprile del 2024, tuttavia, potrebbe essere ricordato come il momento in cui il Partito Democratico ha iniziato a rivalutare e ridefinire radicalmente le proprie posizioni sui legami tra Stati Uniti e Israele, a lungo considerati un baluardo della politica estera statunitense a prescindere dalle tensioni interne al partito.

Per capire come siamo arrivati a questo punto e cosa rende questo momento diverso dalle crisi passate, è importante riconoscere come le tensioni passate siano state gonfiate.

Mentre l’ala progressista del partito è cresciuta sia in termini numerici che di importanza, i funzionari israeliani e gli osservatori di entrambi i paesi hanno insistito sul fatto che il partito fosse effettivamente diretto verso una guerra civile sulla questione. La vecchia guardia, secondo la logica, stava tenendo il fortino e insistendo su legami incrollabili e indissolubili, mentre la nuova guardia chiedeva un ripensamento fondamentale per capire se i legami strategici fossero effettivamente in linea con i valori degli Stati Uniti.

L’entità della frattura ha avuto un andamento altalenante nel corso degli anni, aumentando a ogni operazione militare – in particolare la guerra di 11 giorni tra Israele e Hamas nel maggio del 2021 – e a eventi di grande risonanza come l’uccisione della giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh, probabilmente ad opera delle forze israeliane, un anno dopo.

Leggi anche:  Video delle soldatesse israeliane rapite da Hamas: accuse a chi ha riconosciuto lo stato di Palestina

Il centro del partito, tuttavia, ha insistito sul fatto che gli estremi rumorosi da una parte e dall’altra del dibattito non sono coerenti con le fondamenta del partito. A tal fine, gli alti esponenti democratici hanno respinto qualsiasi insinuazione secondo cui il partito starebbe andando alla deriva verso sinistra mentre Israele starebbe andando alla deriva verso destra.

Questa apparente spaccatura è stata felicemente ampliata dai repubblicani, che hanno visto in Israele sia una clava per attaccare i democratici sia un cuneo per approfondire ulteriormente le tensioni all’interno del partito.

Le tensioni dei Democratici nei confronti di Israele sono aumentate nel corso della guerra, dove l’iniziale sostegno quasi unanime alla risposta militare di Israele all’attacco di Hamas del 7 ottobre si è costantemente evoluto in preoccupazione per la sua condotta di guerra e in indignazione per il suo ruolo nel favorire la crisi umanitaria di Gaza.

Un numero sempre crescente di legislatori democratici ha assunto posizioni sempre più scettiche nei confronti di Israele, in particolare nell’ultimo mese e mezzo, avvertendo l’amministrazione Biden che Israele non è in regola con le leggi statunitensi in quanto beneficiario di assistenza militare.

Nonostante il notevole malcontento – soprattutto per la richiesta di elezioni israeliane avanzata il mese scorso dal leader della maggioranza del Senato Chuck Schumer – non sembrava ancora che i Democratici avessero cambiato idea sulle relazioni, ma piuttosto un disperato tentativo di riportare Israele all’ovile come alleato strategico.

Tutto è cambiato, però, con la morte di sette operatori umanitari della World Central Kitchen nel centro di Gaza a seguito di un attacco di droni israeliani il 1° aprile.

Cinquantasei Democratici della Camera – più del 25% del caucus democratico della Camera – hanno chiesto a Biden di congelare l’assistenza militare in attesa di un’indagine sull’incidente e di condizionare qualsiasi aiuto futuro.

Leggi anche:  Israele attacca la Corte penale internazionale e dice di non riconoscerne l'autorità

Una richiesta così significativa, sostenuta dal numero di democratici che hanno appoggiato una posizione considerata marginale fino a poche settimane fa, è di per sé notevole.

Il fatto che l’ex presidente della Camera Nancy Pelosi – tra i politici democratici più importanti della storia degli Stati Uniti e da decenni fautrice di un sostegno illimitato degli Stati Uniti a Israele – si sia unita all’appello lo rende ancora più significativo.

Pelosi, che ha passato anni a cercare di respingere l’ala progressista del partito sulle questioni relative a Israele, è stata forse l’ultima della vecchia guardia del Partito Democratico a schierarsi dalla parte di Israele.

Sebbene sia diventata sempre più audace nel criticare personalmente il Primo Ministro Benjamin Netanyahu, la sua ferma difesa di Israele è spesso andata a scapito della sua posizione all’interno della sua base. Si è guadagnata critiche significative, ad esempio, dopo aver accusato i manifestanti filopalestinesi che chiedevano un cessate il fuoco di essere delle organizzazioni russe e aver chiesto che l’FBI indagasse sui loro finanziamenti.

Se sei mesi fa avessi detto a un legislatore democratico che Schumer e Pelosi avrebbero guidato la campagna per chiedere elezioni anticipate in Israele e condizionare i futuri aiuti militari – due punti storicamente antitetici alle loro piattaforme di leadership – avrebbero pensato che fossi impazzito.

Il legame che unisce la stragrande maggioranza dei Democratici, tuttavia, è l’impareggiabile frustrazione nei confronti di Netanyahu e della sua scarsa considerazione all’interno del partito.

Nel corso degli anni, i Democratici hanno accresciuto la loro disillusione nei confronti di Netanyahu, un sentimento che è aumentato in modo esponenziale negli ultimi sei mesi, quando la condotta di Israele a Gaza si è tradotta in una catastrofe umanitaria. Per questo motivo, molti democratici si preoccupano di definire il conflitto come “la guerra di Netanyahu”.

Sebbene questa tendenza sia in atto da tempo, per Netanyahu non è possibile tornare indietro. Ogni speranza di rivitalizzare il sostegno bipartisan di Israele poggia sulle spalle di Benny Gantz, lo sfidante politico più temibile di Netanyahu, e di Yair Lapid, il leader dell’opposizione più debole politicamente rispetto agli anni passati ma ideologicamente più allineato con la leadership democratica.

Leggi anche:  Israele bombarda un'area umanitaria a Rafah: almeno 40 morti e decine di feriti

Per Netanyahu, la sua più grande speranza risiede nell’entrare nella frattura politica e nel far sì che il Partito Repubblicano sostenga la sua posizione, ricorrendo al suo familiare libro di giochi contro i Democratici. Netanyahu ha già macchiato irrimediabilmente la sua eredità tra i Democratici; se non sta attento, potrebbe inaugurare un cambiamento generazionale nel rapporto tra il partito e Israele.

Ciò è stato reso evidente da un recente avvertimento del deputato Gregory Meeks, che ha dichiarato di essere ancora in attesa di garanzie da parte dell’amministrazione Biden prima di firmare la vendita di jet da combattimento F-15 a Israele per un valore di 18 miliardi di dollari.

In qualità di membro della Commissione Affari Esteri della Camera, il Dipartimento di Stato è tenuto a notificare a Meeks qualsiasi vendita di armi importanti in corso entro 20-40 giorni dalla vendita. Durante questo periodo di tempo, Meeks può sollevare dubbi o bloccare la vendita.

La vendita in questione, a dire il vero, è al limite dell’irrilevanza per la guerra in corso e i jet non sarebbero nelle mani di Israele prima di diversi anni. Ma resta da chiedersi se la nuova posizione dei Democratici resterà valida una volta che la guerra sarà conclusa e il periodo di Netanyahu al potere presumibilmente finirà.

Il loro coraggio potrebbe essere messo alla prova anche nel caso in cui Israele dovesse affrontare una seria minaccia militare da parte dell’Iran o delle sue organizzazioni per procura in Medio Oriente. Questa settimana l’amministrazione Biden ha informato i legislatori statunitensi sull’intelligence relativa a un’incombente risposta iraniana all’attacco al consolato di Damasco della scorsa settimana”.

Un sostegno che Biden ha ribadito in queste ore che sembrano preludere ad un attacco iraniano. Ma ciò non cancella il “divorzio”. Ne allunga, forse, i tempi. Il che dimostra, se ce ne fosse ancora bisogno, che gli opposti si sostengono a vicenda: Netanyahu e gli aytalollah di Teheran. 

Native

Articoli correlati